Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Giu 20, 2019 1184volte

Dopo il doping, in Kenia saltano fuori anche uomini finte-donne

La falsa infermiera Pamela Mulupy, in realtà Shieys Jepkosgei, in realtà un uomo... La falsa infermiera Pamela Mulupy, in realtà Shieys Jepkosgei, in realtà un uomo... Foto: www.the-star.co.ke

Li (le?) avevamo evocati /-e non più tardi di ieri a margine delle ultime notizie su Caster Semenya, per spiegare che in quel caso si trattava di una situazione completamente differente. Ricordavamo come la storia dell’atletica sia passata anche da uomini che si sono spacciati per donne, vincendo campionati e titoli olimpici. Salvo poi essere scoperti molto tempo dopo.

Analoga vicenda accade ora in Kenia. Dopo il flagello del doping che ha contaminato anche la Rift Valley, adesso arrivano pure le false donne. Giusto per non farsi mancare niente. In questo caso si tratta di Sheys Jepkosgei, atleta a livello internazionale che ha conseguito successi e piazzamenti in manifestazioni all’estero (Malesia, Marocco, Tanzania, Zambia) seppur non di primissima fascia. Il vizio del trasformismo lo ha tradito (-a??) , in quanto pare sia stato sorpreso in ospedale mentre sotto falso nome sostituiva un’altra infermiera, tale Pamela Mulupy. Una volta condotto nei locali della polizia e confermato lo scambio di persona è stato appurato che il sesso dichiarato sui suoi reali documenti non corrispondesse alla verità.
Insomma Sheys Jepkosgei è un uomo e non una donna. Verrà giudicato per questo scambio di persona dalle autorità locali nei prossimi giorni. A seguire immaginiamo che anche la IAAF provvederà a squalificarlo a vita.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina