Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 04, 2019 1096volte

Fasano (BR) - 10° Trofeo Città di Fasano

La vittoria di Giuliano Gaeta La vittoria di Giuliano Gaeta Foto Roberto Annoscia

2 Giugno - Per la prima volta nella storia del podismo pugliese, il “Corripuglia” ha fatto tappa a Fasano in occasione della 10^ edizione del Trofeo Città di Fasano, valida come 7^ prova del Circuito regionale su strada, il più importante e il più classico.

Tappa ottenuta grazie all’impegno e alla vittoria nel 2018 del Circuito Provinciale “Sulle vie del Brento” (di cui questa manifestazione costituiva oggi la 5^ prova) che portava ad entrare nel ristretto novero delle città aventi diritto ad ospitare il massimo circuito regionale.  Ad organizzare la Polisport Ciclo Club, società notevolmente cresciuta sotto la giuda di Oronzo Bagorda, fino a raggiungere i primi gradini nel panorama provinciale e regionale.  

Precise indicazioni, non appena entrati in città, portano alle due aree parcheggio, neanche troppo distanti dalla logistica della manifestazione. Ciascuna delle due aree presenta la schiera di cinque bagni chimici (dieci in totale!), davvero utili in una manifestazione che si svolge in pieno centro cittadino.
Presso la Scuola elementare Collodi, in viale della Resistenza, avviene il rapido disbrigo delle pratiche di iscrizione, con suddivisione in tre punti di ricevimento, secondo la provincia di provenienza; sette euro il costo dell’iscrizione, tariffa Corripuglia, non è previsto alcun pacco gara, ma la consegna di un buono riduzione famiglia per il famoso parco acquatico Acquapark, soluzione poco gradita dai più.

Giornata soleggiata, inizialmente non troppo calda, che invoglia comunque a correre in un annata che non ha mai portato la primavera; man mano, la temperatura andrà salendo, con i visi di alcuni atleti davvero distrutti all’arrivo, più per la perdita di liquidi dovuti al caldo che per la stanchezza. 
Speaker della manifestazione è Paolo Liuzzi, oramai la voce del Corripuglia, sempre preciso, attento ed arguto, sempre gradito ai corridori e familiari per la sua garbata simpatia.

La partenza avverrà su Corso Vittorio Emanuele II, dove l’organizzazione ha ben predisposto la zona di avvio, con la gabbia iniziale riservata agli atleti più veloci preselezionati dalla Commissione Regionale master del Comitato Fidal in base ai tempi di percorrenza sulla distanza e dotati di bollino distintivo sul pettorale; nella seconda… tutti gli altri, per garantire un minimo di meritocrazia e di sicurezza.

1074 gli iscritti, un buon numero se si considerano le tante concomitanze a cominciare dal Campionato Italiano 10km della sera prima a Genova, e poi competitive, non competitive e trail nell’intera regione che sottraggono atleti.

Partenza intelligentemente prevista per le ore 9.00: con sufficiente anticipo gli atleti sono tutti schierati dietro la linea di via, i soci della società organizzatrice si dispongono davanti per creare un cordone umano, mentre parte l’inno di Mameli.

Si celebra oggi la festa della Repubblica Italiana, l’inno nazionale dovrebbe far risaltare il nostro amor nazionale e ricordarci le qualità di noi italiani, secondi – se vogliamo - a nessuno. Si celebra oggi anche la Giornata Nazionale dello Sport, promossa dal CONI, il buon Stefano Labbate, referente locale, indossa la maglia celebrativa e ricorda che questa manifestazione rientra nel programma ufficiale.

“L’Italia chiamò”, intanto chiamano i Vigili che danno il via libera dal percorso, chiamano i Giudici che controllano che sia tutto pronto e sparano il colpo di via. Gli atleti invadono il Corso, la partenza mi sembra ordinata e senza problemi, e successivamente vanno a svegliare gli abitanti di Fasano.

Il tracciato che presenta diversi cambi di pendenza, risultando non certamente semplice, si dirama per gran parte su strade periferiche dopo aver inizialmente attraversato il centro cittadino, con relativo passaggio in zona arrivo, ma in senso opposto; tracciato che è stato studiato ed elaborato negli ultimi giorni, dopo l’inaspettata mancata approvazione della Polizia Urbana a quello già definito precedentemente.

Sulla distanza di 9300 metri, con due ristori d’acqua, continuamente segnalato dagli addetti, il percorso vedrà la presenza di qualche auto su alcune strade attraversate, incredibilmente inseritesi nonostante la presenza di alcuni vigili, con conseguenti lamentele all’arrivo dei partecipanti: per fortuna non si verifica alcun tipo di incidente, anche se fumo e rumore dei motori non sono certamente l’ideale per chi corre.   

Immediatamente in testa, Giuliano Gaeta (Montedoro Noci) corre e va a concludere in solitaria la gara, imponendosi in 30:48; per il 27enne atleta di Palo del Colle, l’ennesima soddisfazione stagionale, in un'annata che lo vede crescere anche dal punto di vista tattico.

Sempre temibile, il “patriota” Gianpiero Bianco (Running Team D’Angela Sport), che ritrovo con piacere, è secondo in 31:52, a precedere il bravissimo Antonio Di Giulio (Atletica Pro Canosa), che continua la sua scalata alla graduatoria, oggi terzo in 32:10.

“Top” Nuccio Busto (Dof Amatori Turi), al termine di una brillante prestazione, è quarto in 32:21, seguito dall’attivissimo Antonio Di Nunno (Atletica Pro Canosa), quinto in 32:37, e dal caparbio Antonio Cardone (Dorando Pietri Pezze di Greco), sesto in 32:54.  Settimo posto per il capace Michele Di Carolo (Atletica Amatori Cisternino) in 33:00, davanti al tenace SM50 Michele Tedone (Amici Strada del Tesoro Bari), ottavo in 33:23, e al sempre più forte Francesco Minischetti (Running People Noicattaro), nono 33:23. Chiude la top ten il terribile SM60 Giuseppe Lagrasta (Atletica Pro Canosa) - fresco campione italiano di categoria sui 10km in pista – decimo in 34:03.

Al femminile, sempre più vincente e… sorridente, ecco Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), che domina la gara, affermandosi in 35:21 a braccia alzate. Davvero brava anche Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano) che ottiene un prestigioso secondo posto in 37:51, seguita dalla rivelazione 2019, l’ottima Luana Chiara Piscopo (Dream Team Bari), terza in 38:53.
La “certezza” Mara Lavarra (Amatori Putignano) è quarta in 39:42, seguita dalla tenace Nicoletta Ferrante (Atletica Tommaso Assi Trani), quinta in 40:14, e dalla reattiva Stella Giampaolo (Atletica Monopoli), sesta in 40:50. Settimo posto per la determinata Grazia Anastasia (Podistica Grottaglie) in 40:55, con Alessandra De Luca (Ostuni Runner’s), che non si arrende mai, ottava in 41:07, Rita Simone (Nadir on the road Putignano), sempre positiva, nona in 41:51, e la grintosa Vincenza Falcetta, (Gymnasium San Pancrazio Salentino), decima in 42:01.

991 i finisher, chiudono le rispettive liste Antonella Stani (Ikkos Atleti Taranto) in 1:24:43 e l’86enne Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto) in 1:32:08.

Un buon ristoro finale, con bicchiere di the consegnato immediatamente agli atleti appena usciti dagli imbuti di arrivo, vaschetta di albicocche, banana, succo di frutta e acqua, permette di ritrovare le forze, soprattutto spossate dal caldo, finalmente giunto, ma troppo improvvisamente.

Sull’ampio palco posto in Pazza Ciaia, in gran rapidità (complimenti anche ai compilatori delle classifiche!), si comincia con le premiazioni, alle presenza di Giuseppe Ventrella, socio della Polisport, ma soprattutto locale assessore ai Lavori Pubblici, in rappresentanza dell’Amministrazione Cittadina.
Partendo logicamente dai vincitori, Gaeta e Tropiano, che portano a casa il trofeo e una cassa di prodotti alimentari, si prosegue con i miglior cinque di ciascuna categoria (il presidente Bagorda allunga in corsa la premiazione per tutte le categorie…). Per i primi tre la suddetta cassetta di prodotti alimentari locali, a seguire un duo di bottiglie di buon vino.

Un premio è consegnato anche ad Antonella Stani, ultima donna a tagliare il traguardo, prima di passare alle prime cinque società per numero complessivo di arrivati. Vince la Tommaso Assi Trani con 52 finiosher, su Atletica Monopoli (51), Amatori Putignano (51), Nadir on the road Putignano (48) e Amici Strada del Tesoro Bari (43), i cui presidenti ricevono una simpatica targa.

La foto di gruppo degli organizzatori, i ringraziamenti del presidente Oronzo, i saluti di Paolo e la manifestazione è conclusa, si parte ora con lo smontaggio e il ripristino della città verso l'aspetto usuale.

Onestamente, data la poca esperienza a gestire una manifestazione così numerosa, avendo poi saputo dell’improvviso cambio di tracciato, temevo di riscontrare problemi nello svolgimento della gara: ma a questo punto (pacco gara a parte…) doverose sono le scuse e i conseguenti complimenti agli amici della Polisport Fasano, dimostratosi bravi e davvero tanto ospitali.            

  

 

 

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina