Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Roberto Annoscia

Roberto Annoscia

Mercoledì, 24 Febbraio 2021 22:32

Sanremo (IM) - 2° Sanremo Ultra Trail

Nonostante la pandemia, domenica scorsa  21 febbraio si è disputata la 2^ edizione della Sanremo Ultra Trail, gara di interesse nazionale, con partenza all’alba, distanziamento e ogni misura di sicurezza compresa la mascherina indossata per gli iniziali 700 metri. 

Per la prima volta, alla tradizionale distanza di 32km (1750m D+), si è aggiunta la 62km (3300 m D+): le partenze, a scaglioni, da Piazza Borea D'Olmo (di fronte al teatro Ariston), sono avvenute dalle ore 5.30 alle 6.00 per la lunga e dalle 7.00 per la 32 km, rispettivamente con tempo massimo di 13 ore (e due cancelli orari) e di 6 ore.  

Gli iscritti della 62 km, dopo aver lasciato le vie asfaltate del centro di Sanremo, in un percorso ad anello unico,  sono passati sullo sterrato percorrendo sentieri in salita fino a raggiungere Perinaldo (38° km), dopo aver attraversato Bajardo e Apricale, per attraversare Vallebona, Ospedaletti, Bordighera e Seborga, fino a tornare a Sanremo, con arrivo in Piazza Cassini. 

La manifestazione è stata organizzata da Sanremo Bike School, presieduta da Fabio Carota, con il sostegno dell’assessorato al turismo guidato da Giuseppe Faraldi e di tutte le amministrazioni comunali dei centri attraversati.

350 gli iscritti, limitati per via della pandemia, onde garantire condizioni di sicurezza a tutti i partecipanti.

In una giornata soleggiata, nella gara più lunga, podio interamente francese con successo di Kenvin Vermeulen in 6h11:55 su Ugo Ferrari, secondo in 6h32:0, e Patrick Bringer, terzo in 6h37:15.
Quarto Alessio Zambon in 6h43:04 che ha così commentato la sua gara su facebook:  “Era mercoledì, al classico messaggio di Francesco Rigodanza, 'Allora pronto per Sanremo?', non sono riuscito a mentire perché avevo il senso di vomito al solo pensiero di tornare in gara. Lo sapevo che nei piani sarebbe stata una gara di allenamento, ma l’idea di prendere la terza batosta di fila, dopo tutte la passione che metto nella corsa, mi metteva veramente di cattivo umore. Confrontarsi in una gara con un livello così alto non era sicuramente l’antidoto giusto, perché di km nella gambe ne avevo pochi e di sicurezza in me stesso ancora meno. Sono stati mesi in cui però non sono rimasto immobile a piangermi addosso, mi sono messo in gioco e sono andato a fondo di ciò che pensavo non andasse bene. In teoria sapevo che potevo stare meglio, ma la pratica mi spaventava tantissimo. Poi la gara si rivela qualcosa di incredibile, un trail vero, quello duro e tecnico, con il tepore del clima ligure e gli orizzonti senza fine. Non mi guardo mai dietro, non domando mai ai volontari in che posizione sono, perché in quel momento sto sentendo che sto dando il meglio, tutto il resto viene di conseguenza. Realizzo solo alla fine di essere arrivato appena ai piedi del podio, e questa volta la batosta non l’ho presa, e cavolo quanto mi mancava il sentirmi soddisfatto. Ci voleva. Lascio solo qui lo spazio per i ringraziamenti, anche se ci vorrebbe un post ad hoc per quelli organizzatori che si fanno il mazzo per permetterci di correre. Fabio Carota ha veramente inventato una gara, tra le più belle che abbia corso, e l’ha fatto rispettando rigorosamente ogni minima normativa. Che ce ne siano sempre di persone come lui e tutto il suo team!” 

Quinto Silvio Pesce in 6h51:20, con Nicola Poggi sesto in 6h56:33. 

Prima donna (24^ assoluta), Chiara Giovando in 8h10:20 su Laura Besseghini, seconda in 8h13:50, e Guendalina Sibona, terza in 8h37:57. 

98 i finisher della gara più lunga, con 20 ritirati. 

Riccardo Borgialli ha vinto la 32km in 2h36:11 precedendo il francese Anthony Felber (2h36:16) e Davide Cheraz, terzo in 2h36:59; al femminile, successo di Stefania Merlo in 3h47:11, davanti a Laura Fanfani, seconda  in 3h55:52, e Serena Guida, terza in 4h00:37. 

170 i finisher, 27 non giunti al traguardo.

 

 

 :

 
What do you want to do ?
New mail
Martedì, 23 Febbraio 2021 22:00

100km del Passatore: sospese le iscrizioni

23 Febbraio - In attesa che la situazione migliori e che la maggior parte delle restrizioni sia abolita, la 100m del Passatore, a tre mesi della data in calendario (22-23 maggio), decide di sospendere le iscrizioni.

Ecco il comunicato ufficiale degli organizzatori:

“Cari centisti, a tre mesi dalla data prevista per la 48^ edizione della 100 km del Passatore siamo ancora sottoposti a fortissimi restrizioni causate dalla pandemia Covid-19. Tali norme, purtroppo, ci impediscono per ora di garantire i livelli di assistenza e di sicurezza che la nostra gara ha sempre assicurato ai propri concorrenti. Alla luce di ciò, l’organizzazione ha deciso di non accettare nuove iscrizioni fino a quando non sarà  possibile confermare la partenza della manifestazione per l’anno 2021, per poter correre in sicurezza nel suggestivo paesaggio che ci offre l’Appennino Tosco-Romagnolo. Un grazie sincero per il sostegno e la dedizione che in tanti anni ci avete sempre dimostrato, e certi della Vostra comprensione Vi salutiamo con un grande abbraccio virtuale in attesa di poterlo fare di persona.

N.B. – Le iscrizioni effettuate per l’edizione 2020 rimangono valide sia per il 2021 che per il 2022 in caso di annullamento della gara di quest’anno.

 
What do you want to do ?
New mail

21 febbraio - Il campione olimpico e primatista mondiale di maratona (2h01:39 a Berlino nel 2018), il keniano Eliud Kipchoge, ha annunciato con un post su facebook  il suo ritorno alle gare “lì dove tutto è iniziato”.

L’eccezionale carriera di Kipchoge è iniziata ad Amburgo, dove nel 2013, ha corso e vinto (2h05:30) la sua prima maratona: l’appuntamento è così fissato per l’11 aprile nella città tedesca, per la NN Mission Marathon.

La maratona, organizzata per aiutare i maratoneti ancora in cerca del minimo per la partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo, si correrà su un circuito di 10.5m da ripetere per quattro volte, con massimo 100 atleti iscritti.

L’ultima maratona corsa da Kipchoge è stata ad ottobre 2020 a Londra, dove chiuse in quarta posizione in 2h05:41: il keniano nel suo palmares ha 11 vittorie su 13 maratone disputate, con l’oro olimpico a Rio, le quattro vittorie a Londra, tre a Berlino, uno a Chigago.  

Il prossimo 28 febbraio si correrà ad Ampugnano, in provincia di Siena, sull’anello esterno alla pista dell’Aeroporto, una mezza maratona con soli atleti elite di assoluto valore internazionale, tra i quali Yeman Crippa e  Eyob Faniel, che cercheranno di ottenere il nuovo record italiano, superando l’1:00:20 di Rachid Berradi, alla Stramilano il 13 aprile 2002. 

Il percorso si svilupperà sull’anello totalmente recintato e chiuso al pubblico, in una sorta di "bolla" (come piace adesso dire ai giornalisti sportivi che scimmiottano la Bubble dell'NBA statunitense)

Sullo stesso tracciato, l’11 aprile si disputerà la maratona, sempre solo per atleti elite, ad invito, valida ottenere la qualificazione ai Giochi olimpici di Tokyo: il tutto per permettere agli atleti top, che causa pandemia non hanno ancora il minimo di partecipazione, di poterlo raggiungere in una gara teoricamente veloce e piatta. 

La notizia è  stata pubblicata dal sito sienanews.it, che ha scritto come nell’organizzazione della maratona dovrebbe essere presente anche World Athletics, la Federazione Mondiale di Atletica Leggera.

 

 

 
What do you want to do ?
New mail
Giovedì, 18 Febbraio 2021 22:17

La nuova Fidal di Mei, nomine e deleghe

18 Febbraio - Si è svolta stamani  la prima seduta del Consiglio federale della nuova Fidal, ora presieduta da Stefano Mei.

Interessanti le parole del neo-presidente, che non ha gradito il differimento dell’Assemblea elettiva che si è svolta solo il 31 gennaio 2021 impedendo di fatto diverse novità, con la stagione già in corso e l’imminente impegno dei Giochi Olimpici di Tokyo. Da evidenziare anche la critica all’assemblea elettiva in presenza, con la possibile digitalizzazione che avrebbe fatto risparmiare soldi e tempo. Logico poi l’invito a collaborare oramai tutti, per il bene dell’atletica. Ecco le sue parole, come da sito Fidal:

“Abbiamo ricevuto un ideale testimone dalle nostre quasi 3000 società per un compito arduo, in un momento storico molto difficile. Il differimento della data dell’assemblea, rispetto al quale sono sempre stato contrario, non ha fatto che aumentare le difficoltà: la stagione è già in corso, pochi giorni dopo l’Assemblea si sono svolti i campionati Juniores e Promesse, con le altre rassegne tricolori in rapida successione, e siamo a poca distanza dai Giochi Olimpici di Tokyo. Anche i costi dell’assemblea mi convincono sempre di più della necessità di una svolta digitale, verso la quale dobbiamo tendere per far entrare l’atletica nel terzo millennio. La nota lieta è data dai risultati tecnici, sia dei big sia dei migliori giovani, che ho avuto modo di seguire direttamente nei campionati nazionali: il movimento è vivo, vitale, si è fatto innegabilmente un buon lavoro in ambito giovanile, la sfida è fare in modo di mantenere queste premesse. Siamo tutti chiamati a svolgere il nostro compito a supporto dell’Atletica Italiana. Dobbiamo lavorare insieme per restituire al nostro sport il ruolo che gli spetta, ognuno, pur provenendo da fronti a suo tempo contrapposti, apportando le proprie competenze.

Nominato il Segretario Generale: si tratta di Alessandro Londi, già titolare del medesimo incarico presso l’Associazione Atleti Azzurri d’Italia; ecco il commento del presidente Mei:
C’era bisogno di intervenire immediatamente: anche in questo caso, si tratta di una diretta conseguenza della tempistica di svolgimento dell’Assemblea”.

Nominati pure i due vicepresidenti: Sergio Baldo (vicario) e Grazia Maria Vanni, consiglieri che avevano ottenuto il miglior risultato in termini di preferenze in Assemblea Nazionale.

Ecco le deleghe per i Consiglieri:

  • La funzione Organizzazione e Running affidata a Carlo Cantales per: Running, Gestione Manifestazioni, Impianti, Promozione, Master.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Gestione Manifestazioni (Progetto Meeting): Oscar Campari, Elisabetta Artuso.

  • La funzione Regolamento e Tesseramenti affidata ad Alessio Piscini e Oscar Campari per: Regolamenti, Tesseramenti, Calendario, GGG, Statistiche.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - GGG, Statistiche: Simone Cairoli.

  • La funzione Settore Tecnico affidata a Domenico Di Molfetta per: Settore Assoluto, Settore Giovanile, AEC, Corsa in montagna, Ultramaratone, Trail.

    - Elisabetta Artuso, Grazia Vanni.

  • La funzione Amministrazione, Finanza, Bilancio affidata ad Anna Rita Balzani e Gianfranco Lucchi per: Ciclo Attivo e Passivo, Contabilità Generale, Fiscale, Tesoreria.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Ottimizzazione Risorse: Sandro Del Naia

  • La funzione Affari del Personale, Affari Legali affidata ad Alessio Piscini per: Organi di Giustizia, Affari Legali ed Amministrazione del Personale.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Organizzazione Organi Collegiali: Sergio Baldo.
    - Organizzazione Giustizia Sportiva: Margherita Magnani.

  • La funzione Territorio, affidata a Oscar Campari per: Centro Studi, Supporto e Formazione al Territorio.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Supporto e Formazione al Territorio: Grazia Vanni.
    - Rapporti con il Territorio: Sandro Del Naia.
    - Centro Studi: Domenico Di Molfetta.

  • La funzione Marketing e Comunicazione affidata a Simone Cairoli, ad eccezione della Comunicazione del Presidente, per: Media, Comunicazione Eventi e Marketing.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Partnership Commerciali e Tecniche: Margherita Magnani.
    - Comunicazione Digitale, Sito Internet, Atletica TV: Carlo Cantales.

  • La funzione Internazionale e Grandi Eventi affidata a Gianfranco Lucchi per: Gestione Relazioni Organismi Internazionali, Organizzazione Campionati e Manifestazioni Internazionali in Italia, Progetti Speciali.

Nell’ambito della funzione vengono assegnati i seguenti mandati organizzativi:

    - Relazioni Organismi Internazionali: Anna Rita Balzani
    - Progetti Speciali: Sergio Baldo. 

(Coloro che hanno la "funzione" sono, per le attività loro assegnate, responsabili verso il Presidente e verso il Consiglio Federale; coloro che hanno il "mandato" svolgeranno la loro attività sotto il coordinamento di coloro che hanno la "funzione")

Restano affidate al Presidente, oltre al controllo su tutte le funzioni, tutti i rapporti Istituzionali a qualsiasi livello ed i rapporti con enti sportivi (EPS, CIP, FISDIR), istituzioni scolastiche e Comitato Nazionale.

Su proposta del Direttore Tecnico Antonio La Torre, approvati alcune modifiche ai criteri di partecipazione alle manifestazioni internazionali, che puntano in sostanza da un lato ad allargare il numero dei selezionati, consentendo un maggiore margine di manovra alla direzione tecnica, in favore di atleti più giovani o in evoluzione, dall’altro (in particolare per ciò che riguarda la marcia ai Giochi Olimpici di Tokyo) a venire incontro ai problemi riscontrati dai marciatori nella prova con tanto freddo e vento dello scorso 23 gennaio ad Ostia ai Campionati Nazionali, validi come prova indicativa.

Per il calendario, i Campionati Italiani Master indoor sono spostati al 18-21 marzo, con il Consiglio che ha dato la delega al Presidente per una riduzione del numero di partecipanti, in applicazione del protocollo Covid-19.

Infine, anche per la Festa del cross, in programma il 13-14 marzo a Campi Bisenzio (FI), il Consiglio ha dato la delega al Presidente per una rivisitazione del regolamento, sempre nell’applicazione del protocollo Covid-19.

 

 
What do you want to do ?
New mail

18 Febbraio - Anche la Maratona della Grecìa Salentina, in calendario per il prossimo 14 marzo a Calimera, è rinviata nella seconda parte di stagione, esattamente il 7 novembre 2021. 

Ecco il comunicato pubblicato dagli organizzatori sul profilo Facebook della manifestazione: “Il perdurare dell’emergenza legata alla pandemia a solo un mese dalla data prevista, le incognite sul futuro e le difficoltà organizzative di una gara con atleti provenienti da tutta Italia ci costringono, nostro malgrado, a rimandare nuovamente la Maratona della Grecìa salentina al 7 novembre 2021.

Gli iscritti alla gara riceveranno una mail con cui potranno scegliere se gareggiare nell’edizione del 2021 o spostare l’iscrizione al 2022.

Vi ringraziamo e vi diamo appuntamento a novembre, con la speranza di poter tornare a gareggiare in serenità e nella massima tranquillità, perché lo sport è fatto di aggregazione, amicizia, condivisione e divertimento”.

 

 
What do you want to do ?
New mail

14 febbraio, Principato di Monaco - La 29enne keniana Beatrice Chepkoech ha stabilito il nuovo record mondiale femminile della 5 km nella Monaco Run – 5K Herculis, correndo in 14:43.

Chepkoech ha migliorato il recedente primato in gara mista (corsa cioè anche con uomini)  di 14:48 stabilito da Caroline Kipkirui nel 2018, ed è anche un secondo più veloce del record di 14:44 di Sifan Hassan nel 2019 ottenuto però in una gara per sole donne.

La keniana, nonostante il forte vento soprattutto nelle prime fasi della gara che si sviluppa in andata e ritorno sul lungomare monegasco),  è riuscita, aumentando il ritmo nel finale, ad ottenere il record, il secondo della sua carriera  dopo quello dei 3000 siepi in 8:44.32, stabilito nel 2018, sempre a Monaco sulla pista dello stadio Louis II..

Grande soddisfazione è stata espressa da Chepkoech, per un risultato che neanche lei si aspettava, ottenuto nonostante il forte vento e il freddo, anche grazie alla spinta del pacer, che l’aiutata a raggiungere il record.

Secondo posto per la svedese Meraf Bahta in 15:45, terza la francese Alice Finot in 15:52. Assente l’annunciata Nadia Battocletti. 

In campo maschile, vittoria, come da pronostico, per l’ugandese Joshua Cheptegei in 13:14, ma niente nuovo record del mondo, da lui stesso detenuto, stabilito proprio un anno fa qui a Monaco in 12:51.

Secondo posto per il keniano Bethwell Birgen in 13:17, sul connazionale Davis Kiplangat, terzo in 13:19. Quarto il francese Morhad Amdouni in 13:19 che sfiora per un secondo di eguagliare il primato europeo, detenuto da Jimmy Gressier, nella stessa gara un anno fa con 13:18. 

25 gli atleti alla partenza (8 le donne), in pieno rispetto delle norme anticovid.

 

 
What do you want to do ?
New mail

Ancora un keniano sanzionato per doping dall’AIU, l’Atletics Integrity Unit - Agenzia Mondiale antidoping: James Kibet è stato squalificato per quattro anni per positività al nandrolone (uno steroide anabolizzante) riscontrata nelle urine dell’atleta al termine della Corsa dei Santi, Roma 1° novembre 2019 (Kibet concluse in terza posizione in 29:56).

James Kibet, nato in Kenya il 10/11/1988, ad ottobre del 2019 vincitore della mezza di Torino in 1h03:56 (primato personale), con un record sui 5000 di 13:11.88 a Berlino nel 2017, gareggia spesso in Italia cogliendo successi in serie, tra cui anche quello al Meeting XXV aprile di Milano in 28:23.21 (sui 10mila, sempre nel 2019).  

Kibet ha ammesso la sua positività, ma durante il processo ha affermato che la sostanza potrebbe essere entrata nel suo corpo attraverso uno sciroppo di grasso di maiale, producendo anche un video dove un allevatore di suini confessava di nutrire gli animali con “integratori” chimici.
Ma l’AIU non ha accettato la giustificazione, ribadendo che è “dovere personale dell’atleta fare in modo di evitare che nessuna sostanza proibita” entri nel corpo.

Kibet allunga quindi l’elenco di atleti keniani dopati e squalificati, fra i quali ricordiamo il campione olimpico dei 1.500 metri del 2008 Asbel Kiprop, l’ex vincitrice della maratona di Boston e Chicago Rita Jeptoo, e la campionessa olimpica di maratona 2016 Jemima Sumgong.

 
What do you want to do ?
New mail
Mercoledì, 03 Febbraio 2021 18:34

La RAK Half Marathon rinviata al 2022

3 Febbraio - La notizia del giorno è il rinvio al 2022 della 15^ edizione della Ras Al Khaimah Half Marathon (Emirati Arabi Uniti), originariamente in programma per il 19 febbraio 2021  e che avrebbe visto al via numerosi top runners.  

Come recita il comunicato ufficiale, il rinvio si è reso “necessario per garantire il benessere dei nostri partecipanti, spettatori e personale alla luce della situazione in continua evoluzione. Tutti gli iscritti riceveranno il rimborso, come previsto dal regolamento, e, come gesto di gratitudine e ringraziamento,  riceveranno il pacco gara e la medaglia di gara.
La sicurezza di tutti i visitatori di Ras Al Khaimah rimane la nostra massima priorità, e siamo molto grati per la comprensione e il supporto dei partecipanti all'evento in questo momento”. 

 

 
What do you want to do ?
New mail

3 febbraio - Anche il Cross Internazionale della Vallagarina alza bandiera bianca: l’edizione numero 44 non si terrà quest’anno causa covid; ma gli organizzatori già rilanciano per il 2022 richiamandosi alla prestigiosa tradizione di questa gara. Di seguito il comunicato ufficiale:

Il “Cross Internazionale della Vallagarina” si arrende al Covid. La sofferta decisione è stata presa in videoconferenza dal consiglio direttivo dell’U.S. Quercia Trentingrana dopo aver esaminato a fondo tutti i problemi legati all’organizzazione dell’evento.

L’edizione 2021 (la numero 44) collocata nel calendario internazionale alla data di domenica 8 febbraio era stata spostata a domenica 28 febbraio, nella speranza di un miglioramento della situazione della pandemia.

Non è stata ritenuta praticabile l’ipotesi di seguire la strada ipotizzata dai due più importanti cross italiani, Campaccio e Cinque Mulini, che probabilmente saranno disputati solo per quanto riguarda le gare internazionali, cancellando dal programma le gare giovanili e quelle degli amatori-master.

Verrebbe meno la caratteristica di un evento che deve essere una festa della corsa per tutti, per di più senza la presenza del pubblico e con tutti gli oneri e le responsabilità connesse ai controlli anti Covid, in particolare per gli atleti stranieri.

Sulla decisione di cancellare l’edizione 2021 del “Cross della Vallagarina” ha pesato anche l’incertezza relativa al finanziamento da parte di enti pubblici e privati. Negli ultimi anni il budget della manifestazione si è progressivamente ridotto di molto a fronte del pesante calo degli sponsor privati ed anche degli enti e quindi è diventato sempre più difficile poter far fronte agli impegni richiesti dall’EA (Federazione Europea di Atletica), nel cui circuito il Cross della Vallagarina è inserito ormai da 25 anni. 

Spiace molto dover rinunciare ad una manifestazione che nella sua storia ha portato sul circuito di Villa Lagarina grandi campioni dell’atletica italiana e mondiale e che per ben due volte è stata onorata anche dall’assegnazione dei Campionati Italiani. Fra l’altro era prevista anche quest’anno la trasmissione televisiva sulle reti Rai.

Altro elemento di valutazione è stato il fatto che alla Quercia è stata assegnata l’organizzazione dei Campionati Italiani Assoluti su pista a fine giugno, un impegno pesante che si aggiunge a quello del Palio della Quercia del 31 agosto. Quindi una somma di impegni molto onerosi per l’organizzazione della Quercia, impostata sul volontariato.

Comunque il “Cross della Vallagarina” non morirà: tornerà il prossimo anno, contando anche sul sostegno della nuova amministrazione comunale, assicurato dalla sindaca Julka Giordani e dall’assessore allo sport Luca Laffi.

 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina