Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 15, 2024 614volte

Arrivo farsesco alla Mezza di Pechino: atleti squalificati

Brutta figura per gli organizzatori della mezza maratona di Pechino, disputata ieri nella capitale cinese. Il video delle ultime fasi di gara e che ha già fatto il giro del mondo, è stato imbarazzante, in quanto i keniani Robert Keter e Willy Mnangat e l’etiope Dejene Hailu che erano insieme al comando, negli ultimi 200 metri sembrava viaggiassero abbastanza lentamente. Di certo non davano l’impressione di prepararsi a combattere per la vittoria finale o i posti sul podio. 
La farsa è poi diventata una barzelletta ed il sospetto una certezza, quando il terzetto ha ulteriormente diminuito l’andatura per farsi raggiungere dal cinese Jie He che poi hanno invitato con ampi gesti al sorpasso. Lo hanno poi scortato al traguardo, senza nemmeno azzardare un cambio di ritmo.
L’idolo locale ha vinto, chiudendo nel non entusiasmante crono di 1:03:44. Tempo peraltro abbastanza in linea con le prestazioni di un atleta che ha dei personali poco sotto i 30 minuti nei 10000 e di circa 2.07 in maratona, come potete verificare anche voi sul profilo di World Athletic. Tra l'altro a fine gara ha dichiarato di avere intenzioni bellicose in vista dei Giochi olimpici a Parigi: auguri! 
Per carità, non è la prima volta che gli atleti stranieri vengono invitati e ben pagati anche per far fare bella figura all’atleta di casa, ma questa volta hanno recitato la parte molto male, come potete vedere voi stessi cliccando qui nel filmato del CorriereTV. Organizzatori ed autorità sportive stanno indagando sulla vicenda. 

Aggiornamento di venerdì 19/4: Robert Keter, Willy Mnangat e Dejene Hailu sono stati squalificati e l'organizzazione chiederà la restituzione dei premi in denaro distribuiti.

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina