Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

L’aria fredda con tanto sole, mista ad una magica atmosfera di festa, ha fatto da scenario alla terza edizione della “Natale in corsa” a Modugno, operoso centro sito a pochi chilometri da Bari.

Ultima tappa del circuito provinciale “Terra di Bari” 2017 e per numerosi atleti l’ultima gara dell’anno: tanti i cappelli di Babbo Natale indossati, tanti gli abbracci, i baci e gli auguri per le imminenti festività.

Ma c’è anche il lato sportivo e competitivo della manifestazione, con 475 iscritti Fidal ai quali si aggiungono un abbondante centinaio di cosiddetti “liberi”, tutti impegnati sul tracciato di oltre 10 chilometri.

Gara centralissima, con Piazza Sedile ad ospitare tutte le fasi della manifestazione, con qualche problema nel reperire il parcheggio; viceversa, bagni chimici, struttura pubblica e bar “accoglienti” offrono la pronta soluzione per le esigenze fisiologiche degli atleti.

Iscrizione fissata a 5 euro, con consegna di pettorale e chip, non c’è pacco gara, ma il dopo gara sarà ricostituente….

Ad organizzare la locale associazione La Pietra, società giovane e dinamica, non troppi iscritti, ma coesione e tanta voglia di fare, a cominciare dal mitico presidente Mimmo Caporusso, dall’immensa forza di volontà e di reazione.

L’esibizione di provette ginnaste di una locale palestra offre l’occasione id riscaldarsi nel pre-gara: i numerosi e vari esercizi fanno bene a tutti muscoli del corpo e alcune atlete non disdegnano di seguire l’allenamento.

La maggior parte degli iscritti, però, trovato il coraggio di cambiarsi e di vestire i panni sociali, comincia a riscaldarsi invadendo le strade di Modugno, con i la zelante Polizia Urbana pronta a bloccare il traffico, soprattutto su Corso Vittorio Emanuele, per evitare problemi e investimenti.  

Il passare dei minuti avvicina l’orario di partenza, previsto per le ore 9.30: in zona pole i migliori cinquanta e le miglior venti della precedente tappa di domenica scorsa a Bitritto, oltre alcune wild card per gli atleti “saltuariamente” presenti su queste scene, ma notoriamente veloci.

Partenza che non desta problemi, con gli atleti ordinatamente dietro la linea di avvio, tanto che, non appena giunto il lasciapassare dei Vigili sul percorso, il Giudice può sparare il colpo di via.

Un attimo e il blocco è già disintegrato, in avanti, in testa, i candidati alla vittoria, dietro chi vive lo sport in maniera realmente amatoriale.

Il tracciato prevede un iniziale giro centrale con attraversamento di Corso Umberto vestito di giallo della Coldiretti, con tante bancarelle colme di prodotti naturali; si prosegue tangendo Piazza Sedile e via verso la zona più periferica, fino ad attraversare il boschetto di Balsignano, un chilometro circa di off-road, per poi riprendere l’asfalto e riavviarsi verso la città, attraversando gli splendidi vicoli della città vecchia, con la popolazione locale oramai sveglia, intenta a cucinare e a riempire i polmoni degli atleti di invitantissimi profumi culinari.  

In testa sin dal primo metro, l’ottimo Luigi Rosito (Aden Exprivia Molfetta), mezzofondista esperto e capace, chiude la sua ottima gara in 34:03 aggiudicandosi la vittoria, lasciando dietro di sé il vuoto.

Tutto ha una spiegazione, e senza togliere nulla alla immense capacità di Luigi, capiremo a fine gara, che chi seguiva è incorso in alcuni errori di percorso, che ne hanno rallentato l’andatura, ma che alla fine non hanno modificato troppo le posizioni, soprattutto quelle di categoria: nessuna protesta evidente, tutto proseguirà tranquillamente, senza polemiche, e come diceva qualcuno: “tutto è bene quel che finisce bene!”.

Riprendiamo intanto la descrizione delle fasi degli arrivi: un fantastico testa a testa, un epico sprint, porta il reattivo Nuccio Busto (Dof Amatori Turi) a chiudere in seconda posizione superando per le unghie del piede Betemariam Marinelli (Aden Exprivia Molfetta), ottimo e sportivissimo, entrambi classificati in 36:00.

Altro pistaiolo, specialista delle siepi, per una giorno regalato alla strada, il carissimo Roberto Rubino (Athletic Academy Bari) è quarto in 36:02, davanti al capace sedicenne Giancarlo Roselli (Aden Exprivia Molfetta), quinto in 36:24. Sempre tra i primi, il riccioluto Giuseppe Dedonato (Atl. Sprint Barletta) è sesto in 36:34, davanti all’altro giovanissimo e promettente Giuseppe Altomare (Aden Exprivia Molfetta), settimo in 36:38, seguiti da un altro esponente dell’ottima compagine molfettese, il bravo Tahar Kefi, ottavo in 36:50. Nono posto per Lorenzo Taldone, oggi tesserato per l’Amatori Atl. Acquaviva, ma un passato e un pezzo di cuore per la società organizzatrice, nono in 36:56, davanti alla chioma oramai bianca ed esperta di Giovanni Gelsomino (Gioia Running), decimo in 37:42.

Al femminile, torna finalmente al successo Silvana Iania (Free Runners Molfetta), che s’impone in 42:11: Silvana, sempre solare, corretta e sorridente, è benvoluta da tutti, rivali comprese. In scia, visibilissima alla spalle della vincitrice, il capello cortissimo di Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), che dopo il “raccolto” di Bitritto, si accontenta di un ottimo secondo posto in 42:16. E’ terza, sempre brillante, Raffaella Filannino (Atletica Disfida di Barletta), in 43:28, a precedere la grinta di Milena Casaluce (Bitonto Sportiva) che taglia il traguardo in 43:45. Altra protagonista, Antonella Capitanio (Atletica Monopoli), sempre più prossima ai ritmi di un tempo, è quinta in 43:56, a precedere Nicoletta Ramunno (Montedoro Noci), sesta in 44:13, e Antonella Patierno (Free Runners Molfetta), settima in 44:14, due atlete che mangiano pane, forza e motivazioni, non mollando mai. Ottima gara anche per Carmen Albani (Atletica Polignano), atleta che può crescere ancora, ottava in 44:28, davanti alla oramai collaudata Ornella Donghia (Nadir on the road Putignano), sempre abile, nona in 44:35, e a Daniela Fontanarosa (Sport Center Bari), decima in 45:10, ma sempre più pronta a risalire in cima, conoscendone le capacità atletiche e motivazionali.

433 i finisher, chiudono gli arrivi il nonno Vincenzo Mirizzi (Amatori Putignano), classe 1933, in 1:19:13, e la tenacissima Doriana Mongelli (Amici del Cammino Barletta), giunta con grande spirito di sacrifico e dedizione, in completa solitudine, in 1:30:00.

All’arrivo, dopo aver restituito il chip, avviene la consegna di un buon sacchetto ristoro con acqua, merendina, frutta e, immediatamente dopo, restituendo il buono ricevuto all’atto del ritiro del pettorale, recandosi sul viale parallelo, la possibilità di gustare e ritrovare le forze con ottimi piatti di pasta fresca al sugo con carme macinata e bere bicchieri di ottimo vino rosso, da essere tolti i punti dalla patente, in caso di controllo da parte della Stradale nel ritorno a casa.

Alla presenza del locale Sindaco Magrone, comincia intanto la cerimonia di premiazione, con sollecito riconoscimento per i due vincitori, Rosito e Iania, prima di passare ai meritevoli di ciascuna categoria, tutti premiati con ricche confezioni di ottimi prodotti locali, che fanno tanto piacere soprattutto in questo periodo natalizio.

Premio anche per i due vincitori delle graduatorie “liberi”, Sebai Moncef al maschlie e Francesca Ritti al femminile.

A seguire la premiazione delle prime tre società per numero complessivo di atleti giunti al traguardo: vince la Amici Strada del Tesoro con 50 finisher su Atleticamente Modugno (25) e Bio Ambra New Age Capurso (23).

Da segnalare la consegna da parte del presidente Mimmo ad alcuni atleti della società organizzatrice, messisi in evidenza nell’anno appena passato: Tiziana Lamacchia, Gino Caputo, Isabella Lampugnani e Francesco Parisi.

Ultima atto, la sempre piacevole foto di Gruppo e l’arrivederci al 2018.

Difficile avvero non esprimere i più sinceri complimenti a questi volitivi organizzatori che per le prossime edizioni dovranno “solo” essere più attenti ai punti sensibili del percorso, dove si può sbagliare strada.

Per il resto, una bella giornata di sole, di freddo, di sport, di amicizia e di auguri, il miglior viatico per avvicinarsi al Natale… in corsa.   

       

 

 

Un anno di assenza causa elezioni ed ecco di nuovo la StraBitritto, giunta all’undicesima edizione, valevole come 15^ e penultima tappa del Circuito provinciale “Terra di Bari”.

L’abbiamo ritrovata come l’avevamo lasciata, essenziale e ben organizzata, densa di emozioni e di premi a sorteggio.

La novità più importante è la misurazione del percorso, divenuto certificato di 10 chilometri, con la possibilità di iscrivere e/o migliorare il proprio tempo sulla distanza, con la garanzia della registrazione nel database della Fidal.

Con la misurazione e la certificazione, il percorso, sviluppandosi quasi interamente in senso inverso rispetto alle precedenti edizioni, è diventato più scorrevole, più veloce, garantendo ottime prestazioni a tutti i partecipanti.

568 gli scritti, un buon numero considerando la chiusura anticipata al martedì delle stesse e diverse concomitanze a cominciare dal trail a Ruvo di Puglia, davvero troppo vicino.

Ad organizzare l’Atletica Bitritto del presidente Umberto de Santis, in collaborazione con il locale Comune e l’Associazione Misericordia. Notevole l’apporto dei locali bikers, l’associazione MTB, quanto mai utili nel guidare e scortare gli atleti. 

Una temperatura fredda, ma non freddissima, ci accoglie in piazza Aldo Moro, il salotto di Bitritto, dove sono in pieno svolgimento tutte le operazioni per la perfetta riuscita della manifestazione.

Larghi gli spazi, non ci sono problemi per parcheggiare comodamente nelle vicinanze della suddetta centralissima Piazza. 

Nella sede del locale Comune, all’interno dello splendido Castello Baronale, si svolgono le operazioni di consegna pettorali, chip e premio di partecipazione, consistente in un dolce confezionato (5euro la tassa di iscrizione).

A disposizione degli atleti alcun bagni chimici posti presso il chioschetto delle Piazza, anche se in molti preferiscono i larghi spazi verdi della vicina campagna di ulivi, approfittando della distanza anche per iniziare a riscaldare i muscoli delle gambe.

Un gran ritorno a presentare la manifestazione, la voce intensa di Luciano Magno, per anni speaker delle manifestazioni pugliesi, oramai messo un tantino da parte e riscoperto dagli organizzatori odierni,: saluto il redivivo Luciano con affetto e riverenza.

Partenza prevista per le ore 9.45, sicuramente per non creare problemi alla viabilità, in particolare allo scorrimento dei bus di linea, che permette una prolungata fase di preparazione dei muscoli, tra giri di piazza, allunghi, selfie, foto, scherzi, sfottò, baci e abbracci.

Sul vasto palco già predisposto un personal trainer consiglia esercizi mirati, ma francamente il popolo dei runners preferisce la solita corsetta blanda e qualche esercizio di stretching per prepararsi alla competizione.

La più larga Via Garibaldi costituisce la sede di partenza, opportunamente delimitata da nastri e transenne, con la zone pole riservata ai primi cinquanta e alle prime venti della precedente tappa del Circuito, oltre alcune wild card per atleti veloci, oggi accorsi.

Funziona quasi tutto perfettamente, tranne alcune piedini che vogliono essere oltre la linea bianca, scatenando l’ira del Giudice De Lillo, ottant’anni e più, i regolamenti scritti nel cervello, amante della perfezione.

Ed è davvero tutto perfetto, quando, con qualche secondo di ritardo causa via libera dal tracciato, la pistola del Giudice lascia partire il colpo che libera gli atleti.

Giro unico che, dopo una rapida escursione in paese, si spinge sempre più fuori, andando ad attraversare le tipiche strade di campagna, con i coltivatori intenti a lavorare e, magari, a provare una sincera invidia per chi corre.

Tracciato rapido, senza particolari avversità altimetriche, con ristoro con bottigliette d’acqua a metà distanza, cartelli chilometrici collocati in maniera precisa e niente auto, almeno fino al 9° km, quando - al rientro in paese degli atleti - gli automobilisti sono stanchi, vogliono passare e non aspettare.

E non aspetta neanche Giuliano Antonio Gaeta (Montedoro Noci), atleta dalle enormi capacità, che festeggia il meritato successo tagliando il traguardo a braccia alzate in 32:47. Applausi anche per Francesco Milella, sempre combattivo, tesserato pur egli per la Montedoro Noci, che va a concludere in 33:07, davanti all’efficiente Tonio Giuseppe Esposito (Amatori Atl. Acquaviva), al bronzo in 33:31.  

Senza apparente sforzo, l’affabile e disponibile con tutti, Michele Uva (Free Runners Molfetta) è quarto in 33:53, davanti al forte 17enne Francesco Sportelli (Amatori Atletica Acquaviva), quinto in 35:08, e a Nuccio Busto (Dof Amatori Turi), sesto in 35:10, che non riesce, però, a migliorare il suo pb. Il simpaticissimo Piero Tamborra (Free Runners Molfetta) chiude settimo in 35:36, davanti a Gioele Conserva (Atl. Amatori Corato), che ben… si conserva, ottavo in 36:07. Ottimo anche Giuliano Calia, la punta di diamante dell’Athletic Club Altamura, che chiude nono in 36:15, a precedere il talentuoso Simone Colasuonno (Amatori Atletica Acquaviva), decimo in 36:22.

La gara femminile vede imporsi Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), che aggiunge un’altra perla alla sua già fantastica annata. Con grande piacere, non me ne vogliano le altre, assisto ad una vittoria di Daniela, ragazza semplice, di poche parole e di pochi artifici, ma in compenso tanti fatti e tanti risultati. 40:56 il crono della vincitrice che precede di un minuto tondo tondo Raffaella Filannino (Atletica Disfida Di Barletta), sempre generosa e audace. Brillante terzo posto per Pina Fornarelli (Athletic Academy Bari), un ottimo passato atletico alle spalle, che tra lavoro, il mestiere di mamma e allenatrice, trova anche il tempo per ben allenarsi.

Persa qualche posizione nel finale, Milena Casaluce (Bitonto Sportiva), conquista comunque una prestigiosa quarta piazza in 42:07, davanti alla reattiva Antonia Patierno (Free Runners Molfetta), quinta in 42:53, e alla grintosissima Nicoletta Ramunno (Montedoro Noci), sesta in 43:07. Bravissima, Dominga Mongelli (Atletica Adelfia), è settima in 43:16, a precedere la capace Carmen Albani (Atletica Polignano), ottava in 44:10. Assente da un po’, Daniela Fontanarosa (Sport Center Bari), pur visibilmente affaticata, chiude nona in 44:10, a precedere la volitiva Luigia Anna Gigante (Atletica Adelfia), decima in 45:03.

Numerosi gli assenti, 485 sono gli atleti giunti regolarmente al traguardo, con chiusura rosa per Tiziana Catella (Gioia Running), al traguardo in 1:16:20, e celeste per Vincenzo Mirizzi (Amatori Putignano) e Giovanni Bruno (Runcard) in 1:19:30. Anche uno squalificato, Cristian Del Conte (Per Aspera ad Astra Bari), ignoro ancora il motivo, pronto però ad aggiornare la pagina.

Ristoro finale con busta contenente mandarini, bottiglietta d’acqua e merendina, oltre a tanto pandoro e panettone tagliato a pezzi per tutti.

Prima di proseguire, un monito generale per tutti, dal primo all’ultimo: evitate di farvi accompagnare da bici personali, ci sono tutti gli estremi – a mio modesto avviso – per essere squalificati per assistenza e per pericolo alla sicurezza altrui. Si può essere affiancati in allenamento ma non in gara, evitiamo di porci in difetto e poi di sollevare polemiche sterili sui social, le regole ci sono e vanno seguite.

Permettetemi un breve plauso a Vito Graziosi e a Francesco Rubini: ginocchia da rottamare, dolori, sofferenze, ma tanta voglia di non mollare, eccoli anche oggi a gareggiare, complimenti!

Breve, brevissima l’attesa per l’inizio della cerimonia di premiazione: presenti il Sindaco, Giuseppe Giulitto, e l’assessore allo sport, Antonio Conicella, si comincia con la consegna di alcune targhe ai numerosi enti e sponsor che hanno collaborato alla riuscita della manifestazione.

Ma è il momento solenne dei vincitori: Gaeta e Tropiano ritirano trofeo, premio tecnico, una confezione natalizia (spumante e pandoro), ma soprattutto vincono il viaggio, soggiorno e iscrizione alla RomaOstia o alla maratona di Roma a loro scelta. 

In rapido divenire si susseguono i meritevoli delle varie categorie, tutti premiati con premio tecnico e confezione natalizia; a seguire il riconoscimento per le prime cinque società per numero complessivo di finisher: vince la Amici Strada del Tesoro (46) su Atletica Adelfia (25), Atleticamente Modugno (23), Runners del Levante (22) e Bio Ambra New Age Capurso (21).

Prima dei saluti finali, le tante estrazioni a premiare chi è fortunato e, allo spesso tempo, tenace, essendo rimasto fino alla fine: tra i tanti assenti, tutti i premi sono distribuiti, fino al tablet che va ad Antonio Gentile e il viaggio-soggiorno-iscrizione alla Maratona di Barcellona (sempre offerti dall’agenzia barese Vivi e Sorridi di Vito Viterbo), che va a… Daniela Tropiano, autentica regina odierna.

La manifestazione è chiusa, Luciano Magno saluta, i soci organizzatori cominciano le operazioni di smantellamento, mentre alcuni atleti ancora approfittano del massaggio gratuito offerto da uno degli sponsor della manifestazione. 

 

Martedì, 05 Dicembre 2017 21:34

Monopoli (BA) - 8^ Mezzamaratona

Dopo il violento temporale della serata inoltrata di sabato, i maggiori timori erano legati alle condizioni climatiche. In tanti, mentre cadeva “acqua a catinelle”, mi messaggiavano terrorizzati, timorosi di prendere acqua l’indomani mattina, e io lì a consolarli, ad assicurare che avremmo trovato un po’ di freddo, ma niente acqua.

E devo avere un futuro da brillante “meteorino”, perché domenica mattina, a Monopoli, faceva sì freddo, ma l’unica acqua piovana era quella della tante pozzanghere intorno alla Piazza Vittorio Emanuele, quartier generale della manifestazione.

Non appena giunti in Città, precise frecce rimandavano all’ampio parcheggio destinato agli atleti in un non troppo lontano cementificio, anche se in tanti cercavano fortuna nelle strade più prossime alla zonadi partenza/arrivo.

Abbandonata l’auto, tante “formichine” operaie color azzurro, i colori dell’Atletica Monopoli, società organizzatrice, lavoravano alacremente a definire gli ultimi particolari, come l’innalzamento dei due archi che contrassegnavano il viale di via.

Distribuzione di pettorali e premi di partecipazione già cominciata la sera prima, ma che viveva il momento clou la domenica, verso le 8,00, con una piccola fila in attesa, sia al ritiro pettorali che a quello dei pacchi-gara, in due distinti, ma non lontani, punti. 

13 euro il costo dell’iscrizione sino all’ultimo giorno (le 24 del giovedì precedente), per un buon pacco gara, con tanto di intrigante maglia tecnica.

1873 gli iscritti, davvero tanti, segno tangibile che si è lavorato bene negli anni precedenti e gli atleti apprezzano e ricambiano, tornando.

Gara nazionale come da dispositivo federale, di livello bronze, dal percorso omologato (con accredito ufficiale del tempo realizzato sulla distanza per gli atleti partecipanti sul sito Fidal), vale come 20^ ed ultima prova delCorripuglia, il Campionato regionale a tappe di corsa su strada e come Campionato Nazionale Aeronautica Militare.

Una schiera di bagni chimici “salva” gli atleti, mentre si avvicina l’orario di partenza, previsto per le 9.00.

Come da tradizione, doppio presentatore a Monopoli: Michele Cuoco e Paolo Liuzzi uniscono le loro voci, le loro emozioni, le loro competenze, le loro battute, creando un’onda sonora che accompagna per il lungo svolgersi della manifestazione, senza zittire mai, senza banalità, senza eccessi.

Gli speaker chiamano gli atleti sul punto di partenza, i giudici li invitano a posizionarsi dietro la linea di via, la zona pole è riservata anche oggi agli atleti più veloci, preventivamente selezionati dalla Commissione Master della Fidal Puglia e contrassegnati da uno speciale bollino colorato posto sul pettorale.

Sistemati finalmente gli scalpitanti runners sul punto esatto di partenza, con i rappresentanti della società organizzatrice a fare da cordone umano, ecco il colpo di pistola esploso dall’arma del giudice De Lillo, che rimbomba assordante e dà libertà agli atleti.

Primi chilometri interamente cittadini, si attraversa anche la città vecchia con le sue stradine, che creano rallentamenti soprattutto in coda dove il plotone non si è ancora smembrato. Passaggio in Piazza, costeggiando il punto di start, dopo circa due chilometri e poi via, verso le complanari, direzione nord, direzione Polignanoa mare.

La mezza di Monopoli ha più volte, nel corso delle otto edizioni complessive, alternato il percorso, spingendosi in direzione sud verso Capitolo, o in direzione nord, come le primissime e come quest’anno, verso la splendida Polignano, la città di Mimmo Modugno, mantenendo intatto il proprio fascino sulle strade di Puglia, dove il verde dei campi e degli ulivi si va a fondere con l’azzurro del cielo e del mare, baciati dal sole.

Il tracciato, in apparenza piatto, presenta numerosi falsipiani che alla lunga si fanno sentire nelle gambe degli atleti, fiaccando le forze. Si prosegue, intanto, si raggiunge Polignano, la si attraversa, si entra nel fantastico centro storico, si passa sotto l’Arco Marchesale e si torna indietro, direzione Monopoli.

Qualche problema si verifica nel suddetto borgo antico, con alcuni piccoli errori di percorso, causa viuzze lasciate senza addetti, di chi segue i primissimi e poi sul fondo della gara, con gli ultimi un po’ abbondonati a cercare la direzione giusta e a salvarsi dagli strali della gente locale oramai annoiata di attendere la riapertura del traffico.

Sul tracciato sono collocati i ristori - con bottigliette d’acqua - come da regolamento, solo la “codissima” della gara rimarrà a secco nel finale, lamentandosi con il sottoscritto per questa mancanza. 

Ferme le auto, gli atleti corrono in sicurezza, magari guadagnandosi le bestemmie dei conducenti, soprattutto all’uscita di Polignano, smaniosi di rimettersi al volante, tanto che sempre gli sfortunati ultimissimi si troveranno a correre gli ultimi chilometri, anche nel ritorno a Monopoli, tra il traffico.

Per la stragrande maggioranza dei partecipanti, tutto si svolge perfettamente, senza alcun problema, il sole in cielo oramai caldo premia chi ha scelto di correre in canotta, neanche il vento è oggi troppo ostico, bisogna schivare le pozzanghere e mettere le forze per gli ultimi chilometri che conducono al traguardo.

Un gran apporto a mantenere l’andatura voluta, a reggere mentalmente, lo forniscono i valenti pacer del gruppo di Ignazio Antonacci, tanti saranno i ringraziamenti loro dedicati a fine gara e nei giorni a seguire di chi ha realizzato lo sperato risultato.

Intanto, per noi fermi sul traguardo, è tempo di arrivi…

Al rientro dopo un intervento chirurgico, Mimmo Ricatti, barlettano tesserato per il CS Aeronautica Militare, atleta di valore internazionale, nazionale italiano, oramai 38enne, dopo circa dodici chilometri in compagnia, decide di allungare e si presenta solitario sul viale di arrivo, sempre sorridente e coinvolgente, a chiudere in 1:10:56, chiaramente primo atleta anche dell’Aeronautica, festeggiato dalla sua Francesca. Belle le parole di Mimmo, che invita sempre a rialzarsi e a ripartire, magari anche più forti di prima.

Dopo una serie di vicissitudini e di guai fisici, che addirittura ci avevano seriamente spaventato, due interventi e seri problemi ai polmoni, confortato dai risultati in pista e sulle 10km, torna a correre la mezzamaratona Daniele Miccoli (Atletica Carovigno), che chiude festante con un saltello, secondo in 1h11:49.

Terzo posto per Vito Sardella (Montedoro Noci), che onora anche oggi la sua città nativa concludendo in 1h13:51, quasi deluso, imprecando contro l’età, i 43 anni che lo rallentano.

Solo fatti, mai nessuna parola fuori posto, Nicola Mastrodonato (Pedone Riccardi Bisceglie) è quarto in 1:14:20, stesso tempo del bravissimo Francesco Quarato (Team Pianeta Sport Massafra), al quale auguriamo un 2018 senza infortuni, quinto. Sesto il capace cerignolano Francesco Marini, tesserato per la Tre Casali San Cesario, in 1:16:14; segue l’esperienza di mister Angelo Pazienza (Dynamyk Palo del Colle), classe 1968, settimo in 1:16:28. Domenico Barletta (CUS Parma, ma chiare origini pugliesi), è ottavo in 1:16:45, con il sudanese di Taranto, AllulSakine (Podistica Taras), nono in 1:16:54, e il sempre reattivo Vincenzo Trentadue (Dynamyk Palo del Colle), decimo in 1:17:19.

Al femminile, forte e tenace, la termolese Francesca De Sanctis (Alteratletica Locorotondo) s’impone in solitaria, 59^ assoluta, in 1:23:06, dedicando il successo alla mamma, deceduta qualche giorno fa.

Gioioso, viceversa, il secondo posto della locale Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), che realizza il pb in casa in 1:28:37, come del resto il terzo della solare Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva), anche lei al pb in 1:29:11, felicissima.

Altra ottima gara per Mara Lavarra (Amatori Putignano), quarta in 1:29:21, davanti all’altra punta di diamante della società organizzatrice, Antonella Capitanio, della quale abbiamo man mano descritto la ripresa, quinta in 1:31:24. Caparbia, Antonia Chiochia (Taranto Sportiva) è sesta in 1:32:21, davanti alla crispianese Roberta De Robertis (Dynamyk Palo del Colle), settima in 1:33:09, e alla rivelazione del 2017, Marie Francesca Zaccheo (Atletica Amatori Corato), ottava in 1:33:18. Poteva mancare? Certo che no e Nicoletta Ramunno (Montedoro Noci) è anche oggi nella top ten, nona in 1:33:19, con Emma Delfine (Nadir on the road Putignano), sempre elegante, decima in 1:34:20.

1738 gli atleti nell’attuale classifica pubblicata, sembra che manchi qualcuno (a detta di chi scrive sui social…), intanto riportiamo i nominativi degli atleti che hanno chiuso gli arrivi, Maria Ciquera e Lucia De Carlo (Correre è salute Mottola), tra le donne in 2:53:24, e Mario Buonsante (Amatori Putignano), giunto in 3:04:34, davvero da elogiare per non aver mollato.

Uno stupendo medaglione realizzato amano certifica l’averconcluso i 21097 metri, ed è esposta con vanto dai mezzimaratoneti, prima di ritirare la ricca busta ristoro (quasi un pacco gara di altre parti), che permette di riprendere le forze.

Non mancano simpatiche tavolate pantagrueliche da parte di diversi gruppi di atleti che festeggiano così l’ultima gara dell’anno, per riprendere l’anno prossimo. 

Quando ancora mancano gli arrivi degli ultimi, si decide di cominciare la cerimonia di premiazione dell’Arma Azzurra, l’Aeronautica. Sul palco-podio sfilano gli atleti volanti, categoria per categoria, tutti premiati con trofeo e simpatica bassorilievo.

Allontanatosi il sindaco, Emilio Romani, presente però ad assistere a buona parte delle fasi di gara, è il consigliere delegato allo sport, Cristian Iaia, a premiare i meritevoli, a cominciare dai vincitori Mimmo Ricatti e Francesca De Sanctis, per passare poi ai primi cinque di ciascuna categoria per fascia di età. Una ricca confezione di prodotti alimentari soddisfa tutti i partecipanti…

Ultimo atto, la premiazione delle prime cinque società per numero di arrivati (vince la Amatori Putignano con 67, su Montedoro Noci (66), Bitonto Sportiva (63), Barletta Sportiva (61), Nadir on the road Putignano (55). A premio anche le prime tre fuori regione, vince l’Athlos Matera con 10 finisher, su Cirò Marina che corre (6) e Cosenza K42 (4).

E’ tempo di saluti, di foto ufficiale della società organizzatrice, mentre la piazza è già desolatamente vuota.

Aldilà di relativi problemi di controllo di alcune stradine nei due centri storici e qualche difficoltà per gli ultimissimi, ritengo che la manifestazione si sia rivelata anche quest’anno di altissima qualità, ottima per fascino del tracciato e ben gestita. Devo quindi confermare quanto ho affermato in diretta al microfono di Michele Cuoco, mentre cercavo di immortalare (quasi) tutti gli arrivi: la mezza di Monopoliè di qualità, è conveniente, e la gente viene con piacere, come confermano i numeri.

E, d’altronde, anche Lassù è apprezzata, considerando l’acqua che è scesa dal cielo nel pomeriggio e in serata…  

 

Mercoledì, 08 Novembre 2017 15:14

Sumgong, oro a Rio 2016, squalificata per 4 anni

Squalifica di 4 anni per uso di Epo: ecco la condanna inflitta dall’Adak, l’Agenzia antidoping keniana, alla keniana Jemima Sumgong, campionessa olimpica a Rio 2016 di maratona, prima atleta del suo paese a vincere l’oro sulla 42km 195 metri ai Giochi olimpici.

I fatti risalgono al 28 febbraio scorso quando la Sumgong fu sottoposta a un controllo a sorpresa: trovata positiva, fu sospesa dal 3 aprile, giorno di partenza della suddetta squalifica. Le spiegazioni fornite dall'atleta, che ha sostenuto di essersi sottoposta a trasfusione in un ospedale, il Kenyatta National di Nairobi, dove si era recata pochi giorni prima del controllo, per problemi legati al suo stato di gravidanza, non sono state ritenute valide dal tribunale sportivo locale e dall'agenzia antidoping, anche perché la Sumgong non ha saputo fornire il nome del medico intervenuto, e l’ospedale ha fatto sapere di ritenere falsi i documenti presentati dalla maratoneta per discolparsi.   

Alla keniana, che si aggiunge alla lunga lista di atleti keniani condannati per doping, resta però la medaglia olimpica di Rio…

Martedì, 07 Novembre 2017 17:56

Altamura (BA) - 8^ Correndo tra le Mura

SERVIZIO FOTOGRAFICO

Una mattinata climaticamente perfetta per correre, con l’aria frizzante al punto giusto, ma riscaldata e aggraziata dai raggi del sole, ha ospitato la 5^ edizione del Trofeo “Correndo tra le Mura” ad… Altamura. Città operosa e produttiva, Altamura è oramai da anni teatro di più manifestazioni podistiche, sempre ben organizzate; notevole anche il lavoro che si svolge nel settore giovanile, con numerosi atleti di valore venuti fuori in questa realtà.

A tutt’oggi mancano ancora le strutture, manca una vera pista di atletica, occorre spostarsi nella vicina Matera: di promesse ne ho sentite tante, più volte all’anno, dai vari politici che si sono succeduti, senza però aggiungere i fatti alle parole.

Torniamo alla realtà e apprezziamo il lavoro svolto dalla Happy Runners Altamura, che anche per il 2017 si è dapprima guadagnata l’onore e l’onore di organizzare una tappa del Campionato regionale su strada “Corripuglia”, e poi ha svolto discretamente bene l’incarico, dando vita una positiva manifestazione. Quartier generale, partenza ed arrivo sono fissate in Piazza Zanardelli, come da consuetudine: tanti gli spazi per parcheggiare nelle zone limitrofe, non vi sono particolari problemi per “lasciare” l’auto.

Comincia addirittura in anticipo la consegna delle buste contenenti pettorali e chip; 6 euro il costo dell’iscrizione, con consegna di un buon pacco gara alimentare, al quale si aggiunge una profumata e calda “forma” di locale, prodotto dop famoso in tutto il mondo, che invoglia in tanti a consumarlo immediatamente, dato il gran profumo che emana.

 Tenuto a freno l’impulso della fame, accontentandosi magari di un buon caffè o di un gel energetico, gli atleti si regalano una parola, un abbraccio, uno sfottò, un selfie, con i compagni di squadra e i tanti “rivali” delle altre società…

 E’ il piacere delle domeniche di chi corre, che dopo aver rubato quotidianamente l’attimo fuggente per regalarsi un’oretta di corsa, può dedicarsi anche alle relazioni sociali.

 Imperterrito, però, l’orologio ricorda che l’orario di via (le 9.30) si avvicina, e allora gli atleti spariscono per riapparire poco dopo tutti vestiti a festa, pronti per correre.

 Spicca il pullman degli amici di Parabita, è un piacere vederli qui con il resto della Puglia, un applauso e una foto di squadra per invogliarli a stare più spesso con gli “altri”.

 1088 gli iscritti della vigilia, non mancano neanche questa volte varie concomitanze, una mezza nel brindisino, diecichilometri nel leccese e nel foggiano, il calendario pugliese è sempre pieno. Da segnalare la presenza in corsa di oltre duecento liberi, nella speranza che al più presto vogliano anch’essi sancire… il matrimonio con la federazione di atletica!  

Solo due i bagni chimici a disposizione degli atleti, realmente pochi, vi è in aggiunta l’atavica struttura della villa, oppure occorre far ricorso a quelli dei bar, con i gestori già sensibilizzati dagli organizzatori.

Solito via vai colorato per le strade attigue, gli atleti spuntano da ogni dove, per tentare di preparare al meglio i muscoli per la gara. 

Percorso tecnico, con vari cambi di pendenza, mai banale, allenante, spesso maledetto dai meno preparati, che lascia un po’ di scorie nelle gambe nei giorni seguenti, anche a causa del salitone nel finale, che quassi inaspettato si presenta e rosicchia le ultime energie agli atleti, rivitalizzati solo dalla vista del traguardo.  

Ben segnalato dai cartelli chilometrici, con ristoro con bottigliette a metà distanza, blindato al traffico avrei scritto, fin quando il signor Giovanni Bruno, atleta runcard, mi ha contattato e mi ha pregato di fare un appello alle società organizzatrici (quindi non solo Altamura) di aver rispetto e di tener chiuso il traffico fino al passaggio degli ultimi, stanco di dover ogni domenica correre tra le auto, producendosi in pericolose gimkane. 

Ritorniamo però ai momenti della partenza, con la zona ottimamente blindata, con accesso permesso solo dalle retrovie; fanno eccezioni gli atleti più veloci, preventivamente selezionati dalla Commissione Master della Fidal, con il pettorale contrassegnato da uno speciale bollino, che vanno ad occupare la zona pole per una partenza più rapida, sicura e meritocratica.

Il sermone e la benedizione del locale parroco precedono lo sparo del Giudice, che avviene in perfetto orario e non appena gli atleti sono perfettamente dietro la linea id via.

“Pum”, il colpo è partito, il rumore riecheggia, ma già il corteo degli atleti si è notevolmente allungato. Chiude il buon Federico Lospinoso, oggi in gara da libero che completerà l’intero tracciato in retrorunning. 

Due chilometri, solo due chilometri, e gli atleti sono di nuovo qui, il passaggio ci dice che è in testa Gaeta, tallonato da Laurieri, NInivaggi e Uva; a piede Cangiulli, con Bianco vicinissimo, poi Sardella e Patruno.

 

Al femminile già domina Mariangela Ceglia, segue Monfreda, poi Russo.

 

Vanno via i protagonisti, oramai li rivedremo solo sul lungo viale di arrivo, teatro da sempre di sprint, ci sarà senz’altro da divertirsi.

 

L’ottimo Paolo Liuzzi, attivissimo speaker della manifestazione, in contatto continuo con radiocorsa, ci descrive la risalita di Ninivaggi che affianca Gaeta e, man mano, si staccano dagli altri, riducendo la vittoria della gara ad un duello; vari cambi in testa, poi l’incedere sempre più forte di Ninivaggi, che allunga…

 

Niente da dire, Roberto Ninivaggi (Amatori Atletica Acquaviva), atleta altamurano di ventidue anni che per anni ci aveva fatto sperare di aver scovato un futuro olimpionico, ritrovata la voglia di correre e di sacrificarsi, si afferma in 32:12, ritornando al successo in casa dopo quella del 2013. Il buon Roberto, giunto al traguardo con le braccia alzate, dedicherà il successo al suo (… e nostro) caro amico Leo Di Leo, altro atleta promettente, incredibilmente scomparso qualche anno fa…

 

Giuliano Gaeta (Montedoro Noci), al termine di un’ottima prova, ma forse anche oggi dai ritmi iniziali troppo sostenuti, conclude in seconda posizione in 32:20, lasciando a Michele Uva (Free Runners Molfetta), reduce dai “Santi” di Roma in settimana, la terza piazza in 33:01.  

 

Altro storico protagonista dell’atletica pugliese, Vito Sardella (Montedoro Noci), si piazza quarto in 33:09, relegando Gianpiero Bianco (Dof Amatori Turi), altro interprete mercoledì scorso a Roma, al quinto posto in 33:016. E’ sesto il bravo Michele Laurieri (Amatori Atletica Acquaviva) in 33:23, a precedere Sabino Gadaleta (Pedone Riccardi Bisceglie), piedi e mani d’oro, in 33:31, e lo schivo Giuseppe Mele (Dynamyk Palo del Colle), ottavo in 33:41. Una carriera di fatti, Pino Miglietti (Montedoro Noci), classe 1967, non si smentisce nemmeno oggi ed è nono in 33:43, davanti al ben più giovane (ventidue anni in meno) Gabriele Cangiulli (Atletica Don Milani Mottola), decimo in 33:44, forse appesantito dai carichi di lavoro.

 

Una passerella lunga tutto il percorso, l’altamurana – ma tesserata per il Running Team D’Angela Sport di Turi – Mariangela Ceglia va ad affermarsi – 66^ assoluta, senza neanche spingere al massimo – in 37:17. Ottima prestazione anche di Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva), seconda in 39:16, a precedere la tenace Marisa Russo (Marathon Massafra), bronzo in 39:26.

 

Reattiva e convinta, Marie Francesca Zaccheo (Atletica Amatori Corato), è quarta in 39:47, davanti a Mara Lavarra (Amatori Putignano), che interrompe la serie di vittorie e deve “accontentarsi” della quinta posizione in 40:00. Generosa come sempre, Raffaella Filannino (Atletica Disfida di Barletta), chiude sesta in 40:34; ecco Antonia Chiochia (Taranto Sportiva), tanta grinta nel motore, settima in 40:48, davanti ad Antonella Capitanio (Atletica Monopoli), oramai tornata stabilmente tra le prime, ottava in 40:56, a Nicoletta Ramunno (Montedoro Noci), che non sbaglia un colpo, nona in 41:09, e a Mariantonietta Amatulli (Montedoro Noci), sempre agguerrita, decima in 41:23.

 

1013 sono i finisher Fidal: chiudono gli arrivi Antonella Montanaro (Correre è salute Mottola), tra le donne, in 1:11:38, e Mario Buonsante (Amatori Putignano), un esempio di dedizione e amore per la corsa, in 1:16:05.

 

Zona arrivi ben allestita per l’incanalamento dei liberi, con preventiva uscita laterale, anche se qualcuno riesce a “scappare”, invadendo la zona dei competitivi; da migliorare la gestione della zona in prossimità dell’arrivo, evitando la presenza eccessiva di pubblico, curiosi, fotografi di un momento e non autorizzati, che creano noie ai giudici e ai fotografi ufficiali e sono pericolosi per sé stessi e per gli atleti che giungono in piena velocità.  

 

Acqua, crostatina artigianale, yogurt e gelato (anche se gli ultimi resteranno senza) costituiscono il ristoro finale, con gli atleti che vanno a rivestirsi e ad indossare la tuta sociale per gli ultimi momenti della manifestazione.

 

Affisse le classifiche, ci si cerca per verificare la propria posizione, qualcuno lamenta l’assenza dei crono sulle stampe: lo tranquillizzo, comunicandogli che la mancanza a tratti di energia elettrica durante gli arrivi ha creato qualche problema, ma che già nel pomeriggio le troverà complete sul sito della Fidal Puglia.

 

Tutto pronto, ecco i vincitori, Ninivaggi e Ceglia, profeti in patria, che lodati dalla folla, ricevono il trofeo e un ricchissimo cesto di frutta e funghi; seguono i meritevoli della varie categorie per fascia di età, tutti premiati con busta contenete prodotti alimentari locali… che non fanno mai male.

 

E’ la volta delle prime cinque società per numero cumulativo di atleti giunti al traguardo: è prima la Montedoro Noci con 62 arrivati, su Amatori Putignano (61), Atletica Tommaso Assi Trani (58), Gioia Running (41) e Atletica Pro Canosa (40). Tra le fuori regione, vince la Athlos Matera con 8 arrivati.

 

Un riconoscimento ai primi tre liberi e alle prime tre libere, come incentivo a proseguire, precede l’ultimo atto della giornata: la foto di gruppo degli organizzatori che celebra lo “sciogliete le fila”.

 

E’ finita anche questa, restano solo due tappe, Palagianello il prossimo 19, e la mezza di Monopoli, il 3 dicembre, prima della conclusione del Campionato Corripuglia.

 

Per quanto riguarda la prova odierna, aldilà di quanto evidenziato in precedenza, mi sento di lodare l’organizzazione della Happy Runners che, oltre alle solite difficoltà organizzative, ha dovuto lottare con cavilli burocratici per far svolgere comunque l’evento, realizzando una manifestazione apprezzata dai più, confermando la tradizione di Altamura, città del pane e dell’atletica.   

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina