Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Ott 01, 2019 547volte

Turi (BA) - 19^ Quattro passi nella storia

Il 5 vincente di Vincenzo Grieco Il 5 vincente di Vincenzo Grieco Foto Antonia Annoscia

29 Settembre - Quattro piacevoli passi nella storia li abbiamo fatti nella mattinata a Turi, sotto un cielo estivo, con tanta accoglienza e voglia di correre e stare insieme.

Diciannovesima edizione, una delle migliori a mia memoria: la DOF Amatori, la storica società locale creata e guidata da Franco Laera, dopo un breve periodo di appannamento, nelle ultime annate ha ripreso al meglio l’attività, tornando a crescere quantitativamente, qualitativamente e nell’organizzazione della manifestazione.

Unico punto da cambiare, l’orario di partenza, fissato alle 10.00, troppo tardi e troppo caldo: il buon Franco immaginava una giornata più fresca e che invitasse a restare a letto un po’ di più, si è trovato invece la tipica giornata pugliese estiva d’autunno, che permette di tornare a mare!

Strade centrali bloccate con notevole anticipo, con parcheggio previsto in Piazzale Pozzi, con tanto di bagni chimici, ai quali si somma la struttura fissa nella Villa cittadina.

Il quartiere generale è fissato in Via Gramsci, sotto la mura di cinta di quel famoso carcere che in altra epoca “ospitò” l’intellettuale comunista; in una stradina attigua si ritirano facilmente pettorali, chip e pacchi gara per chi ne abbia fatto richiesta. Iscrizione base fissata a sei euro, con il premio di partecipazione (una somma di prodotti alimentari ai quali si aggiunge un’utilissima bomboletta di Svitol), un euro in più.

600 gli iscritti della vigilia, un discreto numero se si analizzano le tante concomitanze e la preparazione in corso di mezze e maratone autunnali; ai Fidal si aggiungono oltre settanta liberi, tra i quali spicca Cosimo Girolamo, il caro atleta che corre su due stampelle e la sua unica gamba, un’icona della voglia di reagire e di raggiungere gli obiettivi.

La voce della manifestazione è di Antonio Torres, schietto e vivace, che commenta ogni fase con la sua intelligente spontaneità, aggiungendo sempre una nota di piacevole colore.

Con gli atleti che non faticano a cambiarsi e a vestire i completini sociali, dato il caldo che aumenta di minuto in minuto, si è già pronti con largo anticipo; per fortuna ci pensa Margherita Milano, atleta della DOF e personal trainer, a far muovere i corridori con musica ed esercizi fitness.
I più “fissati” ricorrono al tradizionale risveglio muscolare, tra corsa inizialmente blanda, brevi allunghi e tanto stretching.

Come da regolamento del Trofeo Terra di Bari, il circuito provinciale a tappe di cui la Quattro passi nella storia fa parte, la zona pole in partenza è riservata ai primi 50 uomini e alle prime 20 donne della classifica della precedente gara: predisposta la gabbia, ciascuno di questi atleti ha il pettorale contrassegnato da un bollino colorato, ma – come sempre – sono tanti i non aventi titolo a trovarsi nelle prime file.

Sole sempre più alto e contrario a chi fotografa in partenza; in compenso gli atleti sono ordinatamente schierati dietro la linea di via e dietro il cordone umano formato dai soci organizzatori. Qualche attimo di attesa, il permesso della Polizia locale, ed ecco partire il colpo che libera gli atleti sul tracciato.

Giro unico, con percorso inizialmente extraurbano, con due cavalcavia e un tratto di sterrato piuttosto lungo; dopo il ristoro con bottigliette d’acqua a metà distanza, il progressivo ritorno nella città e nel centro storico, con numerose curve che spezzano il ritmo, e la pavimentazione antica in alcuni tratti che fa lavorare a doppio. Peccato che dopo il 9° chilometro, dopo il passaggio a livello, numerosi atleti prendano la direzione sbagliata tagliando di un buon 500 metri la distanza, non fermandosi né tornando indietro nemmeno dopo i ripetuti inviti di chi segue, né dichiarando il taglio nel post gara (mi piace pensare che sia stato un errore non voluto e non compreso, ricordo che il rispetto delle regole e dell’altro corridore sono alla base di questo sport, altrimenti meglio restare da soli e correre sotto casa).

Tracciato tecnico e nervoso, mai banale, apprezzato per gli scenari, un po’ meno per la fatica soprattutto sotto quel sole pieno: chiuso al traffico, sorvegliato (tranne, proprio, dopo quel maledetto passaggio a livello!).

La gara maschile vede nei primi chilometri condurre un trio composto da Grieco, Busto e Colasuonno; ben presto, però, il terlizzese dell’Atletica Castello di Firenze, il 21enne Vincenzo Grieco, aumenta il suo distacco sugli avversari e, pur non ancora al 100% della forma, va a conquistare il successo in 34:15, dopo aver scambiato il cinque con il papà. Speriamo che la vittoria odierna sia di buon auspicio per questo ragazzo capace ed umile affinché possa ottenere quelle vittorie importanti che sembravano alla sua portata da piccolino.

Alle sue spalle si presentano quasi in linea in fondo al Viale Grasmsci, Colasuonno e Busto; gli incitamenti sono tutti per l’atleta di casa che, letteralmente gasato dal pubblico, dà il meglio di sé: Nuccio Busto è  secondo in 35:29, davanti all’incredibile e brillante Simone Colasuonno, terzo in 35:35.
Michele Di Carolo (Atl. Amatori Cisternino Ecolservizi) è quarto in 35:53, Alessandro Cazzolla (Bitonto Runners) è quinto in 36:53, 4 secondi prima di Pietro Torroni (Futurathletic Team Apulia Barletta), sesto, e  6 prima di Domenico Squicciarini (Atletica Adelfia), settimo.
Dopo l’estate, ecco il ritorno di Francesco Minischetti (Running People Noicattaro), ottavo in 37:09, che precede Vito Alò (Atletica Monopoli), nono in 37:29, e il bravo runcard Salvatore Cera, decimo in 37:40.

Al femminile non c’è storia, troppo più forte Mariangela Ceglia che corre e vince in solitudine in 39:20, 24^ assoluta: per la rappresentante della Futurathletic Team Apulia, l’ennesimo successo della carriera, augurandoci che per la 29enne altamurana i migliori momenti debbano ancora venire.
Secondo posto per Damiana Monfreda (Amatori Atletica Acquaviva) in 41:34 , che sembra aver ritrovato il tradizionale vigore;  terza posizione per Milena Casaluce (Nuova Atletica Bitonto), in 42:03, che non si risparmia mai.

Strano ma vero trovare, forse in puro allenamento senza forzare, in quarta posizione Daniela Tropiano (Atletica Monopoli), in 42:15, che può rallentare ma mai smettere di sorridere; quinta posizione per la 16enne Rebecca Volpe (Enterprise Giovani Atleti Bari) in 42:53, un’allieva che promette davvero.
Maddalena Carella (La Fenice Casamassima) è sesta in 44:44, seguono quattro atlete comprese nel giro di dodici  secondi: Adriana Dammicco (Atletica Bitritto) settima in 45:28, Filomena D’Adamo (Bitonto Runners) ottava in 45:30, Sandra Barbieri (Manzari Casamassima), nona in 45:31, Stefania Antonaci (Bio Ambra New Age Capurso), decima in 45:40.

557 i finisher, chiudono gli eterni Mara Legrottaglie (Runners del Levante) in 1:31:22 e Vincenzo Mirizzi (Atletica Bitritto), in 1:35:32, inframmezzati da Cosimo Girolamo, che non conosce ostacoli.

Ottimo il ristoro finale con focaccia, pezzi di torte caserecce, mela ed acqua, il tutto confezionato in vaschette monoporzione, con i soliti “protagonisti” a fare incetta, passando e ripassando più volte.

Sollecitamente elaborate le classifiche (un chip restituito di un atleta non presente, passato involontariamente sul tappeto, colloca un SM70 nelle prime posizioni scatenando polemiche, per fortuna immediatamente sedate con la ristampa della classifica esatta), si può quindi procedere alla cerimonia di premiazione.

Si comincia, come prassi, dai due vincitori assoluti, Grieco, che si aggiudica il 6° Memorial Piero Palasciano,  e Ceglia, premiate con trofeo e sacca con prodotti per la cura dell’automobile; per passare ai meritevoli delle varie categorie, per fasce di età, i primi tre di ciascuna, tutti premiati con coppa. Premi anche per i primi tre medici (Nico Gatti, Rocco Affuso e Ugo Procoli), per i prime tre rappresentanti delle forze armate (Salvatore Cera, Andrea Reale e Francesco Giove), e i prime tre donatori AVIS (Paolo Sgarra, Pierpaolo Volza e Antonio Dell’Endice). L’estrazione del viaggio più maratona offerto dall’agenzia barese Vivi e Sorridi di Vito Viterbo premia questa volta Gianluca Lopasso, che… tornerà alle distanze lunghe.

Infine la premiazione delle prime cinque società per numero cumulativo di atleti giunti al traguardo: si autoesclude la DOF, vince l’Atletica Adelfia (46) su Amatori Putignano (39), La Pietra Modugno (27), Bitonto Runners (22) e Runners del Levante (22). Un premio speciale è consegnato a Cosimo Girolamo, star dell’evento.

Al termine della “passeggiata”, i complimenti per la DOF sono scontati, la manifestazione si è svolta in maniera corretta e lineare, la gente è rimasta soddisfatta e divertita, i minimi nei espressi – conoscendo Franco e i suoi collaboratori – saranno senz’altro migliorati nella prossima edizione,  che potrebbe essere davvero importante, oltre a festeggiare il ventennale.

       

1 commento

  • Link al commento Martedì, 08 Ottobre 2019 14:09 inviato da Francesco Paolo Giove

    Caro Roberto, scrivi divinamente...riesci a trasmettere le emozioni di una manifestazione anche a chi, per vari motivi, non ha potuto presenziare. Sempre al top!

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina