Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ago 05, 2019 529volte

Premiato Maratonificio di Orta, fornitori Casa Reale

Premiato Maratonificio di Orta, fornitori Casa Reale Foto: www.orta10in10.com

Sabato 3 Agosto è partita la sesta edizione della “Orta 10 in 10”, kermesse podistica che per dieci giorni offre quotidianamente la possibilità di correre una maratona, ma non solo. Nel menù, ogni anno più ricco, si sono aggiunte le opzioni 10 chilometri, maratonina e da quest’anno anche la ultra da 50 chilometri. Domenica siamo andati anche noi a dare un’occhiata, anzi qualcosa di più, perché il richiamo della foresta ci ha spinto a riprovare, dopo quasi una decade, i fatidici 42195 metri, invogliati da un tempo massimo di otto ore che rassicurava sul fatto di riuscire, in qualche modo, a portare a casa il risultato.

Luogo di partenza, arrivo e quartier generale il Lido di Gozzano, dove alle ore 8 partono in contemporanea tutte le gare. Percorso impegnativo, nominalmente solo al 15% in sterrato, ma specialmente all’inizio con tanti sassi e radici a cui fare attenzione. Anche il dislivello, dichiarato di 330 metri per i maratoneti, forse è qualcosa di più o almeno così è sembrato al nostro GPS che ne ha contati 437. Insomma, di tratti in perfetta pianura ce ne sono pochini. Partiti dal lido, il tracciato costeggia il lago, molto spesso in zone gradevolmente ombreggiate. Si tocca Pella e si arriva, in salita fino a Ronco, al giro di boa della mezza, da dove si ritorna alla partenza. Per mezzimaratoneti a quel punto è finita, mentre i maratoneti devono rifare il giro. Ai partecipanti alla 50km toccherà un altro pezzetto.

Circa 200 atleti al via domenica, di cui grosso modo la metà impegnati sulla distanza regina. Tra di loro molti partecipanti che resteranno qui tutti i dieci giorni per riuscire a collezionare le dieci medaglie che unite insieme formeranno un bel medaglione puzzle. Oltre a dar luogo ad una classifica generale di tutta la manifestazione. Nel plotone dei maratoneti molti specialisti o forse sarebbe meglio dire innamorati di questa distanza. Loro apprezzano Orta perché consente di appuntare altre dieci bandierine nei loro peraltro già ricchi registri che per l’Italia sono coordinati proprio dalla Casa Reale dei 42km, il  Club Super Marathon Italia che organizza questo evento. Alcuni sono veri e propri personaggi che meriterebbero degli articoli di descrizione a parte.

Ottima l’organizzazione, con cronometraggio, ristori, pasta-party, docce, toilettes e tutto quanto necessario. Gli accompagnatori possono aspettare i runner godendosi la spiaggia del lido e facendo un bagno. Inoltre per le serate sono programmate diverse animazioni comprensive di gite in barca e tanto altro. Servizi che prevedono anche un parcheggio per chi è venuto in camper ed una struttura scolastica dove i più parsimoniosi possono passare la notte, anzi le notti.

Chiudiamo con i vincitori del 4/8: Marco Bonfiglio (Impossibile Target) sui 50km, Marco Ferrari (Atl Paratico) in Maratona, Gabriele Signorelli (CUS ProPatria Milano) per la mezza ed Ivan Doniselli (La Michetta) nei 10km. E ricordando che fino al 12/8 c’è gente che corre tutti i giorni sul lago. Se volete, potete andare anche Voi, in quanto è possibile iscriversi anche in mattinata, arrivando per tempo.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina