Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 26, 2021 Ufficio Stampa Evento 605volte

Arezzo - 22^ Maratonina, Campionato Italiano Master

Il vincitore Panuel Mkungo Il vincitore Panuel Mkungo Foto Organizzatori

26 Settembre - E’ stata una vera festa per il settore Master questo ritorno del Campionato Italiano dei 21 km dopo la mancata effettuazione, in quel di Numana del 2020, causa pandemia. Non cifre da capogiro in quanto ad iscritti (547), pure calate per gli effettivi partenti (480), sono stati 452 gli arrivati di cui 347 uomini e 105 donne.

Sotto l’aspetto tecnico agonistico, la Maratonina organizzata dall’UP Policiano Arezzo Atletica ha pure fornito risultati di buon spessore, anche se sono venuti a mancare i favoriti sulla carta sia al maschile sia in minor parte al femminile; infatti hanno iscritto nell’albo d’oro della manifestazione due nomi nuovi entrambi alla loro prima esperienza in gare italiane: tra gli uomini Panuel Mkungo, classe 1994, ma una lunga esperienza su varie distanze in buona parte negli Stati Uniti, che ha chiuso in 1.01.39, suo terzo tempo di sempre dopo l’1.01.01 fatto a Tempe (Usa) i l’1.01.36.

Prima volta sui 21 km e 97 metri invece per Teresiah Kwamboka Omosa, la portacolori del gruppo Run2gether, che a parte una maratona chiusa in 2h30.20 mai aveva corso una maratonina: la Omosa in avvio è stata sulle tracce della favorita Lucy Muli poi ritiratasi circa a meta gara, imponendosi con un ottimo 1.11.26. Ottima seconda Verity Ockenden (GBR), la medagliata con bronzo ai campionati Europei Indoor di Torun nei 3000 mt, che raggiunta e superata la Muli (subito dopo crollata a terra) ha poi chiuso in 1.12.26 personale migliorato di oltre due minuti (prec. 1.14.35 a Londra il 22 agosto 2021); terza l’altra keniana Brigid Jelimo Kabergei, quinta e prima delle azzurre  Silvia Tamburi con relativo titolo Master per la F40, precedendo Sara Carducci che ha vinto il titolo F35.

Tornando agli uomin,i primo azzurro Ademe Cuneo, 24enne di Vigevano di origini etiopi adottato da piccolo da una famiglia italiana, precedendo in campo nazionale l’altro azzurro Umberto Persi di Rieti che ha vinto il titolo Master M35. Una chicca finale dedicata ai due atleti del gruppo Run2gether: la Omosa vincitrice è la consorte di Dickson Simba Nyakundi secondo arrivato in 1.01.55, per poco è mancata la doppietta di moglie e marito.

Ordine d’arrivo maschile: 1° Mkungo (Ken) 1.01.39, 2° Nyakundi (Ken) 1.01.55, 3° Koech (Ken) 1.02.42, 4° Mwangi (Ken) 1.02.46, 5° Tiongik (Ken) 1.03.01, 6° Mburugu (Ken) 1.03.24, 7° Lolkurraru (Ken) 1.03.31, 8° Nzikwinkunda (Bdi) 1.03.49, 9° Kalale (Ken) 1.03.54, 10° Irabaruta (Bdi) 1.05.36, 11° Cuneo (Ita) 1.07.26, 12° Persi (Ita) 1.07.31, 13° Ricatti (Ita) 1.08.20, 14° Kipngetich (Uga) 1.09.40, 15° Conti (Ita) 1.09.45, 16° Rutigliano (Ita) 1.10.42, 17° Manfredini (Ita) 1.10.52, 18° Hajjy (Ita) 1.11.19.

Ordine d’arrivo femminile: 1^ Omosa (Ken) 1.11.26, 2^ Ockenden (Gbr) 1.12.26, 3^ Kabergei (Ken) 1.15.03, 4^ Nahimana (Bdi) 1.16.25, 5^ Tamburi (Ita) 1.19.30, 6^ Carducci 1.20.46, 7^ Grisoni (Ita) 1.20.51, 8^ Angelini (Ita) 1.22.36, 9^ Bettin (Ita) 1.22.44, 10^ Zaccagni (Ita) 1.24.48

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina