Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Rodolfo Lollini

Rodolfo Lollini

Mercoledì, 05 Settembre 2018 15:07

La “Roma By Night Run” si correrà regolarmente

Ogni promessa è debito, recita un noto proverbio. Siccome noi di Podisti.net ci riteniamo persone serie, a differenza di altri che anche in ambiti ben più seri non mantengono il loro obbligo morale, Vi aggiorniamo sugli sviluppi della vicenda “bolletta vigili”, da noi affrontata nel recente articolo “Il costo per i vigili bloccherà tutte le corse romane?”.

Per chi non volesse leggerlo, il riassunto è che a pochi giorni dalla Roma By Night Run, una maratonina sul lungo Tevere, il comune di Roma ha mandato agli organizzatori un preventivo di 25.800 euro per l’intervento dei vigili. Costo non preventivato e che sarebbe un colpo mortale per il bilancio della gara, incidendo per oltre 10 euro su ogni singolo partecipante. Oltre a rappresentare un precedente che diventerebbe un pesante macigno per chiunque voglia organizzare una corsa su strada nella capitale.

A poco più di 24 ore dallo start,  abbiamo raggiunto telefonicamente Gianluca Calfapietra di Forhans Team, la società organizzatrice, a cui lasciamo la parola: “Vi confermo che la Roma By Night Run si correrà regolarmente. Ormai era troppo tardi per prendere altre decisioni. Resta inteso che per il futuro sia auspicabile che la FIDAL si muova per raggiungere con i comuni un accordo quadro nazionale che determini delle tariffe eque per il servizio di polizia locale. Anche per non creare diseguaglianze che renderebbero proibitivo organizzare delle gare in alcuni comuni e molto più conveniente in altre località”.

 

E (chiederete) "i soldi?". Questa mattina è stato diffusa (ed è subito rimbalzato su internet, ad esempio sulla sezione di Gazzetta.it dedicato al running) la notizia che la 'fatturina' comunale è stata per il momento ritirata. Rimane il decreto 50, convertito in legge il 23 giugno 2017, che impone il pagamento di alcuni servizi prestati dagli enti locali e pende sulle attività sportive e non solo su quelle: sembra che a breve si apriranno trattative  Fidal/Comune di Roma/Organizzatori. Nel frattempo, si è fatta valere una circolare  della Conferenza Stato-città ed autonomie locali della Presidenza del consiglio dei ministri, pubblicata il 26 luglio, secondo cui il pagamento è dovuto per “attività e iniziative di carattere privato prive di interesse pubblico e che perseguono finalità lucrative”. Ma queste statutariamente non possono essere "perseguite" dalle associazioni sportive dilettantistiche,  che in genere organizzano le gare: semmai, si dovrebbe pensare alle società di calcio professionistiche. che moblilitano centinaia o migliaia di agenti per tutelare l'ordine pubblico. Aspettiamo sviuluppi [F.M.]

 

 

Continua la tradizione che ci vede intervistare Paolo Nobili, il Direttore Gara del Trofeo Montestella, a meno di due mesi dalla manifestazione milanese. Paolo, che “Montestella” dobbiamo aspettarci?

L’obiettivo è sempre lo stesso. Teoricamente molto semplice, anche se in pratica necessita di una grande lavoro preparatorio, del sacrificio dei nostri volontari e del sostegno degli sponsor.  Organizzare una gara che sia piacevole da correre e dove non manchi nessuno dei servizi che rendono ancora più gradevole questa esperienza. Vogliamo cercare di fare bella figura anche stavolta, perché tutti ci guardano. Dall’alto anche la nostra amica Cristina Lena a cui, dalla sua prematura scomparsa, è intitolata la gara. 

Rispetto al passato, quali sono gli aspetti confermati dell’edizione numero 16?

Confermati tutti i servizi. A partire dagli ampi parcheggi gratuiti del Centro Scolastico di via Natta 11. E per chi arriva tardi, c’è sempre l’opzione di quelli della stazione della metropolitana. Anche se, specialmente per i milanesi, suggeriamo caldamente l’utilizzo dei mezzi pubblici. La stazione Lampugnano della linea rossa MM1 è vicinissima. Gli atleti potranno inoltre usufruire di un deposito borse custodito e del cronometraggio automatico. Non mancherà un adeguato ristoro a fine corsa, spogliatoi con docce calde e zone coperte. Il tutto cercando di limitare al massimo i tempi di attesa in ogni fase. 

Si potrà dormire un po’ di più anche quest’anno?

Esatto. Un’altra bella tradizione rispettata, in quanto domenica 28 Ottobre corrisponde col ritorno all’ora solare e dunque quella notte tutti potranno dormire un’ora in più e presentarsi riposati al via alle ore 9, come se fossero le 10. 

Corsa competitiva e non  competitiva?

Confermate entrambe. Alla gara ufficiale FIDAL, inserita anche nel circuito http://www.corrimilano.org/  si affiancherà una non competitiva su analogo percorso, pari a 10.100 metri per entrambe le gare. I non competitivi partiranno in coda al gruppo dei competitivi. 

Novità sul percorso?

Nessuna.  E’ lo stesso tracciato del 2017, bello e “verde”. Tranne l’andata e ritorno dal Parco del Centro Scolastico, sede della partenza e dell’arrivo,  al Parco di Trenno, parte centrale della competizione, si corre in mezzo alla natura. Non male per essere una gara cittadina. Sul sito della manifestazione www.trofeomontestella.it , trovate l’immagine aerea del tracciato che, per trasparenza ci teniamo a dirlo, non è omologato FIDAL. 

Come mai?

Sinceramente crediamo che chi corra, ormai lo faccia consultando i GPS e confrontando le sue prestazioni su analogo percorso un anno con l’altro. Quindi abbiamo preferito risparmiare sulla spesa di omologazione per non tagliare altri servizi, mantenendo un costo che consideriamo molto competitivo per una gara in città, con tutte le complicazioni e le spese accessorie che essa comporta. 

Pacco gara?

Nel pacco dei competitivi ci saranno solo alcuni gadget, mentre i primi 400 non competitivi che si iscriveranno riceveranno una maglia tecnica. 

Perché questa scelta?

Avendo a disposizione un numero limitato di capi avremmo dovuto fare un ordinativo supplementare, ma il costo d’iscrizione sarebbe lievitato ed invece siamo riusciti a contenerlo a soli 10 euro per chi s’iscrive per tempo. Dovendo poi scegliere a chi destinare le maglie, abbiamo deciso di premiare i nostri volontari e la corsa non competitiva che dovrebbe avere numeri simili a quello dei capi disponibili e che, scusate se ritorno sullo stesso argomento, ha costi inferiori, come ad esempio le tasse federali, in questo caso inesistenti. 

Per altre informazioni?

Sul sito dedicato al trofeo  www.trofeomontestella.it trovate tutto, ma in caso di dubbio potete scriverci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Vi aspettiamo tutti il 28 Ottobre!

Sabato 8 settembre riprende la rumba del Club del Miglio. Tutti insieme, appassionatamente, i concorrenti delle varie categorie scruteranno i rispettivi avversari, durante la fase di riscaldamento. Per vedere chi c'è, chi non c'è e salta la prova perdendo punti preziosi. Particolare attenzione sarà data allo stato di forma dopo la lunga sosta estiva. Un periodo chiave, perché c’è chi continua ad allenarsi e gareggiare, presentandosi in formissima, come mai riesce ad essere nel periodo lavorativo.  Ed invece chi interpreta la sosta lunga per rilassarsi. Anticamera dell’ingrassamento ;-)

Teatro della gara sarà l’Istituto Sacra Famiglia di Cesano Boscone, una novità, se si guarda alla storia recente, ma in realtà un ritorno al passato, in quanto questo luogo è già stato teatro di tante sfide sui 1609 metri. Insomma, per chi ha accumulato molte presenze nel circuito, l’esclamazione potrebbe essere “Ancora tu?”, ricordando il titolo di un successo di Lucio Battisti, di cui vi alleghiamo un link della canzone ed una insolita foto dell’artista impegnato in “corsa”.

Per la serie corsi e ricorsi storici, il patron del Club, Fulvio Frazzei, ci ricorda come originariamente il Miglio Ambrosiano fosse disputato a Milano, nei pressi del Centro Sportivo Colombo. Ma negli anni novanta, ovvero con una trentina di anni di anticipo rispetto all’amministrazione capitolina, vedi le notizie recenti in questo articolo, il Comune chiese un milione e mezzo di lire agli organizzatori per usufruire delle due strade su cui era disegnato il percorso. Un cifra enorme se consideriamo la rivalutazione dell’importo al giorno d’oggi e tenendo presente che a differenza della “Roma By Night Run", tracciata nel centro della Capitale, in questo caso ci trovavamo all’estrema periferia di Milano. Ci si rifugiò a Cesano Boscone, presso l’Istituto Sacra Famiglia.

Ancora tu? Non mi sorprendi lo sai.
Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più?

A pochi giorni dalla Roma By Night Run, una mezza maratona nel centro della capitale, come un fulmine a ciel sereno una mail dell’amministrazione comunale colpisce il comitato organizzativo. La comunicazione riguarda un preventivo per le prestazioni dei vigili urbani che devono essere distribuiti sul percorso allo scopo di bloccare il traffico. Un conto da 25.800 euro. Si tratta di una novità ed un costo non preventivato dagli organizzatori che ora si trovano nella necessità di prendere a breve decisioni drastiche in quanto la corsa, prevista venerdì prossimo 7 settembre, a queste condizioni non si può fare. Anche se magliette e medaglie sono già state ordinate, è impossibile scaricare sui 2500 partecipanti previsti un ulteriore onere di 10 euro a testa, come da facile divisione. E’ quindi possibile che la gara venga annullata. Per gli organizzatori sarà un bagno economico, ma certamente inferiore alla “bolletta” dei vigili.

Vi terremo informati sugli sviluppi della vicenda, anche se ancora più importanti sono gli scenari che ne seguiranno. Se questa regola verrà mantenuta, organizzare una corsa podistica a Roma risulterà impensabile, almeno a queste condizioni economiche. E se qualcuno accetterà di pagare la bolletta, resta da capire quanti runner saranno disponibili a pagare cifre d’iscrizione nettamente superiori, necessarie per far quadrare i conti. Regola che poi non è così chiara, nel solito labirinto tutto italiano di decreti trasformati poi in leggi, circolari esecutive e prassi locali, dove l’amministrazione non concede alcun sussidio alla gara, ma poi offre il servizio dei vigili a titolo gratuito

Di certo questo nuovo costo non riguarda solo il mondo della corsa e quindi anche tante altre manifestazioni sportive, calcio in primis, dovranno sottostare a questa regola. O ci saranno figli e figliastri? “Tassa” che peraltro è già attiva in altre città come Milano, dove non è un caso che molti organizzatori di eventi medio-piccoli si siano “rifugiati” all’interno di parchi e comunque di zone escluse al traffico. Pratica che peraltro aiuta ad evitare di ottemperare a tutti gli obblighi della famigerata Circolare Gabrielli, emessa nel giugno 2017 e relativa alle manifestazioni pubbliche. Un altro bel mal di testa per chi ha ancora il coraggio di organizzare una gara su strada. Per quei pochi che resistono poi interviene la FIDAL con tasse, calendari, regolamenti e label gold, silver e bronze, a dare la mazzata finale.

Venerdì, 31 Agosto 2018 16:43

Perde la scarpa, ma vince i 3000 siepi!

Se qualche volta vi è capitato di non fare attenzione all’allacciatura delle scarpe prima di una gara, se vi siete dati del dilettante quando avete dovuto correre per chilometri in situazione di disagio, con un piede che ballava nella scarpa, ebbene sappiate che siete in buona compagnia.

Ieri a Zurigo, mica un meeting qualunque, bensì una delle tappe più importanti della Diamond League, il circuito più prestigioso dell’atletica leggera, è successo di peggio. Ed a sbagliare non è stato un giovane alla prime armi, bensì Conseslus Kipruto, semplicemente il campione olimpico e mondiale in carica sui 3000 siepi.

Persa la scarpa dopo soli 500 metri, il keniano non si è perso d’animo ed ha proseguito per i restanti due chilometri abbondanti, fitti di ostacoli e riviere senza batter ciglio. Poi,  visto che c’era, ha pensato anche di vincere la gara, in un finale allo sprint dove ha avuto ragione del marocchino El Bakkali per soli 4 centesimi.

Quindi, se anche voi siete in grado di vincere con un piede scalzo, se quando vi fermate per allacciarvi la scarpa poi riuscite a recuperare sul vostro avversario, non vi diciamo nulla. In caso contrario lasciateci raccomandare la massima attenzione a questi particolari praticando una doppia allacciatura o dei nodi di sicurezza.

Col ritorno dalle vacanze per molti runner riprende l’attività agonistica e dunque potrebbe essere utile fare una breve riflessione sul ruolo cruciale dei Giudici di Gara. Quindi per coloro che se lo fossero perso, riproponiamo un bel video del nostro canale Youtube, realizzato dai Giudici FIDAL Emiliani, sottolineando come la loro presenza sia indispensabile non solo in pista, ma anche per le gare su strada.

Dura solo un minuto e mezzo: non perdetevelo.

Mercoledì, 22 Agosto 2018 09:46

Debutto in maratona per Fiona May

Il prossimo 25 Agosto, a Todi, Fiona May farà il suo esordio in maratona, ma è inutile che cerchiate altri dettagli della manifestazione sull’aggiornatissimo calendario di Podisti.net, in quanto la prestazione della bicampionessa mondiale di salto in lungo a Göteborg nel 1995 ed Edmonton nel 2001, avrà luogo in un teatro.

Come tanti esordienti sulla distanza, anche Fiona comincerà con una prova molto difficile, ovvero i 42 chilometri nella grande mela. Il titolo dell’opera è infatti “Maratona di New York” ed anche a livello recitativo non stiamo parlando di un’opera prima ma di quello che oramai possiamo definire un “classico contemporaneo” essendo stato messo in scena per la prima volta quasi trent’anni or sono con rappresentazioni in varie lingue in tutto il mondo. Unica variazione rispetto al testo originale riguarderà il sesso dei due protagonisti,  in quanto si tratterà di una versione al femminile. Al fianco della May l’attrice Luisa Cattaneo.

Fiona che ha già maturato alcune esperienze televisive, avrà a che fare con nuove difficoltà tra cui la recitazione dal vivo anche se non saranno certo qualche centinaio di spettatori ad intimorire una campionessa che si è esibita in stadi stracolmi. L’altro aspetto inusuale riguarderà il fatto che la May dovrà correre, recitando per quasi un’ora durante lo spettacolo. In bocca al lupo a Fiona e si ricordi che a differenza del salto in lungo, a teatro ha solo una prova a disposizione e dunque non può esordire con un "nullo".

Giovedì, 16 Agosto 2018 15:31

Malagò, pensaci Tu!

Caro Giovanni,
scusa se Ti chiamo per nome, mi permetto in quanto siamo quasi coetanei e ci occupiamo entrambi di sport, sebbene a livelli ben diversi. So bene che sei molto impegnato nel cercare di convincere amministrazioni locali e politici ad organizzare un’olimpiade,  mettere una pezza ai disastri avvenuti nel calcio, festeggiare molti altri sport per i loro successi continentali, ma qui c’è un problema da risolvere. Urgente.

Mi riferisco alla FIDAL ed ai suoi vertici, che sono riusciti nella difficile impresa di scontentare tutti, tranne loro stessi.

Le società di base, poco sostenute, non ne possono  più dei crescenti balzelli e della concorrenza “sleale” tramite la Runcard.

Gli atleti master di vertice si sentono abbandonati a loro stessi in occasione delle manifestazioni internazionali, dove i dirigenti presenti fanno del loro meglio, praticamente senza disporre di risorse. Pensa che non viene nemmeno offerta una divisa della nazionale…

Gli spettatori, appassionati di questo sport hanno dovuto assistere all’ennesima debacle. A livello di vertice i risultati, desolanti, sia in termini di medaglie che di atleti in finale, sono sotto gli occhi di tutti. Salvo poi leggere comunicati federali trionfali che dimostrano come gli scriventi o non siano a contatto con la realtà oppure mentano, sapendo di mentire.

I giornalisti. Non c’è un media che abbia promosso la recente spedizione azzurra agli europei di Berlino, a partire dai cronisti e commentatori RAI Bragagna e Tilli.

Il vento di rinnovamento è stato boicottato. Stefano Baldini ha appena pubblicizzato le sue dimissioni che a suo dire volevano essere silenziate ed annunciate soltanto in settembre dal presidente FIDAL.

Caro Giovanni, per favore muoviti in prima persona. Non sperare che questi se ne vadano di loro spontanea volontà. Grazie e scusa per il disturbo.

Domenica, 12 Agosto 2018 22:09

Quello che mi è piaciuto a Berlino

Dopo gli aspetti negativi, raccontati nell'articolo che potete leggere cliccando qui, proviamo adesso a vedere il bicchiere mezzo pieno di questo agosto a Berlino. 

Ci è piaciuto molto il bronzo-oro di Yeman Crippa. Terzo al traguardo, ma con una mentalità vincente, uno che ha l’oro in testa e non ci riferiamo solo al colore dei capelli. 

Abbiamo apprezzato anche la parolaccia sfuggita in diretta a Filippo Tortu, che a caldo, dopo la gara, ad un cronista che cercava di suggerirgli la scusa della tosse, precisava che la tosse non c’entrava “unorganogenitalemaschile”. Non siamo fautori della volgarità, ma l’onestà intellettuale ci è piaciuta molto. Meno i media generalisti che hanno classificato come deludente un 10”08 ottenuto in un contesto molto competitivo, con atleti che sono andati sotto il primato di Filippo. 

Perfetto l’happy end per Daisy Osakue, la ragazza vittima del lancio di uova che aveva messo in dubbio la sua partecipazione. Daisy non ha fatto atto di presenza. E’ andata in finale, poi è entrata nelle prime otto ed infine ha stampato un ottimo quinto posto. Nel frattempo aveva “perdonato tutti”. 

Brava la Palmisano, super i maratoneti/maratonete, ma vogliamo chiudere con Yohanes Chiappinelli e non soltanto per la medaglia e la prestazione sopra le aspettative, bensì per un altro motivo. Nato ad Addis Abeba, è un ragazzo adottato da due coniugi senesi all’età di sette anni. Come il connazionale Yeman Crippa, adottato insieme ad otto fratelli da una coppia milanese. I nostri campioni sono stati adottati per amore, non per vincere medaglie come hanno fatto altre nazioni con disinvolte naturalizzazioni di professionisti già adulti.

Domenica, 12 Agosto 2018 22:04

Quello che non mi è piaciuto a Berlino

Si chiudono oggi i XXIV campionati europei di atletica. Lungi da me cercare una sintesi precisa, ecco qui di seguito alcune immagini che mi sono restate impresse di questa manifestazione berlinese, cominciando da ciò che non mi è piaciuto.

Iniziamo con l’organizzazione, perché quando qualcosa non funziona, qui a Podisti.net cerchiamo di non infierire, ma al tempo stesso non facciamo sconti a nessuno, figurarsi se chi manda avanti la baracca non è una società di provincia con risorse e personale limitati, ma nientemeno che la European Athletic Association. Confessando di non avere seguito ogni minuto di competizione, almeno un paio di appunti vogliamo farli. Il primo riguarda la marcia. Fare correre insieme uomini e donne sullo stesso percorso non ci è sembrata un’idea geniale. Anche perché, su un circuito breve, le partenze scaglionate sono un brodino caldo. Ad un certo punto, tra testa della corsa maschile, femminile e  doppiati di entrambi i sessi, non si capiva più nulla, complice una regia internazionale un po’ addormentata. Che dire poi del tracciato. In certi punti abbastanza stretto tanto da rendere problematici i vari sorpassi. Male. Però il vero capolavoro è stato il calendario gare che ha programmato la finale dei 400 metri femminile e dopo un ora e mezza la finale della staffetta 4x400! Fenomeni. L’avessero fatto ai campionati provinciali li avremmo presi in giro per mesi.  

Passiamo ora ai nostri risultati. Ovviamente ci sono anche degli aspetti positivi, ma ne parleremo nel pezzo gemello. Cari amici, il banco piange. Siamo quindicesimi nel medagliere. Virtualmente sedicesimi, visto l’assenza della Russia per le note vicende di doping. Preceduti oltre che dai paesi con popolazione simile alla nostra, anche dalle varie Bielorussia, Ucraina, Norvegia, Svezia, Grecia, Belgio, Olanda, Polonia. Se guardiamo indietro, ovvero ad Amsterdam 2016, siamo riusciti nell’impresa di far peggio, in quanto nella capitale olandese ci piazzammo noni, con sette medaglie, ma due del metallo più pregiato. Tristezza. Anche perché abbiamo rivisto diversi atleti che nel momento cruciale si son letteralmente spenti, una volta raggiunto l’obiettivo qualificazione per i campionati. Altri che come al solito, nella marcia si sono fatti puntualmente squalificare. Chi, nella frazione finale di una staffetta, trovandosi in terza posizione si è sciolta, chi invece ha sbagliato il passaggio del testimone.

Sempre in tema di numeri, se non ci fermiamo alle sole medaglie, ma alla somma dei piazzamenti nei primi otto posti delle varie gare, il cosiddetto “placing table”, scopriamo che rispetto all’ottavo posto con 78 punti di Amsterdam 2016, questa volta ci siamo fermati a quota 58, scendendo al nono posto. 

E non ditemi che c’erano molti giovani perché un minorenne norvegese ha fatto doppietta 1500/5000. Non provate nemmeno a sostenere la tesi che fare sport in Italia sia una cosa difficile in quanto in contemporanea con l’atletica, si sono svolte le rassegne continentali di ciclismo, nuoto e canottaggio, con ben altri risultati per i nostri colori. 

Per i pochi sorrisi, leggete il prossimo articolo, cliccando qui.

Ultime classifiche pubblicate

CLICCA QUI per consultare l'archivio completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina