Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Mar 24, 2019 3483volte

Una Stramilano davvero da record, vissuta da spettatore

La partenza La partenza foto di Roberto Mandelli

SERVIZIO FOTOGRAFICO

Già, capita di non poterle correre le gare, ogni tanto prevale il buonsenso (che raramente alberga negli amatori) ed allora ci si accontenta di vederle. E raccontarle.

Ed è stata davvero un bel vedere questa Stramilano edizione numero 44, festeggiata col botto. Record vero, con 6718 atleti e 'diversamente atleti' passati sotto la finish line, dato che batte il precedente di 6359 (anno 2017). Al solito nelle manifestazioni è meglio fidarsi dei numeri veri, quelli che possono vedere e verificare tutti; le euforie da ufficio stampa, magari indotte dagli stessi organizzatori, spesso fanno … sbagliare i conti.

Anche i tempi dei vincitori non sono stati niente male, certamente gli oltre 20 gradi già alle 10.30 della partenza non hanno aiutato, ma è nel corso della gara che troppi atleti hanno fatto molti chilometri in solitudine, e chi se ne intende sa quanto questo sia importante, in particolare quando si cerca il massimo della prestazione.

Diciamo subito della bella gara di Lorenzo Dini (Fiamme Gialle), quinto col tempo di 1:03:35, che gli vale il personale sulla distanza (precedente Verona 2019, 1:03:53). L’allievo livornese di Stefano Baldini, sia pure con poca esperienza nella mezza maratona ed avendo corso da solo per molti chilometri, mostra una certa predisposizione per i 21097 metri.

Alla fine ha vinto… uno sconosciuto, comunque un atleta del quale si sapeva molto poco, infatti nel corso della conferenza stampa post gara c’è stato un certo imbarazzo nel descriverlo.  Il vincitore Kibor Vincent Raimoi (classe 1996) viene dal Kenya, più precisamente da Nyahururu (contea di Laipikia, Rift Valley), cittadina sede di una delle gare nazionali più importanti, una 10 k dove il 50esimo classificato vale già 29 minuti. Un’area geografica situata a 2300 metri di altitudine che sforna ogni anno atleti di alto livello. Raimoi gareggia spesso in Giappone, era alla sua prima gara in Europa, anche se ha fatto il pacer a Padova nel 2018. Col tempo di oggi, 1:00:10, polverizza il precedente primato (1:01:49, 2018, Tachikawa-Giappone). Ha un personale di 13:35 sui 5.000 metri e di 28:30 sui 10.000, tempo che oggi ha battuto… di passaggio sui 10.000 (28:20)!.

Vittoria quindi con tempo vicinissimo ai sub 60 minuti, dopo una gara avvincente con quello che dai più era indicato come favorito (nonostante fosse all’esordio sulla mezza maratona), il keniano Kipchoge Jairus Birech, fratello minore di quel Cosmas Birech, vincitore della maratona di Roma nel 2018 e per tre volte della Stralugano. Birech ha cominciato ad allungare già al km 10, passato in 28’15, un piccolo vantaggio incrementato sino ad una ventina di secondi, poco oltre il km 15. Poi è iniziata la rimonta di Raimoi, che ha raggiunto e superato Birech negli ultimi chilometri di gara. Terzo un altro keniano, spesso presente in Italia, Paul Tiongik (Alpi Apuane), a chiudere in 1:02:07, nuovo personal best.

Detto di Lorenzo Dini, il podio italiano si completa con Yassine El Fathaoui (1:05:31, Circolo Minerva) e Riccardo Mugnosso (1:07:12, DK Runners).

Gara femminile che ha visto il trionfo di Priscah Jeptoo, argento alla maratona mondiale di Daegu e alle Olimpiadi di Londra 2012. C’erano oggettivi dubbi sulla sua condizione, dopo una maternità e recenti problemi fisici: spazzati via tutti, ha corso da leader controllando la gara sino al km 15, poi “ha cambiato”, come si usa dire in gergo. Ha vinto la gara in 1:08:27, davanti all’etiope Dinke Meseret Meleka (1:10:39) e a un’altra keniana, Lucy Wambui Murigi (1:11:45), già vincitrice di Stramilano 2017 e campionessa mondiale in carica di corsa in montagna. Prima europea la svizzera Mathys Maude, tempo 1:13:46.

Prima italiana è stata Elisa Stefani (1:14:04, ASD Brancaleone); secondo posto per Sarah Giomi (1:17:12, A.S. Dribbling) e terzo per invece per Elisabetta Iavarone (1:18:00, ASD Lieto Colle).

Alla fine per me è stata davvero una bella esperienza, anche se si… fatica a non correre (chi corre mi capisce). Il pass mi ha permesso di girare liberamente prima, durante e dopo la gara: tra gli atleti, i colleghi giudici, i tanti volontari. Di cogliere le espressioni, prima preoccupate perché si teme sempre che qualcosa possa andare storto, poi felici, degli organizzatori (magari un po' meno nelle ore successive, per le critiche che arrivavano dai partecipanti); cito tra i tanti Michele Mesto e Andrea Alzati, due colonne portanti di questa manifestazione. Bravi davvero tutti, a cominciare dai 6718 che ce l’hanno fatta, ma anche quelli che per qualche ragione non ci sono riusciti. Ci saranno tante altre occasioni per loro.

Il comunicato degli organizzatori in merito ai problemi sul percorso, pubblicato ieri sera

Buonasera runner, questo post è rivolto ai partecipanti della Stramilano Half Marathon. In molti ci avete segnalato i disagi dovuti alla mancanza di rifornimenti. Purtroppo il caldo eccessivo, che ha superato quello anticipato dalle previsioni meteo ufficiali, ha creato maggiori esigenze di idratazione nei primi due/tre punti di ristoro, portando ad un incredibile (e ben oltre i soliti standard) consumo di acqua. Volevamo scusarci con chi ha dovuto fare i conti con questo problema, non era assolutamente nostra intenzione far rimanere nessuno senza "carburante". Speriamo che una volta tagliato il traguardo siate riusciti a reintegrare quanto perso durante la gara presso il Villaggio Atleti dove l'acqua non mancava. Vi ringraziamo per esserci stati ed aver dato il vostro contributo a questa grande edizione.

Lo staff di Stramilano.

Informazioni aggiuntive

Fotografo/i: Roberto Mandelli

14 commenti

  • Link al commento Maurizio Lorenzini Lunedì, 25 Marzo 2019 23:33 inviato da Maurizio Lorenzini

    PaoloG, capisco cosa intendi, tuttavia le due manifestazioni non sono confrontabili. La Deejayten è una 10 km, non competitiva, aperta a tutti, dura molto meno; la Stramilano agonistica ( ma non dimentichiamo quella dei 50.000, 5 e 10 km, sono tre corse insieme) impegna strade e persone molto più a lungo, è una gara agonistica di 21 km, riservata a podisti ( tesserati) con diverse esigenze. Sugli ASA in effetti anche a me sono arrivate perplessità, pare non avessero ricevuto adeguate istruzioni, diversi di loro vengono dal ciclismo, realtà ben differente

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 18:16 inviato da PaoloG

    Non credo sia necessario andare all’estero per capire come si gestisce un evento di questa portata. Basta partecipare ad una Deejayten a Milano per vedere come ci si può correggere e migliorare anno dopo anno.
    Da quanto ho letto anche l’utilizzo di personale AsA è stato un mezzo fallimento. Senza una autorità (purtroppo) in Italia non c’è rispetto per nessuno: figuriamoci per chi non porta una divisa o corre in città.
    Personalmente ho invece verificato l’estrema cortesia e comprensione dei Vigili quando ho chiesto di attraversare in moto e, dopo una breve attesa, mi hanno concesso di passare. Bastava un po’ di pazienza e di cortesia ... come in tutte le cose.

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 16:06 inviato da Ennio

    Edizione disastrosa mi sembrava che lo scorso anno le cose fossero migliorate ma è stato un abbaglio gli organizzatori piuttosto di bearsi con le foto dei primi arrivAti e con il sindaco farebbero bene a chiedere scusa in maniera pubblica. Spero che alla mararona vada meglio lo scorso anno mi è sembrata più organizzata

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 15:41 inviato da Sandro

    Ristoro finale da panico scandaloso meglio una tapasciata, andate in Germania per vedere come si organizza un grande evento.

    Rapporto
  • Link al commento Maurizio Lorenzini Lunedì, 25 Marzo 2019 10:38 inviato da Maurizio Lorenzini

    Grazie a tutti per i commenti, questi spazi servono proprio per commentare, e criticare, le gare che si corrono. Ovviamente senza censura. Lo può usare chiunque ed è certamente visto dagli organizzatori. Io non ho corso, quindi non so cosa è successo sul percorso, a questo ci pensa chi ha partecipato. Il pass mi serviva per muovermi in zona partenza/arrivo ed è qui che ho visto almeno una criticità, già riferita agli organizzatori; non l’ho scritta prima, lo faccio adesso, infelice l’accesso al ristoro, si formava una coda esagerata. Bella la medaglia, ma insieme era il caso di dare anche almeno una bottiglietta d’acqua, così l’attesa per guadagnare il tavolo del ristoro era meno pesante; area ristoro che effettivamente è parsa troppo ridotta in rapporto al numero di persone. Di acqua all’arrivo ce ne era tanta, anche alle 13 ne ho vista molta, ma pare chiaro ne servisse di più sul percorso. Maurizio: grave non sia stata accettata la vostra collaborazione, chi partecipa alle gare e chi le organizza sa meglio di chiunque altro quali siano le necessità e come, ad esempio, comportarsi agli incroci
    Achille: preciso che sono un diversamente atleta, probabilmente come te e il 90% di quelli che corrono. E siamo proprio noi che abbiamo più bisogno di maggiore assistenza degli atleti veri, perché stiamo sulle gambe il doppio o il triplo del tempo

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 10:16 inviato da Enrico Baldi

    Edizione disastrosa. Non si è mai vista un'edizione con gli atleti che raccolgono le bottiglie gettate a terra da chi è passato prima o le code all'unica fontanella sul percorso. Una bella figuraccia con i tanti atleti venuti dall'estero. Alle prossime edizioni non mi vedono.

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 10:03 inviato da Mark

    Fabio, direi di più, le tapasciate sono organizzate molto meglio, con passione e spesso competenza, senza la grancassa dei social con slogan idioti. Nessuno rimane a secco e vedi molta più gente rilassata e felice che ad eventi come la Stramilano Half Marathon o la parimenti pessima Milano 21 Half Marathon.

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 09:58 inviato da Fabio

    Buongiorno,
    Ho scritto all’organizzazione per la prima volta in vita mia lamentandomi.
    Chi transitava con tempo oltre le 2h, quindi nei termini delle 3h stabilite da regolarmente hai ristori dal 10k non ha trovato acqua.
    Stiamo parlando della StraMilano, una gara storica e non della strapasciata di 200 iscritti di paese.
    Il ristoro finale un banchetto di 15m con Un coda interminabile con una bottiglia d’acqua e Un una focaccia in busta.
    Ingresso al deposito borse con una coda interminabile per dei “controlli” ...
    Una bella gara per il ricavato ma non per chi corre a 30/40€ no, mi spiace!
    Grazie ,

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 09:25 inviato da MAURIZIO COLOMBO

    Da milanese dico: oggi mi vergogno di essere tale! Complimenti all'organizzazione? Maurizio, ma che gara hai visto? E x fortuna che avevi il pass per poter girare liberamente anche durante la gara.... Probabilmente ti sei soffermato solo a seguire il gruppo di testa! Complimenti all'organizzazione: perché oltre a citare gli oltre 6mila arrivati non si menziona tutti gli atleti rimasti senz'acqua? Al 10°k sentivo gente chiedere sali minerali e chi gestiva il ristoro rispondeva: "sali minerali? Cosa sono?" chi correva nelle retrovie l'acqua era già terminata al primo ristoro. E non mi si venga a dire che è stata una situazione inaspettata: da giorni si sapeva che ci sarebbe stata una giornata calda.... Faccio parte di una società sportiva di Milano, Road Runners Club, che aveva aderito con circa una 40ina di volontari x presidiare incroci e dare comunque una mano agli organizzatori: giovedì pomeriggio la prefettura ha rifiutato il servizio dicendo che non avrebbero garantito la sicurezza degli atleti...... E infatti si è vista la sicurezza: pedoni che attraversavano nel bel mentre che transitava il gruppo di atleti, chi con il cane, chi con passeggini, chi con biciclette, chi con scooter, obbligando noi atleti a correre a zig zag su un percorso tutt'altro che scorrevole (leggi pave', asfalto deteriorato, binari del tram).... Ma per favore, un po' di correttezza! È solo segnalando le cose negative che si può migliorare!!!!!!

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 09:22 inviato da Mark

    Sì, da spettatore tutto molto bello.
    Rischiare il collasso e dover raccogliere le bottigliette per terra per idratarsi, un po' meno.
    Sempre più happening, sempre più social, sempre più business, sempre meno rispetto per le persone.
    Che schifo!

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 07:49 inviato da Achille Mazzeri

    È sicuramente stato un bel vedere, ma non è stato un bel correre, soprattutto per i "diversamente atleti" che pur pagando la stessa quota di iscrizione evidentemente non hanno gli stessi diritti dei runner più performanti: al ristoro del 5° erano già finiti i sali, al 10° non c'era neppure l'acqua, al 15° qualche bottiglietta c'era ancora, al 20° stavano già sbaraccando. All'arrivo venti minuti per una bottiglietta d'acqua, una focaccetta confezionata e tre fette di salame. Niente sali, niente frutta, nulla di dolce. Scherziamo? In una gara corsa attorno ai 25 gradi? Da milanese è doloroso dirlo, ma questa è stata una edizione vergognosa! Non si scherza con la salute delle persone!

    Rapporto
  • Link al commento Lunedì, 25 Marzo 2019 07:43 inviato da Giada

    Non parliamo dei ristori senza acqua ???

    Rapporto
  • Link al commento Maurizio Lorenzini Domenica, 24 Marzo 2019 21:58 inviato da Maurizio Lorenzini

    Dai, ogni tanto non fa male vedere gli altri che corrono

    Rapporto
  • Link al commento Domenica, 24 Marzo 2019 20:06 inviato da Bone

    Grande Maurizio.. Ed io li, al traguardo, ad aspettarti...

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina