Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Lug 30, 2023 Ufficio Stampa Evento 848volte

Linguaglossa (CT) – Maxi Race Etna Trail, trionfa in casa Privitera

Un passaggio della lunga Un passaggio della lunga Foto Organizzatori

30 Luglio - Spettacolo al Salomon Maxi Race Etna Trail, l’evento di trail running in programma nel weekend che si è svolto all’interno del Parco dell’Etna, tra zone boscose, antiche colate laviche e grotte, immersi in un paesaggio lunare. Una manifestazione unica al mondo che ha visto trionfare nella competizione regina, la 64K per 3650 metri di dislivello positivo e negativo e partita alle 6 del mattino, l’atleta di Zafferana Etna, Giuseppe Privitera, con il tempo di 8:03:52. Alle sue spalle e ben distanziati: il francese Maxime Bondue, 8:17:19 e Biagio Pirri, 9:08:36. E Giacomo Martorana, 9:17:12, quarto assoluto e primo del team Etna Trail.

Privitera ha fatto una gara in controllo, inizialmente insieme a un altro runner, poi ha proseguito in solitaria, all’inseguimento dei suoi diretti avversari: Francesco Mangano e Salvatore Ragonese, partiti subito fortissimo e poi ritiratisi. È lui stesso che pochi minuti dopo avere tagliato il traguardo racconta com’è andata:  

«All’inizio è stata dura perché Francesco e Salvatore hanno impartito subito un ritmo insostenibile. Mi sono così ritrovato a inseguire cercando di gestire la situazione. Sapevo che la gara era lunga e che tutto poteva cambiare. La mia andatura era costante; dal 40° km mi sono sentito più fiducioso e sono riuscito a riprendere Mangano che era in testa, che poi si è ritirato e prima di lui ha fatto lo stesso l’altro atleta.

E ho continuato a fare la gara in solitaria. È la mia prima partecipazione, avevo vinto la 24K nel 2021, ma la distanza “ultra” non l’avevo mai corsa».

Il punto più difficile del percorso e quello più bello? «La salita all’Osservatorio che porta a 3000 metri; la parte più bella è la discesa che porta a Piano Provenzana dove è posto il traguardo, consapevole che ormai c’è l’arrivo».

Una vittoria cercata con tutte le forze e che Giuseppe dedica a sé stesso.

«Dedico la vittoria di oggi a me stesso; anni fa a causa di un grave infortunio non potevo più fare attività fisica, e il ritorno alle gare lo devo alla mia caparbietà e volontà».

L’atleta ha consumato tante energie, come si premierà per ritrovare tutte le forze?

«Il ristoro ha tante cose buonissime che andrò a gustare e poi stasera mangerò una bella pizza!».

LA 24K, 14K e KA1 VERTICAL – Partite tre ore e mezza dopo la 64K, alle ore 9.30, la 24K e Walk Trail. L’avvio a Piano Provenzana, poi la salita all’Osservatorio Etneo, sfiorando la quota di 3000 metri, e la discesa dal canalone di sabbia vulcanica, volando sulla distesa di sabbia che porta all’arrivo.

Nella 24K hanno trionfato: Marco Barbuscio, 2:30:40 e in campo femminile Lisa Operto (Principato di Monaco), 3:01:44.

Mentre nella 14K la vittoria è andata a Nicholas Iraci, 1:42:31, e tra le donne il primo posto va a Maria Rosa Pighetti, 1:57:50.

Il K1 Vertical, che si è svolto nella mattinata di ieri, è andato ad Alessio Carmignani, 1:03:14, e a Stefanie Manivoz (Francia), 1:04:09.

Una manifestazione che richiede esperienza, energia e tanta passione, elementi che possiede il team organizzativo, Etna Trail ASD e il suo direttore gara, Carmelo Santoro, che racconta: «Siamo molto soddisfatti di questa dodicesima edizione; le persone si sono divertite, e abbiamo avuto tantissimi feedback positivi. Per quanto riguarda la 64K ha trionfato il favorito, Giuseppe Privitera. Si era preparato a dovere per correrla e vincerla».

Un plauso ai quasi cinquecento atleti che hanno gareggiato tra ieri e oggi, la maggior parte provenienti dall’Europa (i paesi più rappresentati dopo l’Italia sono Francia, Malta e Svizzera) che, nonostante le difficoltà dell’aeroporto di Catania non ancora pienamente operativo e che ha causato lo spostamento dei voli su altri scali, non si sono scoraggiati decidendo di affrontare, talvolta, trasferimenti anche lunghissimi. E questo a dimostrazione che Etna Trail è una gara davvero unica al mondo e specialissima, perché unico è il paesaggio che attende i partecipanti, con l’Etna, il vulcano attivo più alto d’Europa che campeggia su tutto e tutti, e il mare e le sue isole a fare da cornice.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina