Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 21, 2022 1212volte

Ferrara ha assegnato i titoli regionali di cross Fidal

Podio societario master e bella squadra femminile Podio societario master e bella squadra femminile Modena Runners-R. Mandelli

20 febbraio - Il cross regionale di Ferrara è stata la terza prova del C.d.S. Regionale per ragazzi, cadetti e master, oltre a valere come Campionato Regionale Individuale per tutte le categorie (ben 35). Il tutto, con l'organizzazione congiunta di Cus Ferrara e Centro Atl. Copparo, nella soleggiata cornice del Parco Urbano Giorgio Bassani (non lontano dalla Certosa dove è sepolto il presidentissimo Paolo Mazza, simbolo dei tempi che il calcio era ancora in mano agli sportivi, e dal Cimitero ebraico dove riposa l’autore del “Giardino dei Finzi-Contini”): parco già teatro il 12 dicembre scorso del Trofeo Città di Ferrara di cross.

Seguendo il comunicato stampa della Fidal, iniziamo dalle classifiche individuali, estratte dalle competizioni corse a scaglioni di mezz’ora cominciando alle 9 e fin oltre l’ora di pranzo, con suddivisione ulteriore nelle varie categorie (prima tutti i Master under 55, poi gli over 55, poi le donne, infine le varie categorie giovanili, e a chiudere gli assoluti): va però notato un netto calo di presenze rispetto alla grande festa di Castellarano che aveva ospitato la seconda prova due settimane fa.

I nomi più noti, a livello regionale e oltre, erano nel cross lungo maschile sui 10 km, dominato dal ventunenne Giuseppe Gravante (Corradini Rubiera) in 32:39, con quasi un minuto di vantaggio sul 2° classificato, Giovanni Tuzzi della Atl. Piacenza, stessa società del 3° Elia Rebecchi. A Gian Marco Ronchetti (Fratellanza 1874 Modena), 6° assoluto, classe 2002 cioè un anno meno del vincitore assoluto, va il titolo regionale promesse. Non molti i classificati, 19 in tutto, nell’assenza dei protagonisti della precedente prova di Castellarano due settimane fa (dove gli arrivati erano stati 68).

Nel cross lungo femminile di 8 km, gara svolta insieme a quella degli junior M, la prima parte viene condotta in gruppo da quasi tutte le atlete in gara; solo nella parte finale le più forti cambiano marcia e la gara è vinta da Martina Cornia (Fratellanza 1874 Modena, classe 2001), che con 31:06 vince anche il titolo regionale promesse; dopo la Cornia si piazzano la F 35 Federica Proietti (Corradini Rubiera), già al posto d’onore a Castellarano, qui a dieci secondi dalla vincitrice, e Michela Lorusso (Edera Forlì) a 15”: solo 11 le classificate, esattamente un terzo rispetto alla prova reggiana.

Nel cross corto maschile, con 16 arrivati, Marco Casini (Delta Sassuolo) fa gara a sé e con 8:44 sui 3 km distanzia il 2° classificato, Roberto Muccioli (Atl. Cesenatico) di 32 secondi; al 3° posto Jose Catelani (Corradini Rubiera), un ventenne che si aggiudica il titolo regionale nella categoria promesse.

Nel cross corto femminile (17 al traguardo, sui 3 km) 1° posto per Sara Nestola (Corradini Rubiera) che con 10:19 vince un doppio titolo regionale, assoluto e promesse; al 2° posto Giulia Vettor (Cus Parma), seguita da Francesca Cocchi e Fiorenza Pierli, entrambe della Corradini Rubiera: la Pierli era stata seconda a Castellarano.

Negli juniores M, nel cross km 8, sui 15 arrivati è netta la vittoria di Nicolò Astori (Atl. Estense), che con 26:02 precede di 27 secondi Alessandro Pasquinucci (Fratellanza 1874 Modena), seguito da Mattia Marazzoli (Corradini Rubiera) e Riccardo Ghinassi (Atl. Imola Sacmi Avis).

Nelle juniores F, in 14 sui 6 km, risultato a sorpresa con Chiara Setti (Francesco Francia di Bologna), in grande progresso quest'anno sia nel cross che nelle indoor, che con 22:24 precede di 3 secondi una pluricampionessa nazionale come Emma Casati (Atl. Piacenza). A distanza le altre, con Elena Fontanesi (Self Montanari Gruzza) al 3° posto e Demetra Tarozzi (Pontevecchio Bologna) al 4°.

Un po’ più affollate le categorie master, suddivise come si è detto in tre partenze.

Nei master uomini, la prima serie, degli under 55 (102 in tutto) sui 6 km, è stata vinta dal marocchino M45 Rachid Kisri (Circolo Minerva), già primo a Castellarano, in 16:15; mentre tra gli over 55 (sui 4 km, arrotondati per difetto e chiusi da 104 atleti), ha rivinto con 14:39 l’altro “equiparato” Minerva Mohamed Errami, M55.

I restanti titoli regionali, in buona parte conferme degli esiti delle precedenti prove, sono andati a Elia Generali (Atl. Castenaso Celtic Druid) negli M35, Taoufik Bazhar (Circolo Minerva) negli M40, Fabio Perazzini (Avis Castel San Pietro) negli M50, Daniele Dottori (Atl. Imola Sacmi Avis) negli M60, Aris Giordani (Celtic Druid) negli M65, Adolfo Accalai (Castel San Pietro) negli M70, Giuliano Battaglia (Centro Atl. Copparo) negli M75, Bruno Buonfiglioli (Celtic Druid) negli M80.
Nelle master donne, che con 113 partecipanti hanno dato vita alla manche più affollata sui 3 km, dopo Castellarano si conferma imbattibile Simona Santini (Circolo Minerva) prima assoluta con 10:34 fra tutte e campionessa regionale nelle F40; gli altri titoli emiliano-romagnoli sono vinti da Valentina Facciani (Avis Castel San Pietro), F35 seconda assoluta in 10:49, Nadiya Chubak (Atl. Lugo) nelle F45, Rosa Alfieri (Circolo Minerva) nelle F50, Nicoletta Pasello (Atl. 85 Faenza) nelle F55, Patrizia Passerini (Acquadela Bologna) nelle F60, Paola Lambertini (Lolliauto) nelle F65, Diana Raccagni (Lughesina) nelle F70, Nadia Spezzati (Lughesina) nelle F75.
Nelle categorie giovanili, fra i cadetti prevale Francesco Bigoni (Atl. Estense) davanti ad Alessandro Casoni (Corradini Rubiera), Luca Pistocchi (Cesena Triathlon), Edoardo Piazzolla (Francesco Francia) e Mattia Agostini (Libertas Rimini).

Nelle cadette, che si sono trovate per un errore nel percorso a disputare la gara su 2500 metri anzichè i previsti 2000 metri, lasciando adito a qualche rimostranza, netto successo per Sofia Ferrari (Corradini Rubiera) che ha preso il largo verso metà gara e ha concluso con 24 secondi di vantaggio su Carlotta Verde (Libertas Rimini), al primo anno di categoria; Sofia Baroni (Corradini Rubiera) si piazza al 3° posto, davanti a Letizia Mengozzi (Atl. Imola Sacmi Avis), pure classe 2008, Giulia Fancelli (Corradini Rubiera) e Marta Gianninoni (Acquadela Bologna), sempre molto "generosa" nella fase iniziale della gara.
Nei ragazzi un terzetto prende il largo e conclude con diversi secondi di vantaggio sul "gruppo": titolo regionale per Diego Danani (Atletica Parma Sprint), seguito da Thomas Greco (Libertas Rimini) e Giovanni Cargioli (Fratellanza 1874 Modena).

Nelle ragazze Ludovica Baldini (Atletica Frignano Pavullo) precede Matilde Montalti (Cesena Triathlon) e un terzetto di altre atlete della Atl. Frignano Pavullo, nell'ordine Arianna Boncompagni, Valentina Muzzarelli, Sveva Costi.
Nelle categorie assolute fra gli allievi il titolo regionale va a Flavio Zaretti (Cus Parma), davanti a Edoardo Castiglioni (Edera Forlì) e a Emiliano Tassinari (Cesena Triathlon).

Nelle allieve prevale Sara Crociani (Fratellanza 1874 Modena), su Aurora Gambetta (Corradini) e Lovepreet Rai (Atl. Lugo), che ieri si era piazzata all'8° posto negli 800 metri ai Campionati Italiani Indoor Allieve ad Ancona.
Per la somma dei punti conquistati nelle tre prove di Cesena (16 gennaio), Castellarano e Ferrara sono stati assegnati i titoli regionali 2022 (contavano i quattordici meglio piazzati di ogni società). Nei master uomini è confermata la classifica provvisoria della vigilia: l'Avis Castel San Pietro vince anche questa tappa totalizzando 1266 punti, e consolida il primato nella classifica finale, con un totale di 3806 punti, un centinaio più della Atl. Castenaso Celtid Druid che coi 1242 di Ferrara arriva a 3700; Modena Runners Club conserva il 3° posto in classifica, pur superata nell’ultima tappa di soli 4 punti dalla concittadina Fratellanza 1874 Modena, che rimane al 5° posto nella classifica finale; tra le due sta il Circolo Minerva di Parma, che mantiene la posizione acquisita.
Più accesa la lotta nelle master donne tra Atl. 85 Faenza e ancora il Circolo Minerva. Partivano con 12 punti di vantaggio per Faenza, e il club parmense è riuscito a recuperarne solo 2, quindi classifica finale con Atl. 85 Faenza a 2795, Circolo Minerva a 2785 e 3° posto per la Fratellanza 1874 Modena con 2694; seguono Lughesina, Centro Atl. Copparo e G.S. Lamone. 
Nei cadetti vengono ribadite le posizioni già in essere, con Corradini Rubiera, Atl. 85 Faenza, Atletica Parma Sprint e Self Montanari Gruzza nei primi 4 posti.
Nelle cadette emerge la forza della Corradini Rubiera, che partendo da -10 rispetto alla Atl. Imola Sacmi Avis ribalta la classifica, piazzando le sue prime 5 atlete al 1°, 3°, 5°, 7° e 9° posto. Nella classifica finale Rubiera sale a 1237 punti, contro 1191 di Atl. Imola Sacmi Avis e 1115 di Pontevecchio Bologna; seguono Self Montanari Gruzza e Atletica Parma Sprint.
Nei ragazzi si conferma l'Atl. Imola Sacmi Avis, mentre la Fratellanza 1874 Modena recupera la seconda posizione rispetto al Circolo MInerva. Seguono Atl. Piacenza e Atletica Parma Sprint.
Nelle ragazze è proseguito il dominio di Atl. Frignano Pavullo che anche a Ferrara piazza 4 atlete nelle prime 5 arrivate; l'Atl. Piacenza conserva il 2° posto nella classifica finale, pur superata oggi da Corradini Rubiera e Pontevecchio Bologna, che chiudono rispettivamente al 4° e 3° posto finale; al 5° posto l'Atl. Imola.

Premiazioni individuali molto sollecite, e sia pur nel rispetto delle norme Covid (che proprio oggi vedevano l’ultimo giorno di applicazione delle misure più rigorose, dal controllo dei greenpass all’obbligo di mascherine sulla linea di partenza), con qualche accenno di maggior confort per chi correva: tende societarie in zona traguardo, e spogliatoi al coperto per chi lo desiderasse, senza docce ma con acqua corrente per la prima sommaria ripulitura. Temperatura quasi primaverile, e prati erbosi perfettamente asciutti, in un percorso dai dislivelli davvero minimi.

Informazioni aggiuntive

Fonte Classifica: Fidal Emilia Romagna

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina