Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Apr 02, 2020 1527volte

Vicesindaco runner si tradisce: multato e costretto alle dimissioni

Gambe in corsa Gambe in corsa Foto Roberto Annoscia

A Caldarola, in provincia di Macerata, come in tutta Italia, erano continui gli inviti a rimanere a casa per limitare la diffusione del coronavirus.
E il sindaco del paese, Luca Giuseppetti, alcuni giorni fa, aveva postato sui social un video di richiamo dove invitava con decisione la popolazione a rispettare le direttive del Governo: “Vedo troppa gente in giro, c'è chi va ai supermercati due volte al giorno. Mi sono rotto le pa***, dovete stare a casa. È possibile che non riusciate a capire l’importanza di stare a casa? Non lo so se in questo modo riusciremo a venirne fuori, ve lo dico prima. Dite ai medici e agli infermieri degli ospedali che siete stanchi di stare a casa. Trovate sempre una scusa per uscire, malgrado abbiamo attivato un servizio con la Protezione civile per portare la spesa e i medicinali a casa... Non vi è bastato vedere i camion dell’esercito che portavano via le bare?!”.

Ma la sorpresa qualche giorno dopo, quando il vicesindaco, Giovanni Ciarlantini, convinto podista, è finito nei guai. Sul suo profilo Facebook infatti è apparsa l'immagine di una app con il tracciato, i chilometri percorsi e la durata della corsa giornaliera: 30 chilometri. A tradirlo l'applicazione sul cellulare che Ciarlantini si era dimenticato di disattivare, o forse quel certo esibizionismo social che ha preso quasi tutti (non solo podisti), e che al vicesindaco è valsa la multa dei Carabinieri per 560 euro.   

Inutili le scuse e le giustificazioni (“Non ho incontrato nessuno. Ma ho sbagliato e per questo sono stato multato giustamente dalle autorità. Chiedo scusa ai miei concittadini. Per me lo sport è vita e in passato con lo sport ho risolto i miei problemi di natura fisica"), aggiungendo anche che come allenatore di calcio doveva tenersi in forma: a quel punto, Ciarlantini ha dovuto rassegnare le dimissioni dalla carica: “Preso atto della incresciosa situazione venutasi a creare, per la quale rinnovo il dispiacere e le scuse a tutta la cittadinanza, con pieno senso di responsabilità rassegno le dimissioni dall'incarico di assessore e vicesindaco del comune di Caldarola attualmente ricoperti da me”.

Al Sindaco non è rimasto che nominare un nuovo vicesindaco e un nuovo assessore... Improbabile che sia podista, almeno in questo periodo.

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina