Direttore: Fabio Marri

* Per accedere o registrarsi come nuovo utente vai in fondo alla pagina *

Lug 04, 2020 790volte

Avanti pure: 4 anni a Wilson Kipsang, ex primatista mondiale di maratona

Wilson Kipsang Wilson Kipsang Foto Web

Sospeso nello scorso gennaio, il 38enne keniano Wilson Kipsang, ex detentore del record mondiale di maratona e medaglia di bronzo olimpica, è stato squalificato per quattro anni per due gravi irregolarità: violazione alla normativa sulla reperibilità ai controlli (whereabouts), non rendendosi reperibile per quattro volte in una anno, e aver fornito poi false prove e testimonianze a sua discolpa.
Il provvedimento è stato adottato dall’AIU, l’"Unità di Integrità dell’Atletica leggera", ovvero l’organizzazione di controllo antidoping mondiale.

Kipsang ha vinto nel corso della sua carriera alcune delle più importanti maratone mondiali, come New York, Londra, Berlino e Tokyo tra il 2012 e il 2017; nel 2013, a Berlino, stabilì il record del mondo in 2h03:23 (migliorato l’anno successivo dal connazionale Dennis Kimetto in 2h02:57, sempre a Berlino, poi portato 2h01:39 dall’altro keniano Eliud Kipchoge nel 2018, ancora una volta a Berlino). Nel 2016 portò il suo personale a 2h03:13 a Berlino, chiudendo secondo dietro Kenesisa Bekele primo in 2h03:03. Nel 2012 aveva conquistato il bronzo olimpico a Londra in 2h09:37.
La sua ultima vittoria di spicco è stata a Tokyo nel 2017 in 2h03:58, mentre nel 2018 aveva chiuso terzo a Berlino in 2h06:48.

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

1 commento

  • Link al commento Lunedì, 06 Luglio 2020 09:29 inviato da Mark

    Ma non sono un po' troppi questi africani che contravvengono alle normative antidoping?

    Rapporto

Lascia un commento

I commenti sono a totale responsabilità di chi li invia o inserisce, del quale restano tracciati l'IP e l'indirizzo e-mail. 

Podisti.Net non effettua alcun controllo preventivo né assume alcuna responsabilità sul contenuto, ma può agire, su richiesta, alla rimozione di commenti ritenuti offensivi. 
Ogni abuso verrà segnalato alle autorità competenti.

Per poter inserire un commento non è necessario registrarsi ma è sufficiente un indirizzo e-mail valido.
Consigliamo, tuttavia, di registrarsi e accedere con le proprie credenziali (trovi i link in fondo alla pagina).
In questo modo potrai ritrovare tutti i tuoi commenti, inserire un tuo profilo e una foto rendere riconoscibili i tuoi interventi.

Prossime gare in calendario

CLICCA QUI per consultare il calendario completo

Ultimi commenti dei lettori

Vai a inizio pagina