Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Maurizio Lorenzini

Maurizio Lorenzini

appassionato di atletica, istruttore Fidal e runner

SERVIZIO FOTOGRAFICO SU PIX.ENDU.NET - 16 gennaio 2022. Record di partecipanti! E già questa sarebbe una notizia, in un difficile periodo dove gli organizzatori sono costretti a rinviare le proprie gare, o addirittura annullarle. Invece al trail della Gallinara è stato realizzato il record di iscritti e classificati, questi i dati nel dettaglio, tra parentesi gli iscritti: 27 km, 165 (180); 12 km 164 (178). Da aggiungere 73 partecipanti alla non competitiva di 7 chilometri.



La gara sui 27 km (1300 mt di dislivello positivo) è stata avvincente, con l’esito incerto almeno fino a metà gara, quando l’emergente Riccardo Montani (Team Salomon) ha cambiato marcia ed ha continuato la corsa sino all’arrivo, suo il tempo di 2h15:48. Secondo posto per un altro atleta del team Salomon, il più volte nazionale Luca Carrara (2h19:06). Non è terminato lontano (2h20:53) un forte “evergreen” della RunRivieraRun, Giovanni Maiello, classi 1969.


Gara femminile apparentemente meno combattuta, con Chiara Giovando (Atl. Monterosa) che conclude la sua gara in 2h42:48. Segue in 2h49:11 Enrica Dematteis, della Podistica Valle Varaita. Terzo posto per Simona Demaria (2h53:06, Podistica Valle Grana).



C’era anche la gara-non-gara sui 12 chilometri, in quanto non competitiva; nessuna classifica, comunque alla fine la più veloce è stata Giuseppina Mattone (Boves Run), al maschile invece Lorenzo Parodi (Atl. Alessandria).

La 12 chilometri è stata anche la mia scelta: percorso spettacolare, con l’isola della Gallinara sempre alla vista a tenerti compagnia. Si corre, e talvolta si cammina per le pendenze, in mezzo alla vegetazione tipica della Liguria: ulivi, lecci, piante cespugliose di ogni tipo, anche “pungenti”, ahimè, qualcuno le ha sperimentate. Un percorso molto panoramico ma è meglio non distrarsi troppo, non si può certo definirlo pericoloso (altrimenti farei ridere i veri trailer) tuttavia meglio tenere gli occhi sul tracciato, e magari ripromettersi di tornarci per una passeggiata. Primo mille facile, su asfalto, poi si sale, persino un tratto su gradini; si procede sempre in salita, ma le pendenze non sono severe e talvolta si tratta di falsopiani. I conti invece si fanno dopo il sesto chilometro, una salita davvero cattiva e su fondo molto irregolare, un chilometro, forse meno, ma sembra molto di più, fino a raggiungere il punto più alto del percorso, poi finalmente si scende. Finalmente….si fa per dire, perché la discesa è spesso impegnativa, su fondo sconnesso e se ti sei giocato le gambe in salita…l'è düra (si dice dalla mie parti). Già, se poi il massimo del tuo allenamento padano lo hai fatto sui cavalcavia, c’è poco da pretendere. Ma queste sono le classiche situazioni dove sai di non poter essere competitivo ed allora te la godi (è sempre tutto relativo), ti guardi in giro. Assicuro che ne vale proprio la pena.

Speaker della gara Roberto Giordano.

Alla fine tutto bene, anzi davvero bene; bella gara, bene organizzata da quelli dell’Albenga Runners e la Baia del Sole. Logistica presso un campeggio, ampi spazi a disposizione per la gestione del ritiro pettorali (controlli anticovid più che adeguati ) e parcheggi. Difficile avere di meglio.

Arrivederci al 2023, credo proprio che tornerò da queste parti.

SERVIZIO FOTOGRAFICO SU PIX.ENDU.NET


 

Mercoledì, 12 Gennaio 2022 17:40

La Amarathon sarà comunque il 1° maggio 2022!

12 gennaio - Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa degli organizzatori veronesi della Amarathon che confermano la data dell'1 maggio quale data della loro manifestazione anche dopo lo spostamento della mezza maratona "Giulietta e Romeo", spostata dal 13 febbraio all’1 maggio 2022. A titolo informativo aggiungiamo che Pedemonte (VR) e Verona distano 11 chilometri tra loro.

Oggetto:- spostamento manifestazione Giulietta e Romeo al 01 maggio 2022

Apprendiamo che 01 maggio 2022 si terrà in provincia di Verona anche un’altra manifestazione podistica oltre all’Amarathon.
Amarathon è tradizionalmente legata alla data del 1° maggio per il suo indissolubile connubio con la ultra 50-ennale Festa dei vini classici della Valpolicella e fin dalla prima edizione si è svolta il 01 maggio, indipendentemente dal giorno della settimana in cui tale data sia caduta. Fin dal 2020, anno di inizio della pandemia, quando le gare in programma nel primo quadrimestre venivano sospese in attesa di decidere cosa fare, abbiamo sposato il principio di non spostare Amarathon in un momento diverso del calendario per non invadere lo spazio già occupato da altre corse. Siamo stati tra i primi a comunicarlo in modo chiaro e inequivocabile. Abbiamo in questo modo annullato l’edizione 2020 e 2021, certi che ci saremmo presentati nel 2022 non appena le condizioni lo avrebbero permesso nel rispetto dell’andamento della pandemia da Covid.
Vi aspettiamo, quindi, numerosi il 1 maggio 2022!

Staff Amarathon

11 gennaio 2022. Ci sono annullamenti gare ma ci sono anche conferme, è ovvio che le manifestazioni ad elevata partecipazione e che si svolgono nei grandi centri urbani sono ben più complicate. Diverso il caso di gare più piccole e che si svolgono in contesto che di cittadino hanno ben poco. E’ il caso di questo bel trail che si correrà il 16 gennaio.

Era stato raccontato in anteprima qui PRESENTAZIONE TRAIL DELLA GALLINARA .

Distanze e difficoltà per tutti i gusti: 7 km (200 metri dislivello +), 12 km (400 metri dislivello +), 27 km (1300 mt di dislivello +, gara fidal competitiva). Interessante che su questa gara sia caduta la scelta di diversi atleti di livello, che hanno corso e spesso vinto numerose competizioni in Italia ed all’estero; a cominciare da Donatello Rota (G.S. Orobie), molto forte nella disciplina Skymarathon. Luca Carrara (Altitude Race), diverse presenze nella nazionale di trail, del team Salomon; Riccardo Montani (Sport project VCO), anche lui fa parte dello stesso team di Carrara, atleta in crescita, soprattutto negli ultimi due anni

Iscrizioni aperte sino al 14 gennaio, ISCRIVITI QUI 

PAGINA FACEBOOK DELL'ORGANIZZAZIONE QUI  

11 gennaio 2022. Si poteva immaginare che la situazione covid avrebbe influenzato le scelte e le decisioni di alcuni organizzatori, in particolare quelle ad elevata partecipazione e che si corrono sopratutto nelle grandi città, ecco quindi che la mezza di Verona, meglio conosciuta come Giulietta e Romeo Half Marathon, si sposta dal 13 febbraio all’1 maggio.

Questo il comunicato del comitato organizzatore:

VERONA – Il 2022 è iniziato purtroppo per tutti noi con il forte aumento dei contagi da Covid-19 che sta continuando purtroppo la sua azione virale.

Dopo il secondo semestre del 2021 dove sembrava che l’epidemia fosse sotto controllo e dove Gaac 2007 Verona Marathon Asd era riuscita a organizzare con successo e soddisfazione la Giulietta&Romeo Half Marathon lo scorso 13 giugno e la Verona Marathon il 20 novembre, la volontà era per svolgere in maniera quasi normale, pur nel rispetto di tutte le normative, la Dermasphere Giulietta&Romeo Half Marathon del prossimo 13 febbraio.

Così purtroppo non sarà, constatato il perdurare dell’epidemia e il probabile picco massimo dei contagi che autorevoli voci indicano in fine gennaio-primi di febbraio, di comune accordo con le istituzioni locali la Dermasphere Giulietta&Romeo Half Marathon è costretta a riposizionarsi domenica 1 maggio 2022.

Gaac 2007 Verona Marathon Asd ha nella priorità organizzativa la sicurezza sanitaria da Covid-19, nel rispetto di tutti i partecipanti attesi, circa 8mila, sia nel rispetto di tutti i cittadini veronesi e la decisione è purtroppo inevitabile. Domenica 1 maggio appare ad oggi la miglior soluzione possibile all’interno di un calendario Fidal già molto fitto di gare e constatati anche i vari eventi extra running già schedulati nella città di Verona.

Consci che questa variazione potrà arrecare un cambio di programma a diverse persone tra le migliaia già iscritte per il 13 febbraio, la decisione è stata presa il prima possibile e comunicata appositamente oltre un mese prima dallo svolgimento. Si ritiene infatti fosse inutile rischiare di annullare l’evento magari solo qualche giorno prima, per non dire qualche ora prima, arrecando senz’altro un danno maggiore.

La speranza è che l’1 maggio il virus sia definitivamente alle spalle e che si possa parlare solamente di corsa, di grandi campioni, di divertimento, amicizie e turismo sportivo tanto importante per la città di Verona.

LE ISCRIZIONI - Tutti i partecipanti iscritti alla Dermasphere Giulietta&Romeo Half Marathon e alla Avesani Monument Run 10k sono automaticamente iscritti per domenica 1 maggio. Qualora qualcuno fosse impossibilitato a partecipare nella nuova data, l’organizzazione dà la possibilità di spostare la propria iscrizione a domenica 12 febbraio 2023, sempre in maniera gratuita. In tal caso è necessario attendere comunicazione via e-mail che i partecipanti riceveranno nelle prossime ore da parte di Tds-Enternow.

TARIFFA FISSA - Le iscrizioni erano e rimangono aperte, nel cercare di venire incontro a quanti più partecipanti possibili e nel cercare di sottolineare la buona fede degli organizzatori, la tariffa ad oggi in vigore di 38 euro destinata ad aumentare con l’aumento dei partecipanti fino a 40 e poi 42 euro, rimarrà sempre fissa a 38 euro fino a data gara 1 maggio 2022. 

Per quanto riguarda Stramilano non è ancora ufficiale la data, ma l’orientamento pare proprio verso il 15 maggio.

Ma questi cambi data a quanti daranno fastidio? Già, perché ci sono altre manifestazioni da tempo posizionate in quelle date e non saranno certo felici di trovarsi contro gare di questa importanza. A ciò si aggiunga la cosiddetta classificazione Gold-Silver-Bronze, che prevede criteri di accettazione gare (Fidal) secondo le distanze; ad esempio la mezza di Vittuone (MI) programmata per il 13 febbraio 2022, è stata costretta a spostarsi al 20 febbraio perché la mezza di Verona ha anticipato di una settimana la sua data tradizionale. In base al criterio delle distanze una gara di livello Gold non può avere concorrenza con gare della stessa tipologia (mezza maratona, nel caso specifico) nell’arco di 250 chilometri. Questa la regola, piuttosto discutibile, in particolare in casi come questo.

In ogni caso saranno diverse le gare, Fidal e non, ad essere svantaggiate da questi spostamenti, anche se per dovere di cronaca le date scelte per i rinvii tengono in gran parte conto del calendario di gare della stessa tipologia (mezza maratona); chiarisco che si tratta di gare Fidal, è difficile tenere conto delle tante gare competitive organizzate dagli enti di promozione sportiva. Ad esempio non saranno contenti quelli della Amarathon, gara di 21 chilometri sotto l'egida UISP che si tiene a due passi da Verona (Pedemonte), da tempo posizionata proprio l’1 maggio.

Domenica, 09 Gennaio 2022 14:31

Gattico-Veruno (NO) - 13^ Corri a Gattico

SERVIZIO FOTOGRAFICO IN CODA ALL'ARTICOLO

9 gennaio 2022. Siamo nella provincia di Novara, nei paesi di Gattico e Veruno, riuniti in un unico comune a partire dal 2019. Si è corso tra le valli del Ticino e dell’Agogna, una non competitiva di 12 chilometri (metro più, metro meno), su un bel percorso in prevalenza asfaltato ma sempre in aree boschive e ad una altitudine compresa tra 300 e 400 metri.

Temperatura intorno a zero gradi, alle 09.30, orario previsto e rispettato per la partenza, poi è venuto fuori il sole che ha mitigato il freddo pungente.

Organizzazione a cura dello Ski Runner di Gattico. Una manifestazione che non è mai stata in dubbio, nemmeno in questo periodo certamente non facile. Chissà, a prescindere da paure e limitazioni, magari è anche voglia di fare, un bel mix di un organizzatore determinato e ben supportato dagli enti locali che, fortunatamente per chi aveva voglia di correre, hanno offerto questa possibilità ai 300 partecipanti odierni.

Il percorso: partenza ed arrivo situati presso il Velodromo di Gattico, a differenza di quanto avveniva in passato. Una modifica figlia della situazione attuale, ma forse anche meglio perché la logistica è ottima in termini di spazi e parcheggi a disposizione.

Dopo un giro e mezzo sul velodromo ci si dirige sulla strada provinciale, poche macchine e automobilisti rispettosi non creano alcun problema, per quanto ho potuto vedere. Dopo il primo mille mi passa a doppia velocità Davide Daccò, che mi dà appuntamento alla sua Castano Race (6 febbraio, 10 km). A proposito, oggi organizzatore di gare, ieri atleta di buon livello: vicino ai 14 minuti sui 5.000 metri e sotto le due e venti in maratona.

Il percorso, ondulato, prosegue quasi sempre in leggera discesa sino al sesto chilometro quando si raggiunge la località di Oleggio Castello; è il punto più basso, circa un centinaio di dislivello negativo rispetto alla partenza da Gattico. Poi, ovviamente, si deve tornare su, ma sono pendenze facili, tranne un tratto boschivo un po’ cattivo di circa 300 metri.

E’ una non competitiva, nessuna classifica, tuttavia alla fine i più veloci sono risultati Micol Ramundo (G.S. Bernatese) e Andrea Soffientini, oggi Dinamo Sport, fino a ieri una vita con Azzurra Garbagnate.

Buona esperienza, innanzitutto perché…si è potuto correre e poi perché il “prodotto” offerto è stato decisamente valido; incasso che verrà devoluto all’Associazione Emmaland di Gattico-Veruno, altro punto di merito.

Grazie a Omar Lucas Morea ed al suo staff.

6 gennaio- Non si può certo dire che fosse partita bene l’edizione 2022, tornata alla sua data storica dopo lo spostamento a fine marzo del 2021. Il giorno prima, l’annullamento della gara new entry, con formula ad eliminazione (pochi iscritti); prima ancora il forfait di fortissimi atleti elite del calibro di Muktar Edris, Oscar Chelimo, Yeman e Nekagenet Crippa. E non  c’è stata nemmeno la possibilità di vedere la presentazione degli altri alla riunione del giorno precedente, nonostante fosse annunciata; a proposito, un seminario davvero utile ed importante, con relatori capaci e preparati. Peccato non aver visto tante donne, in fondo era per loro. 

Ma poi è stato il solito Campaccio, gare avvincenti, quantità e qualità, tante dedicate al settore giovanile (e qui mi si stringe il cuore a vedere correre tanti ragazzi e ragazze, ma anche gli esordienti). Complessivamente oltre 1000 gli iscritti, ripartiti in 255 master, 282 delle categorie giovanili (ragazze/i, cadetti/e, esordienti) e 517 assoluti. Una curiosità: guardando le classifiche ragazzi/e e cadetti/e da notare che le femmine sono complessivamente 107, i maschi 84, una situazione piuttosto rara, ma molto apprezzabile.

Gara assoluta uomini (10 chilometri)

Tanti gli italiani in gara, ovviamente: Iliass Aouani, Eyob Faniel, Yohannes Chiappinelli, Pietro Arese, Dario Di Caro (solo per citare i più noti) ma anche gli africani  Aron Kifle (Eritrea), Amos Serem (Kenya), campione del mondo siepi under 20, il 18enne Addisu Yihune; tutti insieme hanno dato vero spettacolo lungo i 10 chilometri del percorso suddivisi in cinque giri.

Gara che si risolve all’ultimo giro, quando il gruppetto che si era formato sin da inizio gara viene letteralmente sgretolato dall’attacco dell’etiope Yihune Addisu, un cambio di passo pazzesco che lo ha portato alla vittoria col tempo di 28’39. Secondo e terzo posto keniani con Emmanuel Korior Kiplagat (28’45) e Amos Serem (28’53). Sesta posizione per Eyob Faniel (29’15, Fiamme Oro), che precede Yohannes Chiappinelli (Carabinieri), ottavo in 29’21. A seguire Iliass Aouani (29:45, Casone Noceto) e Luca Alfieri (29’53, PBM Bovisio Masciago). Appena sopra i 30 minuti (30’02) il promettente Dario Decaro (Battaglio Cus Torino), reduce da un ottimo quarto posto alla BoClassic. 

Gara assoluta donne (6 chilometri)

Inevitabilmente grande l’aspettativa per Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre), la campionessa europea in carica di corsa campestre; vince in 18:48 l’etiope Dawit Seyaum, che bissa il successo alla BoClassic del 31 dicembre, con un finale di gara spettacolare, podio racchiuso in tre secondi. Seguono Rahel Ghebreyohannes Daniel (18’49, Eritrea) e Beatrice Chebet (18’51, Kenya). Sesto posto per Nadia Battocletti, arrivata sofferente per un infortunio occorso durante la gara. Nona Anna Arnaudo (19’41, Battaglio Cus Torino). 

In precedenza avevano aperto le gare i master SM35-40 e SM45-50, due batterie separate per 159 iscritti. Le donne, tutte le categorie, riunite con gli uomini SM55 e oltre; ne è venuta fuori una batteria piuttosto popolata (196 gli iscritti); un po’ tanti, non è stato facile correre nelle prime fasi di gara. Tra le prestazioni più rilevanti cito Gabriele Beltrami (APD Pont-Saint-Martin), categoria SM45, vincitore in 17’29 e Salvatore Gambino (SM40, DK Runners), che ha gareggiato nella batteria elite e realizzato il tempo di 32’12. 

Nel mezzo si è corsa la gara junior maschile (6 chilometri) ed il cross corto, sia maschile che femminile per le categorie junior, promesse e senior. Viene da pensare che le prove ad eliminazione del giorno precedente siano state disertate proprio per la presenza di quest'ultima gara. Al momento le classifiche non sono disponibili.

Infine, finalmente abbiamo visto Sara Meloni, la forte ragazzina ligure misurarsi su una distanza in linea con la sua categoria (EF) dopo tante prove lunghe ben poco in relazione alla sua età (è classe 2012). E, direi ovviamente, ha vinto percorrendo 650 metri in 2'44. Davvero bene così, e che sia il vero inizio di un grande percorso nell'atletica.  

Organizzazione praticamente perfetta, viene da dire che ci vuole ben altro che le normative Covid per mettere in difficoltà quelli dell’Unione Sportiva Sangiorgese

 

Giovedì, 30 Dicembre 2021 20:52

Mei non evita lo stop alla Werunrome

30 dicembre, notte - Nel giro di poche ore le notizie si sono accavallate. Dell'annullamento della Werunrome riferiamo in nota a parte

http://podisti.net/index.php/in-evidenza/item/8173-ultim-ora-annullata-la-we-run-rome.html

Nelle ore precedenti, ci erano giunti due comunicati che tentavano di scongiurare la decisione. Questa l''importante dichiarazione del presidente della Federazione italiana di atletica leggera, Stefano Mei, che prova a fare il punto su tutto quanto sta accadendo nel mondo delle corse su strada. 

La verità è fattuale, per dirla alla Crozza, le GARE SI POSSONO FARE.

Lo avevamo scritto subito  Il decreto Legge del 24 dicembre non ha fermato lo sport. Fa piacere vederlo ribadito dal massimo esponente del nostro movimento.

Ecco quanto ha dichiarato (ore 20,36) il Presidente Mei:

In riferimento alla richiesta di sospensione della Atleticom We Run Rome di domani, avanzata dal Servizio di Prevenzione e salute pubblica della ASL Roma 1 in ragione dell’evoluzione della pandemia, il presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera, Stefano Mei, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Apprendo con sorpresa dell’esistenza di questa richiesta, ma ne approfitto per ricordare che le manifestazioni di corsa su strada che si svolgono sotto l’egida FIDAL sono regolate da un rigido protocollo di sicurezza, concordato con le autorità al fine di tutelare la salute dei partecipanti e di coloro che, a vario titolo, sono coinvolti nell’organizzazione. Green pass, distanziamento, sanificazione, e per i runners, anche uso della mascherina nelle prime fasi di corsa, quelle normalmente più affollate. Il rispetto dei protocolli ed in generale della sicurezza dei partecipanti hanno sempre guidato le nostre scelte e quelle degli organizzatori. Dovremo abituarci a convivere con il virus, e la pratica sportiva, proprio per la sua capacità di sostenere la salute pubblica, va tutelata in tutte le sue forme”.

Ecco il precedente comunicato (ore 19,55) della Atleticom:

In merito alla richiesta di sospensione dell’Atleticom We Run Rome, Camillo Franchi Scarselli, presidente di Atleticom e del comitato organizzatore della gara, precisa quanto segue: « L’Atleticom We Run Rome, giunta alla decima edizione, è una gara inserita nel calendario nazionale della Federazione Italiana di Atletica Leggera e come tutti gli eventi sportivi agonistici è stata autorizzata dagli Enti preposti nei giorni scorsi in quanto organizzata nell’assoluto rispetto delle norme emanate dal Governo e quindi nel pieno rispetto delle prescrizioni previste dai protocolli emanati dalle autorità sanitarie e sportive in materia di prevenzione dal Covid 19. Il Comitato Organizzatore naturalmente come tutti condivide le preoccupazioni per la situazione pandemica ma fa presente che l’evento si svolgerà all’interno di una bolla protetta da centinaia di operatori preposti al controllo del rispetto di tutte le norme previste per il regolare svolgimento degli eventi sportivi».

Tutto ciò non è servito. Quattro ore dopo, il sito organizzatore ha dovuto comunicare ben altro.

Alle 22:45 un giornalista gentilmente mi ha girato l'ordinanza del Sindaco che qui allego.
Ordinanza di cui, sempre a mezzo stampa, avevamo letto la possibile genesi. Quindi ora, solo ora, mi trovo a dover veramente annullare la We Run Rome 2021.
Ci scusiamo con i tanti amici Runner iscritti e gli oltre 500 tra operatori della Protezione Civile, della Polizia Municipale, e le tante Associazioni e fornitori che si erano impegnati per mesi nella messa in opera di un evento, giunto alla sua decima edizione, dove ognuno di noi era impegnato nel seguire nei minimi dettagli i protocolli governativi e federali. Da quattro giorni, per diluirne la distribuzione, allo Stadio Nando Martellini stavamo consegnando i pacchi gara, e anche là i percorsi di entrata e uscita allo stadio impedivano ogni tipo di incrocio tra persone, dopo aver controllato ad ognuno temperatura, Green Pass, documenti.
Domani la gara si sarebbe svolta in una “bolla” tutelata da oltre 500 persone consapevoli della gravità del momento, preparate a gestire al meglio (e nel rispetto dei protocolli) le drammatiche circostanze in cui comunque tutti viviamo. Oggi, in un sopralluogo lungo la Via del Corso (anticamente la “via della Corsa”) osservavo che certamente il corridoio transennato che avevamo progettato sarebbe stato assai più sicuro della confusione in cui mi stavo trovando.
La sicurezza viene sopra ogni cosa. Siamo perfettamente consapevoli che tutti dobbiamo dare il massimo per contrastare la diffusione del Virus. Eravamo infatti convinti di aver fatto tutto il possibile, in costante coordinamento con gli Uffici del Comune e della Federazione di Atletica Leggera. Anche oggi abbiamo ricevuto le ultime PEC confermative.
Una grande amarezza e un grande danno per la città e tutti noi. Non aver ancora ricevuto a quest’ora alcuna comunicazione da parte degli Enti preposti, ma dover conoscere tutto solo dalla stampa, non può che far aumentare il dispiacere e lo stupore.

Vedremo poi se a Roma, oltre ai podisti, anche gli sfaccendati, i frequentatori compulsivi dei supermercati e i dediti allo struscio saranno ugualmente 'interdetti'.

30 dicembre 2021. La Federazione italiana di atletica leggera ha emesso oggi una comunicazione che riteniamo chiarisca cosa si può e non si può fare, però se leggiamo bene si parla di impianti sportivi, quindi piste di atletica. Eppure questo è un periodo dove l'attività viene fatta prevalente su strada, e nelle corse campestri.

E le corse su strada? Non se ne parla, pertanto si può desumere che nulla cambia. Gli annullamenti? Inutile tornarci sopra, ci siamo già espressi qui:

Il decreto Legge del 24 dicembre non ha fermato lo sport

se poi ci sono letture del DDL del 24 dicembre inesatte o incomplete, o altre ragioni localim non possiamo che prenderne atto; resta il fatto che le GARE SI POSSONO FARE.

Ci viene comunque in soccorso il presidente Fidal, Stefano Mei, che in serata ha fatto pervenire una sua dichiarazione in merito:

IL PRESIDENTE MEI: NO A STOP GARE SU STRADA 

Grazie presidente, anche se questo appello non ha evitato la cancellazione della WeRunRome che l'aveva originato; se poi prima possibile si ribadisce formalmente cosa succede anche nel settore "no stadia", organizzatori e podisti... apprezzerebbero. 

Comunque, tornando alla odierna comunicazione di Fidal, questo è quanto è stato comunicato:

A seguito della pubblicazione su Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge n. 221 del 24 dicembre 2021, si ritiene opportuno pubblicare un sintetico aggiornamento dei soli aspetti necessari ad applicare con chiarezza quanto stabilito dallo stesso Decreto, rispetto a quanto altro contenuto nei protocolli e nei disciplinari già pubblicati sul sito della Federazione.

PUBBLICO, TECNICI E DIRIGENTI

  • Nelle ZONE GIALLE e ARANCIONE l’accesso agli eventi sportivi e alle competizioni è consentito solo qualora in possesso della Certificazione Verde Rafforzata o Super Green Pass (*), con l’esclusione dei minori di anni 12 e dei soggetti esentati dalla campagna vaccinale;
  • Per il periodo compreso dal 6 dicembre 2021 al 31 marzo 2022 anche in ZONA BIANCA l’accesso agli eventi sportivi e alle competizioni sarà consentito solo qualora in possesso della Certificazione Verde Rafforzata;
  • Per il periodo compreso dal 6 dicembre 2021 al 31 marzo 2022all’aperto e al chiuso, è fatto obbligo di indossare soltanto dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2;
  • Per il periodo compreso dal 6 dicembre 2021 al 31 marzo 2022, per i soli eventi al chiuso è vietato il consumo di cibi e bevande;
  • La capienza degli impianti è del 50% all’aperto e del 35 % al chiuso, sempre con l’obbligo del rispetto del distanziamento minimo di 1 metro e disposizione a scacchiera.

LAVORATORI, VOLONTARI E GIUDICI DI GARA

  • L’obbligo del possesso della Certificazione Verde Base o Green Pass (**) si applica a tutti i lavoratori, compresi i volontari, operanti all’interno di un impianto sportivo all’aperto o al chiuso, con la sola esclusione delle persone di età inferiore ai dodici anni e ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale. I datori/gestori sono tenuti a verificare il rispetto della prescrizione;
  • Per il periodo dal 6 dicembre 2021 al 31 marzo 2022, a quanti operanti in impianti al chiuso, è fatto obbligo di indossare soltanto dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2.

TRACCIAMENTO

  • Rimane l’obbligo del tracciamento di quanti a vario titolo, atleti compresi, entrano in un impianto sportivo;
  • Rimane l’obbligo del rilevamento della temperatura corporea di quanti devono accedere all’impianto sportivo.

CERTIFICAZIONE VERDE BASE E RAFFORZATA PER ATLETI (***) E ACCESSO A SPOGLIATOI E IMPIANTI

  • La Certificazione Verde Base è richiesta agli atleti per accedere ad un impianto all’aperto anche successivamente alla data del 10 gennaio 2022;
  • La Certificazione Verde Rafforzata è richiesta agli atleti per accedere ad un impianto al chiuso;
  • La Certificazione Verde Base è richiesta a tutti fino al 9 gennaio 2022 per accedere agli spogliatoi degli impianti all’aperto e al chiuso;
  • La Certificazione Verde Rafforzata a partire dal 10 gennaio 2022 è richiesta a tutti per accedere agli spogliatoi degli impianti all’aperto e al chiuso, con la sola esclusione dei minori di anni 12, dei soggetti esenti dalla campagna vaccinale, degli accompagnatori delle persone non autosufficienti in ragione dell’età o di disabilità;
  • Qualsiasi Certificazione Verde, Base o Rafforzata, non può in nessun caso essere sostituita dall’Autocertificazione;
  • La Certificazione Verde deve essere richiesta ad ogni accesso all’impianto sportivo.

ACCOMPAGNATORI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI DURANTE GLI ALLENAMENTI

  • Gli accompagnatori possono assistere agli allenamenti negli impianti all’aperto e al chiuso nel rispetto delle modalità di accesso e permanenza del pubblico alle manifestazioni sopra descritte e nel numero massimo previsto dalla capienza ridotta dell’impianto.

(*) Certificazione Verde Rafforzata o Super Green Pass: si ottiene al completamento dell’intero ciclo vaccinale (eventuale booster o terza dose compresa) o a seguito di certificata guarigione da SARS COVID-19. Non si ottiene da esito negativo dei tamponi rapidi e molecolari.

(**) Certificazione Verde Base o Green Pass: si ottiene successivamente all’essere risultati negativi nelle ultime 48 ore ad un test rapido, oppure nelle ultime 72 ore ad un test molecolare.

(***) Per Atleti si intendono i soggetti tesserati come tali che hanno compiuto i 12 anni di età.

 

Il 22 dicembre WA (World Athletics), ex IAAF, ha definito una serie di regole (quelle attuali scadevano le 31 dicembre, quindi…just on time) che adesso, ma anche nel tempo, determinano le caratteristiche che devono avere le scarpe, ovviamente ci si riferisce alle manifestazioni ufficiali.

Per quanto riguarda le corse su strada nulla cambierà, il limite massimo (spessore della suola) era e rimane di 40 mm.

Per le corse campestri, già dal 1 gennaio 2022, è consentito l’utilizzo di scarpe chiodate con spessore massimo di 20 mm (prima era 25 mm), invece fino a 40 mm per le altre. Pur non praticando intensivamente la specialità del cross mi chiedo come sia possibile avere sotto 4 centimetri di suola correndo su erba e fango. Però mi chiedo, chi ha previsto di correre un cross a breve, esempio il Campaccio, dovrà quindi comprare nuove scarpe rispondenti ai requisiti?

Per tutte le specialità in pista (quindi non solo corsa) viene uniformato lo spessore di 20 mm, prima c’erano differenze, ad esempio fino a 800 mt ed oltre. Però questa regola entrerà in vigore solo da novembre 2024.

Poi, andando ad interpretazione del testo WA, pare che ci possano essere delle eccezioni o comunque dei successivi chiarimenti, in merito ad alcune situazioni, come nel caso di gare master.

Questo ed altro capiremo meglio nel tempo, c’è sempre un inevitabile periodo di adattamento (che WA chiama “provisional”) quando arrivano nuove regole.

Ma in Italia cosa è successo sinora e cosa succederà?

Una situazione complessa, che ha generato parecchia confusione sui campi di gara, mi riferisco in particolare alle gare in pista; provate a vedere la cosa dal punto di vista dei giudici preposti ai possibili controlli. I tempi tecnici, ad esempi in camera di chiamata, rendono di fatto impossibile il controllo di ogni singolo paio di scarpe, ecco che dopo una serie di difficoltà si è giunti … all’autodichiarazione. In pratica ogni atleta è chiamato a comunicare il tipo di scarpe che intende utilizzare in gara, assumendosi la responsabilità di quanto dichiara.

Fidal Dichiarazione scarpe/mod.66

ma come faccio a sapere quali sono le scarpe regolamentari e quelle che non lo sono? Credo che in genere gli atleti sappiano bene quali sono i modelli autorizzati e quelli “fuorilegge”, tuttavia ecco la lista, by World Athletic:

World Athletics Shoe Compliance List

La prima gara, per quanto a mia conoscenza, dove verrà richiesta la dichiarazione sarà al Campaccio, la famosa corsa campestre che si svolgerà a San Giorgio su Legnano il prossimo 5 e 6 gennaio 2022.

Regolamento di gara Campaccio 2022     

Qui il testo completo della disposizione by World Athletics

new-athletic-shoe-regulations-approved-2022

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un bel trail alla portata di tutti, perché propone distanze e difficoltà abbordabili per i podisti amanti della specialità trail, ma anche quelli più o meno avvezzi a correre fuori dall’asfalto. Il tutto nel magnifico scenario di panoramici unici e con un clima che farà sembrare meno freddo e più bello il periodo invernale. Ecco, in sintesi questo è il Trail della Gallinara, dal nome dell’isola, un’area naturale protetta, che con la sua magnifica vista accompagnerà gli atleti nel corso della loro gara.

Si correrà il prossimo 16 gennaio, e sarà la quarta edizione, per questa manifestazione organizzata dalla ASD Albenga Runners, in collaborazione la ASD Baia del Sole. Diverse le scelte disponibili, secondo la propria preparazione atletica ma… anche la voglia di fare fatica; in ogni caso, per tutti, la certezza di correre nella natura e con i classici scorci dell’entroterra ligure.

27 chilometri, 1300 metri di dislivello positivo, gara competitiva, partenza ore 09.00

12 chilometri, 400 metri di dislivello positivo, gara non competitiva, partenza ore 09.30

7 chilometri, new entry 2022, 200 di dislivello positivo, un trail-nordic walking, non competitiva.

E per chi vuole saperne di più, Fabrizio Fattor e quelli dell’Albenga Runners vi accompagnano passo dopo passo, con una minuziosa descrizione dei percorsi. Faranno venire di correre questo Trail della Gallinara

PAGINA FACEBOOK DELL'ORGANIZZAZIONE QUI  

ISCRIVITI QUI 

Gara competitiva, 27 chilometri

Il percorso fino al primo ristoro del Quadrivio (km 6,8) è identico a quello della 12K (vedasi il post del 27/11/2021). A questo punto si prosegue sul sentiero che si apre sulla sinistra per circa un km fino a giungere alla sella del monte Bignone; da qui, sempre tenendo la sinistra, si procede nel sentiero che porta verso la frazione alassina di Vegliasco. Giunti sull'asfalto si procede in salita per circa 400 metri per poi ridiscendere su sentiero che passa sotto la Madonna della Guardia. Giunti al 12° km si incontra un tratto in asfalto in discesa di circa un km da cui si può ammirare uno splendido panorama sulla Baia del sole e capo Mele. Giunti al bivio per Caso/Moglio si riguadagna lo sterrato in salita, a tratti impegnativa, che porta al piazzale della Madonna della Guardia (punto più alto del percorso) presso cui si troverà il secondo ristoro (14° km). Dopo il suggestivo passaggio attorno alla chiesa, posta in posizione dominante su Alassio e Villanova d'Albenga, si segue il sentiero di cresta che tocca il poggio Vallega e poi il monte Pisciavino. Quindi per una serie di saliscendi si torna alla sella del Bignone per poi guadagnarne la cima tramite breve ma ripida salita che comprende un tratto di facili roccette da superare con l'ausilio delle mani. In prossimità della cima il panorama si fa ampio, spaziando dalla costa a levante di Albenga, all'isola Gallinara e alla Baia del sole. Quindi si affronta una discesa, a tratti tecnica, che porta al terzo ed ultimo ristoro in località Quadrivio (km 19,5). Si percorre, così come la 12 km, il sentiero dell'onda; al km 21,4 le due gare si dividono nuovamente: gli atleti della lunga si getteranno in discesa fino alla frazione ingauna di San Fedele e da qui salita dura (un km al 20% circa di pendenza media) seguendo il sentiero del Teschio fino a giungere al monte Rosso. Da qui il percorso si ricongiunge con quello della 12k; le difficoltà altimetriche sono finite, si può dare tutto in discesa e poi pianura fino alla traguardo posto sulla spiaggia di Vadino.


Manifestazione non competitiva, 12 chilometri

La partenza, come quella della lunga, avverrà della spiaggia di Vadino con l'Isola Gallinara proprio là alle vostre spalle. Primo km circa su asfalto, si risale via Einaudi e, dopo aver attraversato via Piave, ci si dirige verso la chiesa si San Bernardino; dopo aver oltrepassato un paio di tornati ci si inerpica per una scalinata che ci porta sulla celebre via Julia Augusta (che collega Alassio e Albenga) che si percorre per circa un paio di km. Tornante secco a destra e si comincia a salire in maniera decisa; dopo alcune centinaia di metri il sentiero si stringe e il panorama inizia a diventare meraviglioso. Si attraversa una piccola strada asfaltata e ci si immette con un piccolo strappo sul sentiero detto dell'onda bassa da cui la vista si fa veramente spettacolare. E' un single track piuttosto nervoso che ci porterà fino a capo Santa Croce, in posizione dominante sul porto di Alassio. Da qui si sale in maniera decisa verso il cosiddetto Quadrivio attraverso il sentiero che si affaccia sulla Baia del Sole. Al quadrivio sarà presente il ristoro (siamo al km 6,8) e qui le gare si dividono: la 12 km proseguirà sulla destra imboccando il Sentiero dell'Onda, un sentiero con la S maiuscola, tutto con vista sulla Gallinara, un paio di chilometri su cui potrete veramente divertirvi e spingere al massimo. Poco dopo ci si innesta sul sentiero che scende dal monte Bignone e si affronta un sentiero in leggera discesa verso il monte Rosso. Da qui ripida discesa prima su strada sterrata e poi su sentiero più tecnico fino a tornare dalla scalinata di accesso alla via Julia Augusta. Infine si riprende la strada asfaltata affrontata all'inizio e con una volata in cui si darà tutto si arriverà al camping Italia cominciando a pregustare una merita birra.  

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina