Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 26, 2018 Massimo Muratori 1597volte

S. Savino di Predappio ( Fc): La Camineda – Ecomarathon Trail

Arrivato ma senza cena... Arrivato ma senza cena... Marina Muratori

Non lasciatevi trarre in inganno dal nome della gara, non parliamo di una tranquilla passeggiata sulle dolci colline romagnole ma di un trail, di quelli duri puri e anche fangosi quanto basta, svoltosi questa domenica 25.

Gli organizzatori dell’ ASD Trail e Running Forli e il Gruppo Sportivo S. Savino meriterebbero sicuramente maggiore attenzione per la loro gara, che ha visto schierarsi al via 54 concorrenti sul percorso definito Ecomarathon di 44 km, e 75 sul percorso Trail di 24 km.

I classificati sono stati rispettivamente 50 e 74: le due gare avevano in comune un anello di 24 km che per i corridori della lunga iniziava dopo un primo anello di 20 km che, con una iniziale salita senza soluzione di continuità, in 5 km portava sul monte Mirabello con un dislivello positivo di circa 420 mt rispetto ai quasi 200 iniziali. Dopo altri 15 km percorsi rimanendo sempre su quote tra i 500 e 600 metri, con numerosi saliscendi che facevano della loro verticalità, sia in salita che in discesa, motivo di grandi sforzi grazie anche a quantità di fango e neve assolutamente non trascurabili, si rientrava in zona traguardo per ripartire quindi per il secondo anello. Questo, dopo un iniziale tratto defatigante con passaggio a fianco di un allevamento di cavalli, riprendeva il leit motiv di tutta la gara, cioè salite di non più di un paio di centinaia di metri verticali concentrati in tratti molto brevi, e perciò un mix tagliagambe tanto allenante quanto faticoso: specialmente per quei corridori che, sprovvisti di bastoncini, erano in netta difficoltà nelle ripide salite e costretti a equilibrismi estremi nelle discese.

Chi scrive, per ragioni anagrafiche e per conservare un briciolo di dignità, si è invece aiutato con due robusti “bacchetti “ riuscendo ad arrivare in fondo senza cadute e con le terga ancora intonse ( tralasciamo però il riscontro cronometrico che potrebbe far balenare l’ipotesi di un futuro scacchistico anziché sui sentieri montani).

La vera apoteosi del “sadismo romagnolo “ si è avuta però verso il 38° km quando il trailer, già provato dall’impegnativo percorso, si è visto proporre ben 5 guadi su un sentiero pianeggiante che in 500 metri intrecciava il suo incedere con un simpatico, nonché freddino, ruscello di un paio di metri di larghezza e una quarantina di centimetri di profondità: per ben 5 volte appunto (e fin qui tutto bene), ma i nostri simpatici e sanguigni romagnoli hanno pensato bene che, per riscaldare i piedi cui la sensibilità era ormai un ricordo, non ci fosse niente di meglio di una salita di duecento metri verticali in 1800 metri di lunghezza, metà dei quali su un sentiero che non avrebbe sfigurato in un vertical estremo, con un fango che per la sua fluidità e collosità nemmeno alle vicine Terme di Castrocaro riescono ad averlo.

Terminata la salita, un gradito ristoro permetteva ad ogni buon conto di riprendere energie, e con un pezzo di focaccia e una birra si ripartiva tranquilli per gli ultimi kilometri “tutti in discesa”: mai fidarsi! Qualche strappo maligno era ancora in agguato come quello ripido anche se breve 300 metri prima del traguardo che si tagliava dopo un giro attorno al campo sportivo e un passaggio su un terrapieno formato da una piccola discarica di immondizia, che francamente avrei evitato di inserire nel percorso.

La tracciatura del percorso era sufficiente se pur un po’ “diluita” su alcuni tratti di carraie, purtroppo non molto visibile nei colori nero/giallo.

Vantaggio mio di essere arrivato quasi in fondo al gruppo: trovare le docce deserte e caldissime; negativo invece sentirsi dire che come pasta party non c’era più nulla, dunque buttare il braccialetto, dato come contromarca, direttamente nell’immondizia tra l’indifferenza degli addetti. Siamo venuti per correre, non per mangiare…

Precisiamo che in Romagna non si muore di fame alla domenica pomeriggio, e che trovare un panino sulla strada di casa non è stato difficile; però ritengo doveroso rispettare chi arriva a fondo classifica (ma nemmeno ultimo) alla stregua di chi corre più veloce. Nella gara erano indicati due cancelli, che ho passato rispettivamente con 30’ e 1 ora di vantaggio; non era indicato un tempo limite per l’arrivo oltre il quale si sarebbe stati fuori classifica e senza cena. Ricordiamoci che l’ultimo 10% dei classificati non è costituito dai “figli della schifosa“, ma ha, sulla carta , gli stessi diritti di chi arriva prima.

Pacco gara con calice in vetro consegnato come premio finisher, prodotti alimentari, maglietta, bottiglia di vino e calzini misura 48, che opportunamente modificati potranno andar bene come scaldabraccia.

Auguri per una prossima edizione più partecipata; ma non credo che contribuirò a far numero.

2 commenti

  • Link al commento Martedì, 03 Aprile 2018 19:04 inviato da massimo Muratori

    Caro Gianluca,innanzitutto grazie per la risposta, non tutti gli organizzatori lo fanno, anzi molto pochi e avendo io il vizio di recensire le gare che faccio ormai da una decina d'anni non mi è capitato spesso.
    Le considerazioni che ho fatto sulla Vs.gara riguardo la durezza del percorso, guadi compresi, e presenza di fango non erano assolutamente intese come critiche,semmai pregi avendo trasformato quella che definite ecomaratona in un vero trail " duro e puro " appunto, pur essendo un corridore da fine classifica ho la sufficiente esperienza per non stupirmi di trovare fango in montagna dopo giornate intere di pioggia e attraversare un torrentello praticamente a fine gara non costituisce certo un problema,mi è capitato di farlo con la neve a terra all'inizio di una gara da 80 km !
    La mia descrizione della gara era da intendersi con senso di ironia da parte di un "vecchietto" ultra sessantenne che crede ancora di poter correre, il tutto con il massimo rispetto di chi,come te, si sobbarca l'onere di organizzare gare trail dove trova comunque sempre chi si lamenta.
    Credo invece che le due considerazioni fatte sulle bandelle e per il pasta party possano esserVi utili per poter fare meglio in futuro. Il calzino non ha nessuna importanza, ne ho letteralmente un cassetto pieno.
    Come detto non sarò dei vostri il prossimo anno ma questo perchè preferisco fare gare che non conosco non avendo più una lunga carriera davanti, grazie lo stesso per la birra offerta e in bocca al lupo.
    Massimo Muratori

    Rapporto
  • Link al commento Mercoledì, 28 Marzo 2018 11:31 inviato da gianluca rambaldi

    Ciao Massimo, sono Gianluca Rambaldi uno degli organizzatori non che tracciatore insieme a un'altro ragazzo della Camineda Ecomarathon Trail.
    Mi fa molto piacere ricevere critiche costruttive come giustamente hai espresso tu. La nostra denominazione ecomarathon fa riferimento al chilometraggio e abbiamo aggiunto Trail proprio per sottolineare come ben ti sei accorto tu, che è un trail a tutti gli effetti e guardando l'altimetria ci si dovrebbe accorgere della sua durezza. Anche nel volantino e nel sito della gara era ribadito l'aspetto duro e non alla portata di tutti.
    A proposito di questo ti faccio le mie più sentite congratulazioni per averlo portato a termine.
    Come hai detto tu i bastoncini erano di gran aiuto e mi dispiace (per mancanza di tempo) di non essere riuscito a mandare una mail hai pre-iscritti per consigliarne l'uso.
    I guadi che vi abbiamo fatto fare sono stati in forse fino all'ultimo, causa pioggia e neve caduta in abbondanza fino a pochi giorni prima, poi sabato la decisione di affrontarli dato che l'acqua presente non creava pericoli ma tuttalpiù un po di fastidio dovuto hai piedi freddi, e anche il fango che hai menzionato è un rischio di un trail in questo periodo e credimi non è nulla a confronto di quello che ci siamo dovuti sorbire noi per fettucciare e bandellare tutto il percorso nelle due settimane precedenti.
    La bandella nero/gialla effettivamente non è stata una gran scelta e il prossimo anno verrà rivista, probabilmente insieme al periodo di svolgimento che presumibilmente sarà un poco più avanti.
    Infine l'aspetto che mi addolora e rincresce di più. Nei trail siamo tutti uguali dal primo all'ultimo, e dal momento che hai passato i due cancelli nel tempo limite (un'ora o un minuto non ha importanza) hai tutti i diritti di finire degnamente il trail. Sul percorso come hai notato tu non ci sono stati problemi, anche l'ultimo ristoro è sempre stato sufficientemente provvisto, le scope hanno fatto il loro lavoro egregiamente andando dietro alle ultime due ragazze senza mai creare pressioni e tenendosi a distanza sbandellando tutto.
    La doccia come hai notato era calda anche per te e così lo è stato per tutti, e anche l'errore del calzino troppo grande poteva essere risolto se ce lo avessi fatto notare.
    La cosa più grave sicuramente è stata la mancanza di un pasto a fine gara e chiedo sinceramente scusa a tè e a chi si è trovato in questa situazione. Ci siamo affidati a una persona che poi non si è dimostrata all'altezza della situazione, lasciandoci in uno stato di rammarico e dispiacere.
    In conclusione faccio mia culpa di tutti gli aspetti che non sono filati lisci e ti assicuro che riguardo alla gestione pasto fine gara il prossimo anno sarà diverso.
    Ti invito pertanto già alla prossima edizione e ti prometto (oltre al pasto) una bevuta extra alla tua salute.
    Gianluca, presidente ASD Trail e Running Forlì

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina