Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 19, 2021 Comunicato Comitato Organizzatore 202volte

Choban, un ucraino primo alla Mezza di Caprera

Il vincitore Oleksandr Choban Il vincitore Oleksandr Choban Foto Carlo A.Impagliazzo

19 settembre 2021. Una prima edizione di lusso, per la Mezza di Caprera. La mezza maratona sarda, dopo l’assaggio “virtual” dello scorso anno, ha finalmente iniziato un cammino che si spera lungo e felice e lo sperano soprattutto coloro che hanno preso parte a questo battesimo, non mancando di riversare sugli organizzatori, anche via social, molti complimenti. La gara allestita fra le isole di Caprera e La Maddalena ha riportato la grande atletica nell’Isola e i numeri potranno sicuramente aumentare, soprattutto continuando sulla via della normalizzazione.
L’albo d’oro della corsa viene inaugurato da due atleti stranieri, com’era prevedibile alla vigilia leggendo il parco atleti. Oleksandr Choban, nazionale ucraino di trail già protagonista per tutta l’estate sulle strade della Sardegna, aggiunge un’altra perla alla sua fresca collezione aggiudicandosi la gara sui 21,097 km in 1h18’32”. Il portacolori della Pod. Olbia ha però dovuto faticare nella prima parte del percorso per liberarsi della scomoda presenza di Giuseppino Cossu (Sos Iddanoesos) che ha chiuso con un distacco di 1’21”, più lontano Angelo Todde (Pod. Olbia) a 4’58”. Successo austriaco fra le donne, anche qui grazie a una specialista del trail, Isabell Speer che ha fatto fermare i cronometri sul tempo di 1h34’18” davanti a Leonarda Cantara (Gs Monte Acuto Marathon) a 4’12” e a Lorena Piastra (TX Fitness) a 9’04”.
Nella prova sui 10,5 km, che prendeva il via da La Maddalena (l’altra direttamente dalla partenza/arrivo di Piazza Riva a Caprera) primo posto per Roberto Piras (Shardana At.) in 43’41” con 10” su Marco Masia (Pod.Sassari) e 16” su Gabriele Figara (Uisp Abbadia San Salvatore). Ad Antonella Altea, atleta della Cagliari Marathon giunta addirittura ottava assoluta, la gara femminile in 48’24”, alle sue spalle Marilena Fois a 2’08” e Anna Rita Zanda a 2’29”, entrambe della Dinamica Sassari.
La prima edizione va così in archivio grazie anche all’impegno delle autorità locali, del Parco Nazionale de La Maddalena e dell’Asi che hanno sostenuto lo sforzo di Sportisola nel riportare un grande evento atletico in regione. Questa è la base, ora si costruirà l’edizione del prossimo anno con l’obiettivo di fare ancora di più.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina