Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 22, 2024 Fidal/Marco Buccellato 453volte

London Marathon: record mondiale "solo femminile" per Peres Jepchirchir

Peres Jepchirchir Peres Jepchirchir Foto Colombo/Fidal

21 Aprile - Dopo sette anni cade ancora a Londra il record del mondo di maratona solo femminile, per mano della keniana Peres Jepchirchir, oro olimpico 2021 e iridata in carica di mezza maratona, che in 2h16:16 toglie 45 secondi al limite stabilito con 2h17:01 da Mary Keitany nel 2017 che a sua volta lo aveva sottratto a Paula Radcliffe (2h17:42, ancora Londra, nel 2005). Gara con un finale entusiasmante, dettato dal cambio di passo della Jepchirchir a 500 metri dal traguardo, dopo l'ultimo terzo di gara condotto dal poker di atlete composto dalla Jepchirchir, dall'etiope Tigist Assefa che rimane primatista mondiale di maratona "mista" con 2h11:53 dell'anno scorso a Berlino, dall'altra keniana Joyciline Jepkosgei e dall'altra etiope Megertu Alemu. Una classifica da record, con il primato della Jepchirchir, il secondo posto della Assefa in 2h16:23, il terzo della Jepkosgei in 2h16:24 (miglior crono di sempre per una terza classificata e record personale di quasi un minuto), e il quarto in 2h16:34 della Alemu (anche per lei primato personale) per la prima maratona di sempre con quattro atlete capaci di scendere contemporaneamente sotto le 2h17. Sotto le 2h20 anche Brigid Kosgei (2h19:02) e Sheila Chepkirui (2h19:31).

Per la Jepchirchir anche il nuovo limite personale, che migliora di 50 secondi il 2h17:16 ottenuto a Valencia nel 2020, il successo londinese dopo il terzo posto nella scorsa stagione e il ritorno alla vittoria in una major dopo quello di Boston nel 2022. Miglior europea al traguardo, la britannica MacLellan in 2h29:15. Gara con il gruppo di testa ristretto a nove atlete dopo cinque chilometri e mezzo minuto di vantaggio sulle avversarie. La prima a staccarsi è Sheila Chepkirui al 20esimo chilometro, prima del cedimento di Ruth Chepngetich a metà gara. Via via la corsa perde un'altra protagonista, l'ex-primatista mondiale Brigid Kosgei che si stacca di 8 secondi al 25esimo chilometro, e la coppia di etiopi Yehualaw e Ketema che cedono poco prima del 30esimo chilometro. Questi i parziali della vincitrice: 15:44-31:26-47:37-1h03:35-1h07:05-1h19:38-1h35:56-1h52:48-2h09:13-2h16:16.

Nella gara maschile trionfa l'altro keniano Alexander Mutiso Munyao in 2h04:01, seconda vittoria in quattro maratone disputate e ora sempre più in odore di convocazione olimpica dopo essere stato già preselezionato. La notizia è anche il grande ritorno alla ribalta di Kenenisa Bekele, secondo in 2h04:15 (per l'etiope un altro record mondiale master M40), e l'entusiasmante rimonta dei britannici, che nell'ultimo tratto di cinque chilometri raggiungono e sorpassano alcuni degli specialisti africani più quotati e trovano gloria londinese con l'exploit di Emile Cairess, argento europeo di cross nel 2022, che coglie un inatteso terzo posto in 2h06:46 (secondo britannico di sempre dopo Mo Farah), e con l'ulteriore sorpresa del quarto classificato Mahamed (2h07:05, terzo britannico all-time) per una classifica che premia con la quinta piazza il francese Hassan Chahdi (2h07:30). 

Nella categoria wheelchair lo svizzero Marcel Hug vince per la quarta volta consecutiva a Londra e domina la seconda major in una settimana (1h28:35), dopo il trionfo di Boston lunedì scorso. L'ordine d'arrivo è identico a quello della maratona statunitense: secondo lo statunitense Daniel Romanchuk (1h29:06), terzo il britannico David Weir (1h29:58). La gara femminile vede un altro successo elvetico, stavolta doppietta, con primo posto di Catherine Debrunner (1h33:46, record della corsa) davanti alla connazionale Manuela Schar (1h39:38), seconda anche a Boston sei giorni fa, e alla statunitense Tatyana McFadden (1h40:17).

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina