Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Gen 11, 2022 289volte

Ultra della Pace sul Lamone: sindaca pro-runner, anzi starter!

Partire puntando in alto Partire puntando in alto Roberto Mandelli

9 gennaio - Bagnacavallo, provincia di Ravenna, dista 25 km dal capoluogo; ma a Ravenna (per l’esattezza, a Classe) 10 giorni prima era stata annullata la maratona che doveva chiudere l’anno 2021. Invece Enrico Vedilei, anima con la sua Krakatoa sport della “Ultramaratona della Pace sul Lamone”, dopo la forzata rinuncia all’edizione 2021, e dopo altre dolorose persecuzioni da parte di sindaci limitrofi e nemici lontani invidiosi del successo delle sue tante “6 ore”, ha tenuto duro ed è riuscito, sia pure con patemi fino al penultimo momento, ad allestire la 13^ edizione della sua gara, quest’anno dedicata per la prima volta alla mamma scomparsa, Adalgisa Di Nardo, che si aggiunge al nome del suocero Vittorio Costetti. I patemi, come è noto, erano legati al decreto natalizio palermitano, che seppure senza dirlo chiaramente, ha indotto molti a sospendere o a ordinare la cancellazione di gare (poi, il capo del governo sbotta: possiamo andare nei negozi e non a scuola? Aggiunga pure “e non a correre all’aria aperta?”).
La fortuna di Vedilei è stata avere una Sindaca che sa leggere e ragionare, e oltre tutto capisce anche di legge: Eleonora Proni, da sette anni prima cittadina, laureata con 110 in Storia contemporanea a Bologna con una tesi di Storia economica contemporanea "L'Ordine degli avvocati di Bologna. 1874-1945"; e autrice di apprezzati saggi storici, che all’ansiosa domanda di Enrico, se si poteva correre, ha sentenziato che “per lo sport non è cambiato nulla, quindi il permesso già dato s’intende confermato”. E per metterci la faccia, come tutti gli anni è venuta a dare il via ai quasi 200 partecipanti (numero massimo prefissato), detratti alcuni che all’ultimo istante si sono scoperti ‘positivi’, allo stesso modo di molti assistenti sul percorso di 45 km, da completare in sette giri di un anello da 6,4 km.

Poco ha potuto un altro nemico, il maltempo: abbiamo tutti visto le immagini del litorale romagnolo sotto la neve, come è stato anche per Traversara, frazione di 500 abitanti a 4 km da Bagnacavallo: condizioni quasi proibitive, con l’aggiunta del fango, ma come ci si poteva fermare, dopo tutta la pena durata per riuscire a partire? Dei 190 partiti sono arrivati in 152; e sarebbero stati 153 se uno dei più assidui supermaratoneti, il “trombettiere” e maresciallo Lorenzo Gemma da Forlì, già più di 900 maratone all’attivo, non fosse scivolato sul ghiaccio con conseguenze che l’hanno costretto a interrompere in anticipo la sua fatica.

Tanti fedelissimi nelle prime posizioni: ha vinto il pavese Stefano Emma, qui terzo nel 2020, nel 2021 campione italiano della 50 km su strada, in 2h51’21’’; cinque minuti sopra il record della manifestazione, ben giustificabili dato il clima, e solo 36 secondi davanti al biellese Stefano Velatta, già due volte vincitore al Lamone. Terzo Gabriele Turroni in 2h56, molto staccati tutti gli altri dopo il ritiro di altri due titolati concorrenti, Matteo Lucchese (tre volte primo su queste strade, compresa l’ultima edizione) e Giovanni Quaglia.

Nomi del tutto nuovi fra le donne, dove Ilaria Bergaglio risolve a proprio favore nella seconda parte il duello con Francesca Rimonda, distanziata di oltre sette minuti al traguardo: 3h19’57’’ contro 3h27’16’’. Dopo altri dieci minuti giunge terza la giovane Francesca Ferraro in 3h37’33’’, con una andatura “diesel” che le fa recuperare varie posizioni, anche giovandosi dei ritiri di agguerrite concorrenti.

Molti atleti di punta al via, tutti per un ultimo test in vista della 100km del Conero dove si giocheranno le carte per una maglia della Nazionale; ma un’uguale attenzione, e forse un tifo maggiore, è andata ai corridori “della fascia destra della classifica”, quelli che a dispetto dell’età e delle ironie altrui non mancano ad appuntamenti come questo: decima assoluta, Luisa Betti, reduce dalle 4 maratone di Forte dei Marmi, e ispiratrice addirittura di Sergio Tempera in veste di pittore, che la vede aleggiare sui partenti come “termine fisso d’eterno consiglio”.

A farle corona, due scafati ultrarunner come Paolo Saviello e Werter Torricelli; più indietro la coppia familiare di Maurito & Paolo Malavasi, la coppia coniugale Luciano Bigi e Monica Esposito, le veterane Rita Zanaboni e Marina Mocellin, che di trofei ne hanno raccolti parecchi in quarant’anni di scarpinate; la chioma bionda di Greta Massari e gli occhi di cobalto di Adele Rasicci emergevano ad ogni tornata a illuminare l’ambiente. Alla fine, festa e allegria di naufraghi per tutti.

 

Informazioni aggiuntive

Fonte Classifica: Comitato Organizzatore

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina