Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Dic 24, 2019 1044volte

Modugno (BA) - 5^ Natale in Corsa

La partenza La partenza Foto Antonia Annoscia

22 Dicembre – La bufera di pioggia e vento, scatenatasi appena dopo il via, ha conferito ancor più l’aspetto invernale alla quinta edizione del “Natale in corsa”, la gara che si corre tradizionalmente l’ultima domenica prima del Natale, a Modugno, fattivo centro commerciale a pochi chilometri dal capoluogo pugliese. 

Ad organizzarla la locale Associazione “La Pietra”, che con semplicità e senza troppi orpelli, riesce ad allestire una manifestazione concreta e ben fatta, come nello stile di tutti i soci, a cominciare dal mitico presidente Mimmo Caporusso, sempre attivo e presente, più forte di ogni avversità.

Dopo un anno di migrazione, si ritorna nella tradizionale Piazza Sedile, in pieno centro: la difficoltà più grande è reperire un parcheggio vicino, anche se l’organizzazione consiglia di lasciare le auto in Via Padre Annibale di Francia, praticamente davanti al mercato comunale, facendo qualche passo in più a piedi.

Risolto il problema delle auto, si passa a ritirare pettorali e chip, con iscrizione fissata a 6 euro: un pacco ristoro sarà consegnato nel dopo gara.

A disposizione degli atleti la vicina struttura pubblica di bagni; qualche wc chimico sarebbe stato gradito, anche se tutti i bar della zona sono disponibili a permettere l’accesso ai clienti.

Temperatura freddina, il sole cerca comunque di farsi spazio tra le nubi, si tifa per una giornata soleggiata…

Presenta la manifestazione Giuseppe Zambetta, simpatico e vitale speaker degli eventi di questa società da sempre, che con cuore e buona volontà riesce a dare linfa alla gara.

634 gli iscritti, più una cinquantina di liberi, per questa dodicesima ed ultima tappa del circuito provinciale “Terra di Bari”, che oggi emette gli ultimi verdetti a livello individuale e di società.

Partenza intelligentemente fissata alle ore 9.00: sono giorni di festa, utile e onesto liberare appena possibile le strade, permettendo alla città di vivere liberamente.

Cielo sempre più grigio mentre gli atleti cominciano le rituali operazione di risveglio muscolare, intervallate da auguri, selfie e foto varie.

Zona partenza adeguatamente preparata con “gabbia” iniziale riservata ai primi cinquanta e alle prime venti della precedente tappa del Circuito, a Bitritto: gli atleti hanno il pettorale contrassegnato da uno speciale bollino, con alcune wild card che permettono l’accesso a chi è notoriamente forte, come il buon Mimmo Ricatti, favorito numero uno al maschile.
Favori per Damiana Monfreda al femminile. Vedremo se rispetteranno le… consegne e riusciranno ad imporsi nelle rispettive graduatorie.

Tutto pronto per le ore 9 in punto, un passo indietro richiesto agli atleti per partire regolarmente, la musica sparata e le mani degli atleti che la seguono ritmicamente per riscaldarsi: si attende il comandante dei Vigili per iniziare, mentre il cielo è sempre più minaccioso.

Passa qualche minuto, finalmente è tutto pronto, lo sparo del Giudice starter, gli atleti partono e con loro parte anche la pioggia, inizialmente debole, fino al passaggio degli atleti dopo circa un chilometro, nei pressi della zona partenza; ma per aumentare sempre più di intensità mentre i protagonisti proseguono il loro percorso.

Tracciato veloce, con qualche piccola variazione di pendenza, ma appesantito dal tratto di sterrato di oltre un chilometro, anche perché la pioggia è sempre più forte e costringe a sporcarsi non poco. Progressivamente avviene il rientro in città, ora il pericolo è non scivolare sulla pavimentazione a chianche, prima di lanciarsi nel lungo sprint che conduce a tagliare il traguardo, posto sul punto di avvio, ma in senso contrario.

Tracciato di circa 10000 metri, ben sorvegliato e chiuso al traffico veicolare nonostante la pioggia, con ristoro con bottigliette d’acqua a metà distanza, senza alcun problema insomma.

Un favorito avevamo indicato e Mimmo Ricatti (Terra dello Sport Napoli) non tradisce e vince “comodamente” in 33:48, allungando nella seconda parte, dopo una prima fase di studio. Complimenti al simpatico atleta di Barletta, dotato di una parlantina e di una carica enorme, sempre gentile e disponibile.

Francesco Milella (Pedone Riccardi Bisceglie), non appena tornato a casa per le ferie natalizie, coglie un importante secondo posto in 35:05, seguito dal compagno di team, lo splendido Sabino Gadaleta, esempio di correttezza, terzo in 35:20.

Quarto posto per il professor Carl Victor Rice, il gallese della DOF Amatori Turi, che festeggia al meglio il titolo mondiale del suo Liverpool, con la quarta posizione in 35:31; Simone Colasuonno (Amatori Atletica Acquaviva),con il suo impertinente ciuffo giallo, segue al quinto posto in 35:34, solo quattro secondi avanti al piacevole ritorno del capace Stefano Fornarelli (Atletica Bitritto), sesto.  Il tenace Riccardo Tragno (Pedone Riccardi Bisceglie) è settimo in 35:43, a precedere l’ingegnere oramai piemontese Marco Calò (a casa per il Natale), ottavo in 35:51, e il 17enne Daniele Cappelluti (Amatori Atletica Acquaviva), che allenandosi meglio coglie i relativi frutti, ed è nono in 36:10. Da segnalare la lotta per il decimo posto: Nicola Mastrodonato (Pedone Riccardi Bisceglie), al rientro dopo due mesi di fermo, si rende protagonista di un’ottima rimonta, fino a scivolare a circa un chilometro dal traguardo, con pronto aiuto a rialzarsi offerto da Lorenzo Taldone (Amatori Atletica Acquaviva), che sopraggiunge: la mano porta e presa dal compagno-rivale, trasferisce ad entrambi energia positiva e parte uno spettacolare sprint che si conclude a favore di Taldone in 36:19, due secondi prima di Mastrodonato, con relativo scambio di complimenti, nell’esaltazione del vero sport, fatto di correttezza, amicizia ed agonismo.       

Pronostici rispettati anche in campo femminile: il finale di stagione è tutto di Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva), che domina la gara concludendo quarantanovesima assoluta in 39:49. Piazza d’onore per la grintosissima Milena Casaluce (Nuova Atletica Bitritto) in 41:43, con la combattiva Silvana Iania (Free Runners Molfetta), terza in 42:19, per la gioia di Gaetano Milone, il suo primo tifoso.
Gioventù e forza per il quarto posto della 17enne Angelica Coviello (Nuova Atletica Bitonto) in 43:07, seguita dalla sempre performante Roberta Fiorentino (Atletica Fiamma Giovinazzo), quinta in 43:15, e dal ritorno a “buoni” ritmi di Valeria Cirielli (Amatori Atletica Acquaviva), sesta in 43:45. La brava Stefania Antonaci (Bio Ambra New Age Capurso) è settima in 44:06, seguita dal duo di amiche-rivali Sandra Barbieri (Manzari Casamassima) e Maddalena Carella (La Fenice Casamassima), ottava e nona, ma entrambe in 44:19. Chiude la top ten femminile, la determinata Alessia Bechi (CUS Bari), al traguardo in 44:41.

557 i finisher, tutti giunti sotto la pioggia, con graduatorie chiuse da Vincenzo Mirizzi, l’86enne dell’Atletica Bitritto, in 1h33:26, e da Doriana Mongelli (Amici del Cammino Barletta), in 1h34:08.

Tagliato il traguardo, dopo il ritiro del sacchetto ristoro, segue il momento più bello e conviviale, con il pasta e ceci party, in fumanti piatti offerti conditi da ottimo olio, e accompagnati da bicchieri di buon Primitivo; per gli astemi, da bottiglie di acqua.

Finalmente non piove più, anche il vento si riduce leggermente, e si può procedere alla cerimonia di premiazione, alla presenza del presidente provinciale della Fidal Bari, Francesco De Mattia.

Si comincia con il quadro offerto dal presidente Mimmo Caporusso a Nicola Petranca (DOF Amatori Turi), suggello di tanta amicizia e della lotta a testa alta al Parkinson, regalando momenti di vera commozione a tutti i presenti.

E’ il turno dei due vincitori, Ricatti e Monfreda, premiati con confezione natalizia e (penso) un monile; a seguire, i primi tre di ciascuna categoria, tutti premiati con confezione natalizia di diversa consistenza.

L’estrazione del viaggio offerto dall’agenzia di Viaggi Vivi e Sorridi di Bari, dell’intraprendente Vito Viterbo, premia dopo alcuni tentativi a vuoto (vale solo per i presenti…) Michele Michelucci (Runners del Levante Bari), che correrà la Roma-Ostia.

Per chiudere, è il turno delle prime cinque società per numero complessivo di arrivati, premiate con originalissimo trofeo: domina, come l’intero Circuito, la DOF Amatori Turi con 36 finisher, su Podistica Canusium 2004 (23), Amici Strada del Tesoro Bari (23), Bari Road Runners Club (20) e Runners del Levante Bari (19).  

La foto di gruppo degli organizzatori e la festa  finita: ci si può davvero avvicinare al Natale… in corsa, con i complimenti per gli ottimi e fattivi amici de “La Pietra” Modugno.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina