Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 04, 2023 Ufficio Stampa RunCzech per l'Italia 980volte

Praga – Grand Prix Birell, trionfano Worku e Chepngetich; record europeo del tracciato per Yaremchuk

Vince Worku Vince Worku FotoUfficio Stampa RunCzech

2 Settembre - Sono stati oltre 6.500 i corridori che hanno partecipato al Grand Prix Birell 10K e alla Adidas Women's Race 5K, a caccia di emozioni e risultati, sotto gli auspici della first lady Eva Pavlova.

Vittoria per l'etiope Tadese Worku, uno dei talenti più straordinari dell'atletica mondiale, che ha conquistare il titolo di campione del Birell Prague Grand Prix dopo aver tagliato il traguardo in 27’35”. Al femminile, è la keniana Janeth Chepngetich la regina della gara grazie allo straordinario crono di 30’21” mentre l’italiana Sofia Yaremchuk ha stabilito il record europeo del percorso tagliando il traguardo in 32’14”, a soli due secondi dal record nazionale italiano. Per la nazione ospite, i vincitori sono stati Damián Vích (29’31”), del Team RunCzech Racing, e Tereza Hrochová (33’49”).

"Non so quale performance applaudire di più. Qui abbiamo un nuovo record europeo femminile del percorso e molti altri tempi veloci. I primi cinque uomini hanno tagliato il traguardo sotto i 28 minuti e le prime tre donne sotto i 31 minuti! Questo significa che abbiamo reso il percorso velocissimo, spero che i partecipanti di entrambe le gare si siano divertiti nella bellissima atmosfera serale," ha detto Carlo Capalbo, Presidente del Comitato Organizzatore della RunCzech.

Come previsto, Tadese Worku è partito velocissimo, lasciando tutti alle spalle. "È stata una gara dura. Gli spettatori hanno fatto il tifo fino al traguardo, il che mi ha aiutato molto. Sono entusiasta della vittoria. Sono molto felice", ha detto Worku. Il ventunenne etiope, che detiene il record del mondo di 26’56”, ha dovuto guardarsi dal keniano Alexander Mutiso, vincitore dell’ultima edizione della Maratona Internazionale di Praga di quest'anno, che ha conquistato la seconda piazza in 27’48”, di un soffio sul terzo classificato e membro del team RunCzech Racing, Vincent Kigen che con 27’50” ha fatto segnare il suo nuovo personal best.

Anche al femminile, le prime tre donne hanno battuto i loro record personali. La keniana Janeth Chepngetich ha dominato, migliorando il suo record personale di sette secondi e conquistando il sesto miglior tempo mondiale quest'anno. "Sono contenta. Tutto qui e l'atmosfera erano fantastici. Seconda in 30’45”, a 24” dalla vincitrice, la keniana Cintia Chepngeno che ha preceduto la connazionale Vivian Melly, terza in 30’58”.

L'italiana Sofiia Yaremchuk ha battuto il record europeo del percorso e ha mancato di due secondi il record nazionale italiano. "E’ sempre bello battere un record. Il percorso qui è molto veloce e gli spettatori sono fantastici", ha detto la nativa ucraina, che ha ottenuto il passaporto italiano solo due anni fa.

Tutti i fantastici risultati confermano solo che le piste di Praga sono veloci, competitive e di livello mondiale, con gli atleti più importanti che tornano a gareggiare su queste strade.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina