Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Set 18, 2019 Comitato Organizzatore Trento Half Marathon 1195volte

Catherine Bertone al via alla Mezza di Trento; un occhio di riguardo agli atleti italiani

Catherine Bertone sulle sue montagne Catherine Bertone sulle sue montagne

Il prossimo 6 ottobre sarà la volta della 9^ edizione della Trento Half Marathon, gara che ha avuto la sua consacrazione nel 2018, quando le è stato assegnato il campionato nazionale master. La qualità organizzativa e i riscontri tecnici sono stati tali da meritare il livello Silver, riconoscimento della Federazione di Atletica Leggera dato alle gare più qualificate a livello nazionale.
Nel 2019 si conta di fare ancora meglio; tra le varie iniziative mostra particolare e specifica attenzione verso l’atletica italiana. A parte un montepremi di elevato valore complessivo (10.000 euro!), è stato stabilito un premio extra di 300 euro per l’atleta capace di battere gli attuali record italiani del percorso. Maschile: Said Boudalia, 1:05:52, anno 2011. Femminile: Agnes Tschurtschenthaler, 1:15:10, anno 2017. Premio cumulabile col montepremi generale, unico per il primo italiano/a che batte il record.

Gara che cresce di qualità ed importanza significa anche attrarre atleti di valore: nell’attesa di definire la start list intanto annunciamo che Catherine Bertone sarà al via della mezza maratona. La forte atleta aostana detiene il record del mondo di maratona, categoria master 45, 2:28:34 realizzato alla maratona di Berlino (2017); e poi una partecipazione olimpica (Rio 2016), diverse presenze in nazionale, ottimi risultati e molto, molto altro. Nella vita è medico in pediatria, all’ospedale della sua città, Aosta.
Abbiamo avuto modo di incontrarla e farci raccontare di più da questa infinita atleta, che pare capace di stupire ancora.

Buongiorno Catherine, del mondiale che non farai, forse si è parlato anche troppo, ma se hai da aggiungere qualcosa…
Rinunciare ad una convocazione azzurra non è una decisione facile anche perché il tempo stringe e non so se avrò altre occasioni per vestire la maglia azzurra. Ormai la decisione è archiviata per cui si prosegue con la preparazione della maratona di Valencia di inizio dicembre.

Sappiamo che sei appena rientrata da un allenamento in altura, come è andato? Qualche dato sulle tue sedute?
La vacanza a Saint Moritz piace sempre a tutta la famiglia perché ci permette di godere di bellissimi momenti insieme in mezzo alla natura (si sta 15 giorni in tenda tutti e quattro, io, mio marito Gabriele, le figlie Corinne ed Emilie) oltre ad ammirare i campioni che sfrecciano sulle strade sterrate intorno al campeggio o in pista.
Non facevo fatica a fare due allenamenti al giorno per la bellezza dei posti ed ai ritmi tranquilli della vacanza. Sono riuscita a fare alcuni variati che mi piacciono tanto ed ho avuto la fortuna di incrociare Ivana Iozzia, veterana come me, ed abbiamo condiviso ripetute e sedute di “fondo” molto piacevoli e proficue

Possiamo dire che la Trento Half Marathon rappresenta il tuo rientro alle gare, parlando di mezza maratona?
Sì. In autunno ho previsto al momento due mezze (Trento ed Aosta) e per il resto mi allenerò a casa in vista della maratona di Valencia, 1 dicembre, gara che potrebbe darmi il passaporto per Tokio. L’8 settembre ai campionati italiani di Canelli mi sono migliorata nei 10k chiudendo in 34’03”, ottimo auspicio per la gara di Trento.

Certo che se cominci ad andare forte anche sulle “corte”, che si deve pensare….A proposito della maratonina di Trento, cui mi pare partecipi per la prima volta, ti sei informata sul percorso? Ci sono diverse ondulazioni, anche se alla fine risulta veloce.
Si in effetti sono alla mia prima partecipazione alla maratonina di Trento, il percorso non lo conosco, mi dicono essere un po’ “mosso”, ma non è detto che non possa saltar fuori un bel crono.

Il tuo personal best sulla mezza maratona è attualmente 1:13:03 (Lugano 2019), pensi di avere margini di miglioramento oppure la mezza distanza rappresenta un passaggio verso la maratona?
Per me la mezza risulta quasi sempre preparatoria a qualche maratona...tranne quella di Lugano che capita quasi sempre dopo...e dove vivo un po’ di rendita. Non so quanto margine abbia sulla mezza...certo cercare di togliere 4” per rompere il muro dei 73 minuti...mi tenta ma non so se questo sia veramente realizzabile.

Infine, inevitabile chiedere: dove può e vuole ancora arrivare Catherine Bertone?
Dove può...ai posteri l’ardua sentenza. Dove vorrebbe: continuare a divertirsi correndo e cogliendo, quando arriva, la soddisfazione di raggiungere obiettivi prefissati. So che il tempo passa e il mezzo secolo si avvicina...per cui cerco di godermi giorno per giorno gli allenamenti e la preparazione della maratona; poi si vedrà, un chilometro dopo l’altro o ancor meglio...un passo dopo l’altro.

In bocca al lupo per tutto, a cominciare dalla mezza maratona di Trento.

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina