Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Feb 13, 2023 Redazione 1352volte

Verona - Giulietta&Romeo Half Marathon tra record e protesta

Janet Chepngetich, la prima donna Janet Chepngetich, la prima donna Foto Phototoday

Aggiornamento 14 Febbraio - Grandi risultati nella soleggiata 16^ edizione della Craft Giulietta&Romeo Half Marathon di domenica 12, con entrambi i record della manifestazione migliorati per merito degli atleti africani.

Tra gli uomini si è imposto l’etiope Milkesa Mengesha in 1h00:15, che ha migliorato di nove secondi il precedente primato della gara stabilito dal keniano Edwin Koech nel 2017. Il vincitore ha allungato negli ultimi tre chilometri staccando il neozelandese Jake Robertson, secondo in 1h00:21, e il connazionale Bravin Kiprop, terzo in 1h00:23, al debutto sulla distanza. Quarto l’altro etiope Mulat Bazezew, in 1h00:48, davanti al nostro Iliass Aouani, quinto in 1h01:49, che migliora il pb di oltre 40 secondi (Napoli nel 2022 in 1h02:32).

Tra le donne, record del tracciato e successo per la keniana Janeth Chepngetich in 1h06:58, davanti alle etiopi Zewditu Aderaw, seconda in 1h07:25, e Alemu Megertu, terza in 1h08:26. Quarta l’altra keniana Joan Kipyatich in 1h08:34, davanti a Meskerem Molla Moges, quinta in 1h08:44, tutte sotto al precedente limite della gara (Mimi Belete – Bahrain - nel 2017 con 1h09:15). Prima delle italiane Stefania Brazzoli, decima in  1h18:21.

4041 gli atleti giunti al traguardo.

Alla gara era abbinata una 10 km (risultata in realtà di 9,350), con oltre 2mila partecipanti. Vittoria per Roberto Castello in 29 minuti e 25 secondi, seguito da Agostino Nicosia e dal marocchino Rida El Khalyly.
Gara femminile dominata da Sara Mazzucco che con 33:20 ha staccato nettamente Martina Rizzoli e Arianna Valenti.

Ma due giorni dopo, come si legge in https://www.larena.it/territori/citta/compra-pagina-arena-protesta-eventi-maratone-1.9893578, una intera pagina del giornale veronese "L'Arena" ospita una protesta contro la chiusura al traffico, con l'hashtag #cittàlibere (nome di un gruppo Facebook) e parole del genere: 

«Non se ne può più di maratone ed eventi in città... L'assurda consolidata consuetudine dei comuni di appagare la passione dei maratoneti, impedisce ai cittadini di entrare e uscire dalle proprie abitazioni, di accompagnare i figli a fare le proprie attività, di andare a fare la spesa... vivere o lavorare in città è diventata una colpa???... Il traffico viene congestionato dalle chiusure con disagi e un aumento dello smog paradossale visto che questi eventi, pare, promuovono il green e la salute. ..Tutti gli sport devono essere praticati nei luoghi preposti e la città non è sicuramente uno di questi!»

Commenta il giornalista Riccardo Verzè che nella pagina compare il volto di "Pier Giorgio Begali, pubblicitario e figlio di Sante Begali, leggenda dell'Hellas al cui nome è stato associato un premio per il gialloblù più corretto di ogni stagione". 
La palla - è il caso di dirlo - va al sindaco ed ex calciatore Damiano Tommasi.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina