Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 05, 2019 Ufficio Stampa Evento 498volte

Vigolo Vattaro (TN) – 2^ Vigolana Skyrace: vincono Debiasi e Pretto

Debiasi in azione Debiasi in azione Foto Organizzatori

4 Agosto - Andrea Debiasi ha concesso il bis alla Vigolana Skyrace e ha iscritto il proprio nome nel giovane albo d’oro della competizione per il secondo anno consecutivo. L’atleta di casa ha coperto i 20 chilometri e 1700 metri di dislivello positivo del percorso in 2h09’29” e ha fatto segnare il nuovo record della manifestazione, emulato in campo femminile dalla vicentina del Team La Sportiva Francesca Pretto, prima all’arrivo in 2h47’18”. Un tempo di circa 5 minuti più basso rispetto a quello che nel 2018 aveva garantito il successo a Elisa Presa.

Sul podio, assieme ai due vincitori, sono saliti la coppia del team La Sportiva composta da Daniele Andreis (2h12’24”) e dal moriano Christian Modena (2h14’46”) nella gara maschile, mentre nella prova in rosa hanno chiuso seconda e terza la giudicariese della Comano Mountain Runners Giulia Orlandi (2’52”54) e la portacolori del Lagarina Crus Team Silvia Battisti (2h53’56”).

La seconda edizione della gara promossa dall’Asd Senza Freni ha fatto registrare il sold out, con 300 atleti schierati ai nastri di partenza, numero massimo fissato dagli organizzatori. Un dato che la dice lunga sull’apprezzamento del percorso da parte dei runner, premiati da una splendida giornata di sole.

Il tracciato, rimasto immutato rispetto a quello dell’edizione 2018, ha toccato le suggestive vette del Becco di Filadonna, la Cima Vigolana e il Becco della Ceriola, con partenza e arrivo allestiti nelle verdi campagne di Vigolo Vattaro. Già nel tratto iniziale, il campione in carica Andrea Debiasi – parte attiva nell’organizzazione - ha preso in mano le redini della corsa, seguito in un primo momento da Daniele Andreis, con Christian Modena poco dietro. L’atleta di casa si è poi reso autore di una progressione che ha fiaccato la resistenza del duo del Team La Sportiva. Il forte portacolori del Team Crazy è transitato tutto solo in vetta al Becco di Filadonna (km 7,5), con 1'38" di vantaggio su Andreis, e ha quindi tirato dritto fino all’arrivo.

Il vincitore ha realizzato anche il nuovo record della gara, 2h09’29”, di oltre due minuti più basso rispetto a quello che gli consentì di imporsi dodici mesi fa. La lotta per la piazza d’onore ha premiato Daniele Andreis, che è riuscito a tenere a distanza Christian Modena, terzo davanti al trentino di Pergine Fabiano Roccabruna, altro membro del comitato organizzatore. Alle sua spalle, a completare la top 5, Alessandro Giovannini.

Nella gara femminile, Francesca Pretto è partita con l’obiettivo di transitare per prima in vetta al Becco di Filadonna. L’atleta vicentina, già seconda nel 2018, è riuscita nel proprio intento e ha poi mantenuto la leadership fino all’arrivo, tagliato dopo 2h47’18”. L'attenzione, a quel punto, si è spostata sulla sfida per il secondo posto, che ha premiato Giulia Orlandi, con Silvia Battisti terza. Le due hanno chiuso a un minuto di distanza l’una dall’altra.
Per loro ci sono stati i meritati applausi del pubblico, che ha omaggiato tutti i 300 concorrenti in gara, 100 in più rispetto al 2018. Il giusto premio per il lavoro svolto dal comitato organizzatore, che può guardare con rinnovata fiducia alla terza edizione della gara. Un evento che dimostrato di avere le carte in regole per ritagliarsi uno spazio importante nel panorama delle skyrace.

Le interviste ai protagonisti:

Il bis di Andrea Debiasi, la prima volta di Francesca Pretto. Sono loro i due volti da copertina della seconda edizione della Vigolana Skyrace, entrambi capaci di far segnare il nuovo record della manifestazione:

«Ho vissuto una giornata fantastica, in primis per il grande tifo sul percorso – ha commentato Debiasi appena tagliato il traguardo – Ripetersi non è mai facile, nella gara di casa lo è ancora di più. Sinceramente non pensavo di poter fare il record. Vengo da un periodo in cui sono riuscito ad allenarmi poco. In vetta alla salita ho visto che il riscontro cronometrico era quello dello scorso anno, all’inizio della discesa leggermente inferiore. A quel punto mi sono buttato “a tutta” verso l’arrivo. Dovevo sfruttare l’occasione e sono contento per come è andata. Per la vittoria e per il tempo finale».

Debiasi è anche nel comitato organizzatore della gara, che ha raccolto l’apprezzamento unanime dei partecipanti. «Abbiamo proposto questa skyrace per la prima volta un anno fa, con l’obiettivo di fare le cose per bene – ha aggiunto Debiasi – Il percorso è veramente bello, con i ristori dislocati nei posti giusti. La risposta degli atleti ci sta premiando e continueremo a lavorare per far crescere la manifestazione».

Il primo dei battuti è stato Daniele Andreis, comunque soddisfatto del proprio risultato. «Sono veramente contento di come è andata – ha dichiarato il secondo classificato – Era difficile pensare di tenere il ritmo del campione di casa. Ho provato a stargli vicino in salita, ma non c’è stato nulla da fare. A quel punto ho iniziato a guardare indietro: vedevo Modena, ma sono sempre riuscito a tenere un buon margine di vantaggio su di lui. Per me è stata la prima esperienza in questa gara e non potevo chiedere di più, in primis per la bellezza del percorso. Una corsa tosta, ma che in alcuni tratti è molto corribile e permette di rifiatare, con una cresta molto tecnica, come piace a me. Un “bravi” agli organizzatori».

Non può che essere soddisfatta anche la vicentina Francesca Pretto, che dopo il secondo posto del 2018 è riuscita a centrare il bersaglio grosso, con tanto di record. «Sinceramente non ci speravo – ha spiegato la vincitrice – Sono partita con l’obiettivo di arrivare per prima al Becco di Filadonna, un posto magico per me. Sono riuscita a farlo e, a quel punto, ho proseguito con il mio passo. Meglio di così non poteva andare. Gli scenari offerti dal percorso di gara sono stupendi e per quello ho voluto esserci anche quest’anno. L’organizzazione è ottima, accogliente. È arrivata anche la vittoria, non potevo chiedere di più».

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina